Menu

Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 24

Mi sono stati ricostruiti due molari, ma ho notato che ora non c'è più alcuno spazio interdentale

Scritto da Cristina / Pubblicato il
Gentili Dottori, mi sono stati ricostruiti due molari (occlusale distale e occlusale mesiale) ma ho notato che ora non c'è più alcuno spazio interdentale: è come se fosse "sigillato" e non è possibile inserire il filo interdentale. Ho chiesto spiegazioni al dentista, il quale mi ha risposto che l'ha fatto di proposito per evitare che residui di cibo si depositino nello spazio. E' normale oppure potrebbe creare problemi in seguito? Grazie in anticipo.
Gentile Cristina, unire le otturazioni è un grave errore che preclude l'igiene orale nello spazio interprossimale impedendo di passare regolarmente il filo interdentale in quella zona ed esponendola a carie interdentali e formazione di tasche parodontali. Sarebbe opportuno correggere le otturazioni. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Sig. Cristina, ritorni dal suo odontoiatra e si faccia rilasciare un documento in cui sono riportate tutte le motivazioni di questa scelta, poi ci riscriva, che sicuramente le daremo risposte corrette.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara Signora Cristina, difficile farsi un'idea precisa della sua realtà clinica senza vederla. Deve capire che quanto dice Lei, senza vederlo, va preso con molta precauzione perchè, non avendo Lei le cognizioni anatomiche odontoiatriche reali per valutare la situazione potrebbe aver interpretato male la realtà ed io leggendo e basandomi su quanto da lei detto, potrei capire male questa realtà! Ciò detto, da quanto afferma si evincerebbe che le due otturazioni contigue, nel loro punto di contatto non siano state fatte a regola d'arte. Infatti il contatto tra esse deve essere un punto e non una superficie come sembrerebbe. Poi se non vede più lo spazio interprossimale non va bene, perchè la piramide della papilla deve "respirare" e non essere compressa. Il filo interdentale deve poter passare tra le due otturazioni con uno scatto proprio dove deve trovarsi il punto di contatto interprossimale. Temo che le due otturazioni non abbiano rispettato la forma originaria dei denti e siano quindi in eccesso interprossimale con sovradimensionamento e sottosquadri. I sottosquadri raccolgono placca batterica ed impediscono una corretta igiene orale (dimostrata dal mancato passaggio del filo interdentale), il sovradimensionamento porta col tempo ad un danno parodontale con formazione di tasca parodontale e relativo difetto osseo che in questi casi diventa proprio speculare al sovradimensionamento della ottirazione.Come concetto base deve sapere che tutto in natura è forma perchè deve svolgere una funzione. Se cambia la forma, viene meno la funzione. C'è una relazione strettissima tra forma dell'osso, della gengiva e della corona dei denti. Avrà notato che nei denti frontali, dove la giunzione amelo cementizia è molto accentuata (la parte che separa lo smalto della corona dal cemento della radice) è molto accentuata e così è molto accentuara la festonatura della gengiva e la forma della piramide interprossimale che dipendono proprio dalla forma della corona dentale. Sotto la gengiva appoggia su un osso che ha la stessa forma a festone molto accentuato. Nei denti posteriori invece noterà che la giunzione amelo cementizia è molto più dolce, quasi piatta e la gengiva è meno festonata e con la stessa forma e la piramide della papilla molto meno accentuata e sotto c'è un osso che ha la stessa forma con una festonatura molto meno accentuata. Orbene, se una di queste strutture cambiasse forma, cambierebbe anche quella delle altre due con creazione di patologia. Quindi se viene mutata la forma giusta della corona interprossimale si ha un danno alla gengiva ed all'osso. La natura e meravigliosa. Pensi che le cuspidi dei denti e i solchi e le fossette devono avere una forma ben precisa ed i versanti cuspidali, formano con l'orizzontale un angolo che è uguale a quello formato dalla testa del condilo con la cavità glenoide nella ATM (articolazione temporo mandibolare) ad un punto preciso della sua escursione in protusiva. Quindi fare una forma errata di una otturazione o di una corona occlusale e sui versanti cuspidali può alterare la forma della ATM e creare patologie. Come vede dietro l'esecuzione di una semplice otturazione c'è tanta cultura e Professionalità e professionismo! Le due otturazioni vanno quindi, stando alle sue parole, ovviamente, controllate e nel caso rifatte.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE
Cristina240611.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gent. Cristina, non mi sembra assolutamente una scelta appropriata, lo spazio interdentale va sempre conservato, per permettere un igiene adeguata. Cordialmente Dr. Paolo Formenti

Scritto da Clinica dei dottori Molinari W. e Formenti P
Monza (MB)

Gent.ma Cristina, tra due denti contigui il contatto è ridotto ad un punto, non ad una superficie. Facendo combaciare due superfici si ottiene il risultato contrario a quelle che sono le spiegazioni che il suo dentista le ha fornito. Inoltre col passare del tempo la papilla interdentale subirebbe dei danni con formazioni di tasche parodontali. Le otturazioni vanno rifatte. Cordialmente.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Se le cose stanno realmente così non è normale, anzi è grave!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Due otturazioni adiacenti vanno modellate in modo da ripristinare l'anatomia originale dei denti con il relativo punto di contatto e la possibilità di passare il filo interdentale per una corretta igiene. Mi lascia alquanto perplesso la "spiegazione " fornita dal suo dentista

Scritto da Studio Associato Dr. Bonadonna - Dr. Mazzanti
Roma (RM)

Solitamente una ricostruzione che comprende anche lo spazio interprossimale, prevede il mantenimento di uno spazio, seppur ridotto, fra un dente e l'altro, per consentire il passaggio del filo interdentale e lasciare uno spazio biologico per la papilla interdentale. Solo in casi eccezzionali si uniscono completamente due elementi dentari, senza lasciare alcuno spazio (ad esempio negli splintaggi il passaggio del filo interdentale non è possibile, ma rimane quello per un sottile scovolino). In ogni caso, due otturazioni che chiudono così lo spazio interprossimale solitamente non sono corrette, o quanto meno vanno riviste (per la ricostruzione, con matrice e cunei, lo spazio interdentale viene sempre ricreato).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gentile Signora Cristina, no, non è normale.... la terapia consevativa non deve assolutamente alterare le condizioni fisiologiche. Se la natura ha dotato la nostra dentatura di spazi interprossimali tra i denti vuol dire che ciò è necessario per consentire le giuste operazioni di igiene con il filo interdentale e quindi, un alterazione, può provocare nel tempo danni al parodonto (strutture di sostegno del dente). Questo è il mio parere ma è probabile che il suo medico abbia altre motivazioni che io non conosco. Indubbiamente la gestione del punto di contatto non è facile ma si ottiene, bisogna impegnarsi!!!! Mi auguro che lei non sia una paziente del mio studio...scherzo..Buona giornata e buon week end
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Gentile Sig.ra Cristina come da tutte le risposte fornite dai colleghi, (sottoscrivo in toto la risposta del Dr.Petti), anche per me le otturazioni vanno riviste, molto probabilmente c'è stato un malinteso col suo dentista, ci faccia sapere. Buona giornata

Scritto da Dott. Antimo Perfetto
Sant'Antimo (NA)

Gentile signora la condizione Che lei descrive non e' fisiologica Ed anatomicamente corretta, parli col suo curante e faccia ripristinare la pervieta' dello spazio interdentale con un adeguato punto o meglio area di contatto.

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Detta così come la riporta lei non è una cosa corretta. Vorrei che tornasse dal suo dentista e che facesse presente che il filo non passa. Il suo dentista dovrebbe allora creare una sorta di invito per consentirle di eseguire le normali procedure di igiene domiciliare. Le due otturazioni possono essere state eseguite in una serie pressochè infinita di forme, tutte probabilmente corrette se rispondono a due criteri fondamentali: La prima è che sigillino perfettamente la cavità cariosa, e la seconda che consentano il passaggio del filo interdentale. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Gentile Signora Cristina, la mancanza di detersione tra i due denti otturati, vanificata dalle otturazioni, comporterà  sicuramente dei problemi. Se ci fossero state delle necessità  di splintaggio, il Suo curante Le avrebbe fornito le giuste nozioni alternative, mediante scovolino.

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Salve Cristina, le sue domande sono lecite, non ho nulla da aggiungere a quanto hanno detto i colleghi mi preme farle sapere che se dovesse nascere l'esigenza di rimuovere le sue otturazioni si faccia fare un intarsio cioè una ricostruzione della porzione di dente perso attraverso un lavoro eseguito in laboratorio, solo in questo modo si ottengono dei sigilli perfetti cordialmente, P:S: sulla mia pagina troverà il caso completo qui le allego la foto sul modello in gesso
IMG_1441.JPG

Scritto da Dott. Francesco Baldinucci
Napoli (NA)

E' necessario chiarire il problema con il suo dentista in modo che eventualmente prenda i provvedimenti necessari Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Il filo interdentale deve sempre poter passare tra dente e dente, a meno di splintaggio per motivi specifici:in tal caso però, deve poter passare sotto e se possibile anche lo scovolino.. Non vedendo il caso, le mie sono affermazioni generiche... Cordialmente Dr Angelo Beghini Cassano D'Adda MI E Comazzo LO

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Gentile sig.ra Cristina, se non c'è lo spazio fisiologico tra il dente e la gengiva, questa andrà incontro a compressione e ad infiammazione. Viene infatti confezionata-per evitare il problema-uno spazio virtuale utile per il mantenimento dell'igiene. Per questo non credo a quello che le ha detto il dentista, la invito a fare passare a lui il filo interdentale, e se non riesce, a far rifare la protesi, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

La possibilità di passare il filo è essenziale. I due denti dovrebbero aver un punto di contatto non essere uniti. Faccia la prova con due denti contigui non naturali, la situazione dovrebbe essere analoga.

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

Concordo con i colleghi che mi hanno preceduto e ribadisco che se il suo dentista non riesce a ripristinare un adeguato punto di contatto allora è preferibile che si faccia fare degli intarsi in composito...

Scritto da Dott. Vincenzo Zuccaro
Sannicandro di Bari (BA)

Gentile Cristina, le otturazioni effettuate devono rispettare la fisiologia e, pertanto, il filo interdentale dovrà passare attraverso lo spazio dei suoi denti per permettere una buona igiene dei denti stessi. Ne riparli con il suo dentista curante. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile Sig. Cristina, unire due ricostruzioni con la conseguente impossibilità ad usare il filo interdentale è una cosa che non è contemplata nella normale Odontoiatria

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Il punto di contatto deve essere sempre presente si faccia dare spiegazioni e /o vedere da un altro dentista

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gent.ma Cristina, le consiglio di far rifare le due ricostruzioni in modo tale da poter eseguire le comuni pratiche di igiene orale. Non è opportuno tenere unite due ricostruzioni.

Scritto da Dott.ssa Alessia Agabbio
Sassari (SS)

Concordo con tutto quello riferito dai colleghi, si faccia rifare le due otturazioni con la possibilità di poter passare tranquillamente il filo tra i due denti. Distinti saluti.

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)