Menu

Domanda di odontoiatria

Risposte pubblicate: 14

Sanguinamento gengivale

Scritto da annalisa / Pubblicato il
Salve, la notte scorsa mi sono svegliata e sentivo del sangue in bocca, sono andata subito a controllare ed ho visto che proveniva dai molari superiori. Durante la notte sono andata diverse volte a pulire la bocca perchè continuavo a sentire il sangue che usciva. Al mattino appena sveglia, mi sono messa a controllare meglio e da quello che ho potuto notare, sembra che ci sia un taglio sulla gengiva e toccandola riesco a vedere che un pezzettino è staccata dal dente, ma non sono riuscita a capire se effettivamente il sangue proviene da li, oppure più verso il dente. Il sangue non esce di continuo, ma esce, poi passa e dopo un pò lo sento ancora. Non sento dolore a meno che non faccia pressione con il dito sulla gengiva. Questo è il mio problema è visto che il mio dentista in questo periodo non c'è volevo un vostro parere. Quale può essere la causa? Premettendo che ancora non mi escono i denti del giudizio, può essere proprio questa la causa, il dente che si prepara ad uscire? oppure può essere una carie verso l'interno che non riesco a vedere? grazie per la vostra attenzione, ma non mi era mai capitato e mi sono spaventata anche perchè nei giorni scorsi ho preso l'aspirina per l'influenza.
C'è una gengivite o comunque un'infiammazione che può essere localizzata da cause dentali od estesa da cause paradontali. In entrambe le situazioni un controllo urgente dal suo curante è certamente consigliabile con valutazione radiologica, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Gentile Annalisa, sicuramente c'è un problema parodontale che può essere una semplice gengivite o anche, nei casi più avanzati, una tasca gengivale. E' chiaro che la terapia è completamente diversa a seconda del problema parodontale. E' necessario eseguire una visita con sondaggio e radiografia endorale per valutare la situazione. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Nell'attesa che torni il suo dentista per un controllo curi scrupolosamente l'igiene.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Il suo è sicuramente un problema parodontale. Quale sia la causa esatta lo si può stabilire solo dopo un'accurata visita

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Castano Primo (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

Annalisa070311.jpg
Cara Signora Annalisa, o è una trauma o un frammento di un corpo estraneo, come spazzolino, spina di pesce o altro che ha ferito la gengiva o è una gengivite o una fistola o tanto altro, dal più banale evento al più grave. Si risolverà tutto. Se il tuo Dentista non c'è, non puoi rintracciarlo almeno per telefono tramite la sua segretaria? In modo che ti dia dei farmaci locali e generali per evitare l'infezione e poter aspettare il suo ritorno? Altrimenti fallo vedere al tuo Medico Generico che così potrà prescrivere antibiotici eventuali e clorexidina localmente.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile sig.ra Annalisa, un "taglio" sulla gengiva depone per una ferita, potrebbe anche essere un trauma da masticazione,a distanza è molto difficile poter dire a cosa potrebbe riferirsi. Che sia una ferita si evince anche dal tipo di sanguinamento, che supera il coagulo, segno di una lesione di qualche grosso capillare. Anche se il suo dentista non c'è, in condizioni di emergenza si va a visita lo stesso. Le suggerisco anche si curare una eventuale gengivite, e per controllo unire una OPT. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Gentile Annalisa, la causa è legata ad un processo infiammatorio a carico del parodonto. Si faccia visitare dal suo dentista di fiducia il quale le indicherà certamente una o più sedute di igiene orale ed eventualmente ulteriori accertamenti se il problema non dovesse risolversi. Cordiali saluti Dott. D. Cianci.

Scritto da Dott. Dario Cianci
Milano (MI)

Cara Annalisa, bisogna che si faccia vedere da un dentista per valutare se si tratta di una lesione traumatica o infettiva o entrambe. Intanto curi al massimo l'igiene e sciacqui 3-4 volte al di con collutorio. Cordiali Saluti Dott.A. Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Gentile Annalisa, probabilmente si è ferita mangiando qualcosa di tagliente: crosta di pane, un ossicino ecc, ma potrebbe essere anche una gengivite per accumulo di tartaro, vede proprio in quella zona c'è, sulla guancia, una papilla rilevata ed è lo sbocco della parotide (ghiandola salivare)che potrebbe farle accumulare il tartaro in quella zona, le consiglio di fare degli sciacqui con collutori a base di clorexidina al 2%, fintanto che non rientri il suo dentista. Per saperne di più vada sul mio sito personale e tra i casi clinici troverà: igiene orale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sig.Annalisa, in questi casi eccezionali, se non riesce a rintracciare telefonicamente il suo odontoiatra, si potrebbe chiedere un consulto temporaneo a un altro collega immediatamente disponibile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara Annalisa, suppongo che si tratti di un problema parodontale e ritengo comunque che se il suo dentista curante non è allo stato disponibile ce ne sia un altro che possa quanto meno visitarla e tranquillizzarla. Cordiali saluiti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

In effetti l'uso prolungato di salicilati (aspirina) facilita piccole emorragie gengivali, specie quando è già presente una gengivite. Anche il "serramento" da bruxismo favorisce fuoriuscita di sangue dal solco gengivale. Comunque una visita odontoiatrica appena possibile non mi sembra una cattiva idea ;)

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Cara Annalisa, benchè il suo problema non sia motivo di spavento o eccessiva preoccupazione, non trattandosi molto probabilmente di nulla di grave, è indubbio che lei debba prenotare quanto prima una visita di controllo presso il suo dentista di fiducia. Molto probabilmente la causa è una forte infiammazione gengivale provocata dal tartaro o dalla placca batterica da cui poi il tartaro origina. Tenga presente che la maggior parte delle gengiviti interessa proprio la gengiva dei molari superiori (nella zona vestibolare, che è quella che sta a diretto contatto con le guance) e nella zona linguale (cioè "interna", che guarda verso la lingua) degli incisivi inferiori; questo perchè è proprio là che si accumula la maggior quantità di tartaro. La presenza di una fistola o di un molare affetto da una carie destruente con la polpa esposta possono provocare problematiche simili ma, purtroppo, in mancanza di una visita del cavo orale, è molto difficile fare diagnosi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Emanuele Pani
Gonnosfanadiga (VS)

Cara Annalisa molto verosimilmente lei tende ad accumulare molto tartaro e ciò comporta un sanguinamento gengivale. deve tenere sotto controllo il tartaro con sedute di igiene professionale semestrali. distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)