Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 17

Ho estratto il primo molare in basso a destra

Scritto da fausto / Pubblicato il
Ho estratto il primo molare in basso a destra ieri ed e' un buchetto di notevoli dimensioni...considerato che l'osso non ha subito danni perche' devo aspettare 6 mesi per inserire l'impianto poi altrettanti per la corona? sono i tempi di guarigione? scusate ma quel buco e' veramente brutto...
Sig. Fausto, esistono i provvisori che mantengono gli spazi, gli impianti post-estrattivi ecc., in molti casi sono indicati, ne parli con il suo odontoiatra che troverete sicuramente un buon compromesso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Signor Fausto, non si preoccupi: quel "buco" si chiuderà presto! La gengiva ricrescerà coprendolo completamente in circa due settimane, per "seconda intenzione". Invece, per aver osso maturo dove inserire l'impianto, dovrà aspettare i sei mesi previsti dal suo dentista, perchè la ricrescita ossea è molto più lenta di quella gengivale. Una volta inserito correttamente l'impianto, dovrà aspettare altri sei mesi per avere la certezza che sia ricresciuto altro nuovo tessuto osseo intorno alla superficie di tale impianto, al fine di poterlo "caricare" di una corona protesica con la quale poter masticare. Ma tutte queste sono cose che le ha già detto il suo dentista. Non gli ha creduto? Esistono anche altre tecniche che prevedono l'inserimento dell'impianto contestualmente all'estrazione del dente, o poco dopo, oppure il caricamento dell'impianto col dente protesico senza l'attesa degli altri sei mesi, ma il suo dentista ha preferito questa tecnica, per ragioni cliniche e tecniche corrette che solo lui ha potuto valutare. Sia fiducioso nel giusto operato del suo dentista! Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Fausto280111.jpg
Caro Signor Fausto avrebbe dovuto spiegarglielo il suo Dentista ed è disdicevole che non lo abbia fatto! In ogni caso i sei mesi servono per avere una rigenerazione ossea adeguata che tenga poi bene l'impianto e consenta una perfetta osteointegrazione dello stesso.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Fausto, il suo dentista avrebbe dovuto spiegarle il motivo di tale attesa. Torni dal suo dentista e chieda un normale colloquio e spiegazione e manifesti il suo desiderio di accelerare un poco i tempi. Probabilmente e compatibilmente coi tempi di guarigione potrà essere accontentato. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile Signor Fausto, se il suo dentista è implantologo e non ha inserito un impianto post estrattivo avrà le sue buone ragioni. I tempi di attesa sono quelli biologici non abbia fretta.... perchè in questi casi anticipare la terapia chirurgica può portare ad un insuccesso implantare. Buon pomeriggio

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Signor Fausto, i tempi che ci espone sono quelli biologici, è a discrezione dell'operatore, senza rischiare l'esito finale, anticiparli.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Gentile Sig. Fausto, se il suo dentista ha così stabilito avrà le sue buone ragioni in rapporto alla tecnica che utilizza. Chieda direttamente all'operatore il perchè. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Credo di capire che lei intenda per "buco" la mancanza del dente e non il buco lasciato dal dente dopo l'estrazione. In linea di massima la prima intenzione del medico è quella di rimpiazzare la radice naturale con una artificiale (l'impianto). Se il suo dentista non l'ha fatto, un motivo ci dovrà pur essere. In occasione del primo controllo chieda spiegazioni e vedrà che tutto si chiarirà. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Egr. Sig. Fausto dopo un'estrazione dentale bisogna aspettare circa due o piu' mesi perche' bisogna dare la possibilita' all'osso di riformassi (cio' si valuta con indagini radiografiche periodiche). In un secondo tempo si puo' mettere l'impianto e aspettare circa tre mesi per l'osseointegrazione ( osso perfettamente adesso all'impianto ). Esistono mantenitori di spazio che fungono anche da elementi estetici nell'attesa di manufatti definitivi Cordialmente

Scritto da Dott. Francesco Scippa
Roma (RM)

Gentile Sig.Fausto, i 6 mesi di attesa sono quelli biologici affinchè si rigeneri il suo osso e poter inserire un impianto, secondo la prudente tecnica scelta dal suo dentista. Dopo questo tempo, probabilmente saranno necessari anche solo 3 mesi per poter caricare l'impianto con una corona, ma ciò lo potrà valutare esclusivamente il collega da cui è in cura, poichè i tempi dipendono da tanti fattori e non si può per questo generalizzare. Nel frattempo, per quanto riguarda "quell'enorme buco", chieda al suo dentista di metterci un dentino provvisorio e il problema è risolto. Sperando di esserle stata di aiuto, la saluto cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Marta Muscettola
Roma (RM)

Gentile sig. Fausto, il suo giudizio è solo estetico, mentre il nostro è medico, ricordando che la bellezza segue la salute, non il contrario. Lei pensa che l'osso non abbia subito danni, in realtà l'osso deve riorganizzarsi, e ogni processo per seconda intenzione necessita di tempi determinati, in questo caso la guarigione procede da basso per andare verso l'alto e produrre alla fine la "sella" edentula. Il fatto di aspettare per mettere l'impianto è saggio: solo se l'osso all'Rx è ben formato e di giusto spessore può far pensare a perforarlo per la seduta implantare. Ci sono anche impianti che si inseriscono dopo l'estrazione, tuttavia saggezza indica di aspettare. Quando infatti l'impianto viene posto nel suo sito, si determina una reazione inizialmente di necrosi, e solo dopo di osteointegrazione. Per questo motivo l'impianto non viene caricato, cioé non deve essere sottoposto a trazione, né lui, né l'osso. Come vede, le cose in natura hanno i propri tempi, e la diagnosi estetica quindi deve rispettare queste condizioni. Sono certa che alla fine resterà contento, se tutti i protocolli di prudenza sono soddisfatti. Auguri,
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Gentilissimo Sig. Fausto, il buchetto a cui Lei allude, cioè la mancanza del molare, e la conseguente attesa di alcuni mesi, diagnosticata evidentemente dal suo dentista di fiducia,non la deve assolutamente preoccupare, riceverà  successivamente un impianto e poi la capsula e tutto si risolverà. Le consiglio, in questo periodo di attesa, (buchetto),di riflettere attentamente sulla importanza della prevenzione, corretta igiene orale, e controlli periodici, che sono mi creda gli aspetti fondamentali affinchè questo molto probabilmente non accada più. Cordialmente Dott.Giovanni Bucca
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Bucca
Messina (ME)

Gentile sig. Fausto, oggi è possibile programmare di estrarre un dente ed inserire immediatamente un impianto ed a volte pure sostituire con carico immediato dell'impianto, il dente perso. Detto questo per realizzarlo si devono valutare bene le condizioni iniziali per stabilire se la situazione clinica è idonea a questo tipo di terapia, se il suo dentista non l'ha informata delle possibilità di trattamento, delle alternative , dei rischi del trattamento e del mancato trattamento, sicuramente non ha avuto una condotta corretta nello svolgimento della sua attività.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Carlo Alberto Rossi
Milano (MI)

Di solito preferisco inserire impianti non oltre 40-60 giorni dall'estrazione in quanto ritengo che tempi più lunghi possano determinare un ulteriore inutile riduzione della quantità di osso a disposizione della vite implantare. Cordialmente Dott. Antonio Esposito, Avellino.

Scritto da Dott. Antonio Esposito
Avellino (AV)

Caro Fausto, mi meraviglio che il collega non abbia valutato e programmato insieme a lei un Impianto postestrattivo. Se dalla opt o meglio ancora da una tc dentale si valutava la presenza e la sufficienza ossea per ospitare un impianto si procedeva nella medesima seduta ad estrarre il dente e inserire un impianto con un dente provvisorio . Di queste situazioni me ne capitano tutte le settimane e le giuro che si ottengono risultati meravigliosi, sia per l'osteointegrazione dell'impianto sia per il condizionamento dei tessuti per la successiva protesizzazione definitiva. Vada a vedere un mio articolo pubblicato su dentisti italia, su un incisivo laterale superiore e veda che risultati sia estetici che funzionali da parte del paziente. Questo era un lavoro fatto 4 anni fa e l'ultima foto e' quella di controllo a distanza di quattro anni e nota i tessuti intorno al dente come risultano perfetti. Dott. Polito Vincenzo odontoiatra Ariano Irpino Av
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vincenzo Polito
Ariano Irpino (AV)

Caro Fausto si può fare un impianto post estrattivo se non c'è infezione ma comunque una volta deciso che tipo di impianto fare conviene proseguire in una dimensione, oltre al fatto che gli impianti classici cono i più studiati e i più affidabili in assoluto faccia rigenerare l'osso e stia tranquillo distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Egregio Sign. Fausto, dopo aver estratto un molare inferiore, che di certo presentava evidenti problemi, o di natura parodontopatica o di eventuale frattura o erosione da carie con possibili granulomi localizzati all'apice della radice, sarebbe saggio attendere i giusti e dovuti tempi di rimodellamento osseo, che di solito nella mandibola avvengono in 3-4 mesi di tempo. Sè il collega non ha pensato di inserire un impianto post-estrattivo, avrà di certo avuto i suoi buoni motivi, per rispetto della sua salute di attendere quel tanto che maturi nuovo osso per poter ospitare degnamente un Impianto!!! Detto cio', abbi fede e pazienza che nel giro di pochi mesi, si potrà risolvere al meglio il tutto, previa una nuova rx-opt, da cui il suo dentista potrà serenamente operarlo con piu' serenità. Distinti saluti Dr. Tommaso Giancane
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)