Menu

Domanda di gnatologia

Risposte pubblicate: 9

Ho un problema alla mandibola da ormai diversi anni

Scritto da Debora / Pubblicato il
Buongiorno, sono una donna di 30 anni, ho un problema alla mandibola da ormai diversi anni, ma si limitava a un CRICK al momento dello sbadiglio. Da un mesetto ho notato che è diminuita l'apertura della bocca, il CRICK è più frequente e in diversi momenti: sbadiglio e durante i pasti. Leggendo su internet, ho collegato un altro problema a quest'ultimo. Di rado mi sveglio di notte con assenza di respiro. Sto cercando uno gnatologo a Roma per il mio problema, purtroppo non conosco nessuno e vorrei trovarne uno di fiducia che mi possa aiutare nel risolvere il mio problema. Ho trovato vari nomi e vari prezzi su internet e non nego che sono perplessa sulla differenza di prezzi, vorrei sapere in cosa consiste la prima visita? Resto in attesa di risposta, grazie
Ho un problema alla mandibola da ormai diversi anni
gnatologia-dr-g.petti-cagliari-37.jpg

Cara Signora Debora, buongiorno. Ho trovato vari Gnatologi e vari prezzi! Vada dal Dentista, scelto per Fiducia e Stima e non in base a visite gratis e preventivi apparentemente convenienti! Segua la "Vox Populi" o cerchi su questo portale in "Trova Dentista " in Home page digitando la città e leggendo i curricula. Poi digiti il nome del Dentista su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo, ma almeno sa che sta recandosi da un Dentista colto e che fa cultura, il ché è già un buon inizio! Ha una patologia Gnatologica. Lei fa riferimento anche alle "Apnee notturne" (almeno sospette) e si sarebbe arrivati a valutare tra le tante verifiche da fare, se procedere a registrazioni particolari presso Odontoiatri esperti in Medicina del Sonno. Per esempio Mia Figlia Claudia è una Odontoiatra che si occupa di queste patologie (della Medicina del Sonno), dette con l'acronimo di OSAS se meno gravi o CPAP, (continuous positive airway pressure)se più gravi, quando la respirazione a pressione continua positiva diventa intollerabile, con terapie con TRD (tongue retaining device)che trattengono la lingua in posizione anteriorizzata o MRA (mandibular repositioning appliances)che fanno avanzare la mandibola, dopo analisi neurologica anche a domicilio, tra cui anche la POLISONNOGRAFIA,tutto in collaborazione con un Neurologo od un Centro Specializzato ad Hoc! Bisogna valutare se si verificano apnee notturne e "russamento"! Come vede la Visita Odontoiatrica Clinica è "cosa seria e complessa e carica della Cultura del Medico Dentista"! : Le spiego qualche cosa:

Una Diagnosi Gnatologica non la si fa con una sola Visita Clinica ma con diverse Visite e strumenti idonei come l'arco Facciale di Trasferimento che rileva la posizione spaziale delle sue arcate rispetto alla base cranica ed il movimento di Bennet.Per fare una Diagnosi e programmare una Terapia, bisognerebbe vederla Clinicamente, questo discorso che spero non la tedi, è per spiegarle e farle capire che le patologie dell'apparato stomatognatico (La bocca nel suo intero) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica oltre che Terapeutica!L'eventuale patologia può anche doversi ricercare nella Gnatologia dell'apparato stomatognatico con palpazione delle ATM per saggiarne e valutarne i rumori e i movimenti dei condili e palpazione dei muscoli Masseteri e Pterigoidei che sono i primi ad andare in contrattura, specialmente gli Pterigoidei, in caso di Patologia della ATM e valutare le tre disclusioni incisiva o protrusiva, laterale sin e dx o canina e massimamente retrusa coi denti posteriori a contatto o Relazione Centrica con valutazione di Over Jet ed Over Bite e delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monsen.Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Come vede la Visita Odontoiatrica è molto più profonda e seria di quanto si pensi.Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale.Che dirle ancora: Tenga presente che la GNATOLOGIA studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione",precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d'occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d'occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura. Si faccia visitare da un bravo Gnatologo.ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Le ho spiegato perchè non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità, perchè senza averla visitata non è possibile, infine ci sono terapie di riabilitazione neuro muscolo-occlusale, della postura della lingua e della sua fisiopatologia e della deglutizione. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente ...studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari il cervello, per così dire, in questo modo dimentica la posizione errata patologica memorizzata da esso e si può trovare anche così la nuova posizione della mandibola, quella "buona","corretta", il bite infatti può essere terapeutico sintomatico e diagnostico e, una volta trovata la nuova posizione della mandibola, si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia definitiva di riequilibrio occlusale.

Le lascio un Poster di una parte di visita Gnatologica con Arco Facciale di Trasferimento e podometrica computerizzata con anche analisi statica.

Ringraziandola ancora per la Stima e la Fiducia, la saluto cordialmente

CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Nel campo della gnatologia esistono molte scuole diverse, molte valide qualcuna meno. Penso che questa mancanza di uniformità o standardizzazione si rifletta anche sui costi della prima visita o del trattamento etc. Il risultato finale sarà quasi in ogni caso il byte. Ma il percorso per arrivarci può essere assai diverso. Quanto al reperire, provi a cercare proprio in questo sito un collega che si occupi di questa affascinante argomento

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Buongiorno, molto probabilmente soffre di disfunzione temporomandibolare, ma per accertarne la diagnosi va eseguita una buona anamnesi e un esame obiettivo che consiste nella palpazione dei muscoli masticatori e associati al sistema stomatognatico, una palpazione dell'area articolare, una valutazione occlusale e dei movimenti mandibolari in apertura, protrusione e lateralità. Inoltre per accertare meglio la natura del problema generalmente prescrivo una risonanza magnetica dell'ATM in apertura e chiusura. L'assenza di respiro può essere associata ad una scorretta postura mandibolare notturna e/o da una avanzata riduzione della dimensione verticale occlusale dovuta a forte abrasione dentale o ad assenza di denti posteriori.
 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Venditti
Priverno (LT)

Sig. Debora, il prezzo non è un indice di bravura del professionista, le pubblicazioni l'esperienza sono referenze importanti. Le consiglio di non guardare il prezzo della visita, ma di cercare in questo portale la scheda di presentazione dove troverà curriculum e pubblicazioni.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara signora non faccia questione di prezzo o di distanza. La Sua situazione comprende di sicuro una malocclusione dentale e in questo caso una ortopantomografia (panoramica) è di solito sufficiente a documentare modifiche ossee dell'articolazione con "geodi o osteofiti" presenti nel disordine temporomandibolare che Lei di sicuro ha. Di solito questo aspetto non è valutato bene a sufficienza ma da una semplice panoramica si può vedere l'erosione e la probabile riduzione dell'osso dell'articolazione temporomandibolare.

COSA IMPORTANTE Questo arresto del respiro mi fa pensare che potrebbe essere presente una apnea ostruttiva notturna. Alcuni segni di solito l'accompagnano (es. episodi di sonnolenza pericolosi se vengono alla guida) ed altri. Alzarsi stanca, sentirsi "spenta", concentrarsi con diffoltà possono essere sintomi "di accompagnamento" da approfondire. Deve assolutamente affidarsi a chi conosce queste problematiche perché potrebbero costituire un serio pericolo per la sua salute.
Saluti
 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Sig.ra Debora Buongiorno
Il suo problema è di carattere gnatologico e durante una visita gnatologica si valutano diversi aspetti tra cui la presenza di malocclusione dentale,la dolenzia e la contrazione dei principali muscoli masticatori(masseteri temporali e pterigoidei),la funzionalità dell'articolazione temporo mandibolare (limitazione movimento ,rumori articolari).Ci si avvale anche di test e di esami strumentali (Io ad esempio uso il teethan che è un elettromiografo di superficie,Come può vedere sul mio sito)E se necessario di richiede una risonanza magnetica delle ATM per valutare le condizioni dei capi articolari e del menisco.Utile sempre la collaborazione con altri specialisti quali osteopati e fisioterapisti competenti.Il primo passo dopo la visita e ' quasi sempre un bite che in primis serve a fare diagnosi e dopo 8/12 mesi si può valutare come proseguire.Nella sua zona non so consigliarle un nominativo di un collega ma posso suggerire di guardare per esempio sul sito dell'AIG(associazione italiana gnatologia).
Cordiali saluti

Dott.ssa Marina Fiocca
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Marina Fiocca
Cremella (LC)
Renate (MB)

A Roma si affidi alla clinica odontoiatrica dove è presente un buon reparto di Gnatologia guidato dal Prof Di Paolo. Nel reparto vi sono anche colleghi che trattano pazienti con apnee notturne. Spero di esserle stato di aiuto La saluto cordialmente.
 

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Gentile Sig.ra Debora, una buona visita gnatologica richiede tempo, esperienza, bravura. Ora fermarsi al prezzo mi sembra molto limitativo. Quello che deve fare è cercare un professionista che le ispiri fiducia ed affidarsi a lui. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Buongiorno Signora, mi permetto di consigliarle, anche solo per una migliore consapevolezza sua, di rivolgersi o al Prof Francesco Pachì o al dottor Domenico Fontana o addirittura a tutti e due.
Sono ambedue titolari di studio a Roma anche se in zone diverse.
Cordiali saluti
 

Scritto da Dott. Giampiero Bonazzi
Milano (MI)

Sullo stesso argomento