Menu

Domanda di endodonzia

Risposte pubblicate: 23

I canali si chiudono subito nella stessa prima seduta o è meglio chiuderli successivamente?

Scritto da MADDALENA / Pubblicato il
Gentili dottori, vorrei capire se una volta trattati i canali si chiudono subito nella stessa prima seduta o è meglio chiuderli successivamente, anche dopo un mese? Grazie.
Cara Signora Maddalena, anche dopo un mese certamente no! Chiudere in prima seduta o in seconda o terza seduta, dipende dalla patologia che ha e dalla scuola ed abitudini od attitudini personali che predilige il suo Dentista. Ecco perchè probabilmente riceverà diverse risposte in questo stesso sito e troverà diverse opinioni presso diversi Dentisti che avesse consultato! L'Odontoiatria è una Specialità Medico-Chirurgica molto Specialistica, meravigliosa e creativa e lascia spazio all'inventiva, genialità ed estro innati in non tutti i Dentisti pur seguendo linee guida internazionali ben precise ma superabili individualmente. Poi troverà Professionisti integralisti che non amano la creatività personale e si attengono scrupolosamente alle linee guida dettati dagli altri come se gli altri fossero i soli "geni" ad aver capito tutto!So che questo discorso potà destare scandalo presso Colleghi e Pazienti. Ma personalmente la penso così! D'altra parte un Bravo Professionista si distingue dall'altro e si stacca dalla massa anche perchè "crea" col suo cervello, ovviamente rimanendo entro certi "binari" scientificamente invalicabili!Pensi che esiste una sorta di "Nobel" dell'Odontoiatria che premia proprio l'inventiva e la creatività di Dentisti che apportano nuove procedure terapeutiche a quelle esistenti. Si chiama the Waerhaug Prize Competition of Turku University, Finland ed io ho avuto in passato, per così dire, l'invito, che è già di per se un grande riconoscimento culturale, a partecipare proprio per la mia capacità di creare interventi e terapie nuove, Che hanno portato alla Parodontologia, la mia specialità tanto amata da chiamarla "Parodontologia...l'anima più nobile dell'Odontoiatria", nel caso specifico, nuove conoscenze come la mia personale tecnica chirurgica innovativa, per ottenere il New Attachment in Chirurgia Parodontale ossea Rigenerativa, "A new attachment :guided tissue regeneration using an amniotic membrane and fibrin glue" ("Il nuovo attacco parodontale : rigenerazione parodontale profonda con l'uso della membrana amniotica e della colla di fibrina"). Presentata proprio al the Waerhaug Prize Competition of Turku University, Finland , derected by prof. K. Paunio, President of Scandinavian Periodontal Society on the 30/01/1987 . Solo per citare uno dei tanti esempi. Tecnica riportata dal famoso “Dental Abstracts (D A) U.S.A. , vol.32 ,2,64.e poi dall’altrettanto noto “The Journal of the American Dental Association,JADA/FDI july, 1988” e dal S.I.O.C.M.F. Società Italiana di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo Facciale, volume IV° XXII Congresso Nazionale, Monduzzi Editore, 619-625. 1989, dei Professori Universitari (allora ero Professore a Contratto e il mio lavoro era stato fatto presso l'Università) che troverà tra le mie numerose Pubblicazioni sul mio sito Professionale gustavopetti.it , a dimostrazione che “creare” significa “fare” Cultura! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

In linea di massima è preferibile aprire il dente sotto diga e chiuderli in prima battuta. Tuttavia vi sono delle situazioni in cui questo non è possibile. E' comunque necessario chiuderli il prima possibile. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Gentile Sig.ra Maddalena, dipende da caso a caso, è il dentista che deve decidere. Pesonalmente preferisco chiudere in prima seduta, ma vi sono volte che effettuo una medicazione intermedia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Gentma Sigra Maddalena, se non ci sono problemi inerenti ad infezioni in corso è preferibile chiuderli nella stessa seduta, in ogni caso prima possibile. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Gentile signora, i moderni orientamenti in endodonzia indicano la chiusura dei canali nella stessa seduta a meno che il dente non sia necrotico. In quest'ultimo caso si preferisce fare una medicazione intermedia con Idrossido di calcio e chiudere nella seduta successiva. Comunque il principio che deve prevalere e di chiudere il prima possibile i canali evitando medicazioni intermedie (tranne il caso prima citato di necrosi). Saluti

Scritto da Dott. Arturo Marasco
Napoli (NA)

Dipende dalla situazione clinica in base a cui il dentista decide

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Cara Sig.ra Maddalena, personalmente ritengo che, salvo i caso in cui attraverso i canali dreni del materiale essudatizio o purulento, sia preferibile chiuderli in una sola seduta, per evitare che, o attraverso l' otturazione provvisoria non ermetica o per via ematica,i canali possano ricontaminarsi, inficiando il lavoro eseguito. Nella mia personale esperienza tale scelta operativa mi ha dato sempre ottimi risultati. Cordiali saluti Dott. Alberto Gargiulo Napoli

Scritto da Dott. Alberto Gargiulo
Napoli (NA)

Sarò breve. Dipende dalla resistenza del dentista e del paziente. Quando un dente richiede un tempo superiore all'ora, forse è meglio rimandare in seconda seduta. e nel frattempo si può valutare la eventuale risposta infiammatoria. Quando invece si vuole battere qualche record, si possono devitalizzare due denti in meno di tre ore, o forse due. Saluti.

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Come le hanno già detto i miei colleghi, esistono attualmente due "scuole di pensiero" differenti in merito. La mia opinione e conseguentemente la mia scelta di pratica quotidiana è di chiudere in prima seduta tutte le volte che mi è possibile, sia nei denti vitali che nei necrotici; quando non riesco termino la terapia canalare in seconda seduta. Personalmente credo però che la vera differenza sia il rigido rispetto dei protocolli endodontici, particolarmente per quanto riguarda l'isolamento del dente sotto diga di gomma, la sagomatura a lunghezza e conicità corretta di tutti i canali e un tempo di detersione adeguato. Se tutto questo viene fatto ad arte la diatriba single visit/two visits diventa secondaria. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Gentile Sig.ra Maddalena, preferibilmente è bene chiudere i canali nella stessa seduta di apertura e di alesaggio ma se il dente è affetto da infezione è bene chiuderli dopo una o più medicazioni intermedie. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Dipende dallo stato di salute che si trova nel canale alla sua apertura: se infetto è necessario procedere a medicazioni che sterilizzino il canale. e d'altra parte anche se si procede a ragion veduta alla chiusura del canale in una sola seduta, credo sia opportuno procedere poi alla chiusura definitiva del dente, lasciato a canale e camera pulpare chiusi, dopo un periodo di osservazione

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Gentile sig.ra Maddalena, personalmente preferisco sempre terminare la cura canalare in una unica seduta, tranne ovviamente casi particolari. Buonasera

Scritto da Dott. Antimo Perfetto
Sant'Antimo (NA)

Ci possono essere indicazioni per non chiudere nella prima seduta, dipenda dal caso, ma comunque vanno chiusi quanto prima. Cordialmente

Scritto da Dott. Giuseppe Cerbone
Afragola (NA)

Se i canali sono "asciugabili" (cioè no vi è secrezione continua di liquidi) la chiusura in prima seduta è la prima scelta. ovvio che se la terapia è stata complessa e ha richiesto già molto tempo (magari più di 2 ore...) si può valutare di rinviare la chiusura. le medicazioni intermedie non apportano vantaggi e spesso sono difficili da "lavare via". nella seduta di chiusura i liquidi disinfettanti devono comunque permanere almeno 30 minuti nei canale, poichè si saranno nel frattempo re-infettati. questo quanto detto dalla letteratura accreditata, in medicina è giusto non "andare col paraocchi" e ragionare sulle situazioni, mai nessuna uguale all'altra. darsi però eccessivamente all"inventiva" significa usare il proprio paziente come "cavia" e quindi va valutato attentamente, condividendo con lui la decisione attraverso un opportuno consenso informato (obbligatorio per legge).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)

Salve. La domanda e' poco chiara. Cosi' come la mia risposta. Spesso si decide per la seduta singola. Altre volte no. Cordialmente. Gianluigi Renda

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Trenta anni fa si chiudeva subito solo se il dente era vitale. Se il dente era gangrenoso,s i preferiva una medicazione intermedia anche di mesi a volte, prima della chiusura definitiva. Attualmente,preferisco chiudere in una seduta, tranne casi con ascessi,dove preferisco aprire,far drenare e poi trattare. In questo caso c'è chi dice che è possibile una superinfezione lasciando la porta aperta anche ai batteri e funghi del cavo orale. Personalmente non mi è mai capitato. Cordialmente Dr A. Beghini Cassano D'Adda MI
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

C'è un parametro che non viene mai considerato. La stanchezza del paziente. Devitalizzare un molare a 4 canali e chiuderlo in una stessa fase, sottopone il paziente ad una fatica notevole per la lunghissima seduta, con possibilità di stress. Io in questi casi preferisco due appuntamenti distinti. A parte questo, ci sono casi e casi. Talora è bene una medicazione intermedia, sennò fare tutto in una stessa seduta migliora il rischio igienico, aumentando le probabilità di successo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Se il dente è vitale meglio chiudere subito i canali, se necrotico è consigliabile fare medicazione intermedia e chiudere alla seconda o terza seduta: questo per valutare la risposta al trattamento, in genere va tutto bene ma è possibile l'insorgenza di un ascesso. Cordialità

Scritto da Dott.ssa Elisabetta Farnararo
Fiesole (FI)

I canali si chiudono il prima possibile, é preferibile chiuderli in prima seduta ma questo dipende dai canali e se si riesce ad asciugarli altrimenti si rimanda al successivo appuntamento, ma sicuramente no dopo un mese.

Scritto da Dott. Angelo Di Mauro
Sant'Agata li Battiati (CT)

Dipende dal caso clinico. I denti vitali sarebbe meglio chiuderli subito, quelli non vitali necessitano spesso di una seduta di medicazione. Questa però non è una regola, anche perché, ad esempio, se inavvertitamente il dentista lavora con gli strumenti oltre apice in un dente vitale, il sanguinamento iatrogeno del canale rende impossibile la chiusura nella prima seduta. Esistono poi circostanze di mancanza di tempo, difficoltà per alcune anatomie dei canali, infezioni resistenti, ecc.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)

Non esiste il meglio in assoluto, dipende da diverse variabili che inducono il professionista a decidere sulla soluzione da intraprendere. Benché io preferisca adottare la chiusura in prima battuta, quando non è possibile si passa per una medicazione intermedia. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Sig. Maddalena, perchè ci fa questa domanda, lei è una collega?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Io sono del parere che nel 95% dei casi è bene chiudere i canali endodontici in un'unica seduta. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Leonardo Resta
Gioia del Colle (BA)