Menu

Domanda di corone

Risposte pubblicate: 14

Secondo voi sono stata consigliata nel modo giusto?

Scritto da Paola / Pubblicato il
Buona sera...Diversi anni fa mi era stata applicata 1 corona, a gennaio ha cominciato a muoversi e il dentista l'ha tolta per poi riapplicarla. Però mi ha avvisata che non avrebbe tenuto come in precedenza perche la gengiva si era allargata e di conseguenza non supportava più bene la corona applicata sulla radice del dente. Oggi si in effetti dopo pochi mesi la corona ha cominciato a muoversi ancora. Mi sono recata nuovamente dal dentista che mi ha messo davanti a 2 possibilità, o un impianto, oppure un ponte. Lui consiglia l'impianto visto che i 2 denti che dovrebbero fare da supporto al dente sono sani. Ma prima di tutto mi ha consigliato di togliere la radice che supportava la capsula. Secondo voi sono stata consigliata nel modo giusto? Grazie
Sig. Paola, probabilmente lei è stata consigliata correttamente, perche il residuo radicolare è irrecuperabile. Se è stata eseguita un RX con la sentenza di avulsione, sicuramente ci sono le indicazioni all'avulsione, perché difficilmente un odontoiatra cede al paziente un documento che possa comprovare che quel dente non andava tolto.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Paola, se la radice è irrecuperabile è ovvio che vada estratta e poi il dente sostituito da una protesi fissa (ponte) oppure da un impianto se le condizioni locali e generali lo consentono. Il suo dentista saprà darle i giusti consigli per la soluzione del suo caso. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

paola210912.jpg
Cara Signora Paola, buongiorno a Lei, secondo me c'è qualcosa che non quadra! O lei non ha capito bene o non si è espressa bene o se fosse vero tutto e giusto quello che ha raccontato, allora sarebbe il Dentista in difetto perchè non ha senso dire "non avrebbe tenuto come in precedenza perché la gengiva si era allargata e di conseguenza non supportava più bene la corona" ! Questo lo sottolineo perchè non è certo la gengiva che "supporta la corona" ma la spalla del moncone che sta sulla radice e se anatomicamente i rapporti tra gengiva e dente e/o corona fossero mutati, si interverebbe chirurgicamente con una gengivoplastica o con un lembo riposizionato apicalmente con osteotomia osteoplastica p'er ripristinare i giusti rapporti e le giuste forme festonate! Se poi ci fossero tasche parodontali, si provvederebbe ad una terapia di Chirurgia Parodontale Rigenerativa o Ricostruttiva ossea ed eventualmente gengivale con chirurgia mucogengivale! Insomma mi sembra che l'eterna assente sia la DIAGNOSI e l'eterna presente sia "Estrarre e fare implantologia o ponte protesico! Poi non si lascia la decisione al Paziente. Gli si spiegano le varie possibilità, i costi ed in base ai desiderata del paziente lo si consiglia ed è il Dentista che deve decidere assumendosene la responsabilità piena! Quindi non c'è stata diagnosi, se no avrebbe detto perchè vuole procedere alla avulsione della radice e non c'è stato Consenso informato! Due atti Medici Essenziali! Veda Lei!Le lascio un Poster con denti in condizioni gravi eppure salvati ed in bocca ormai quale da 30, quale da 25, da 20, da 10 anni, sano e salvo a dimostrazione che i denti bisogna curarli e bisogna soprattutto saperli curare! Esiste solo quello che si sa fare o che non si sa fare, non il difficile e il facile!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Se la radice è da estrarre il dente potrà essere "rimpiazzato" o da un impianto o da un ponte...come le ha detto il suo dentista...

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Gentile Paola, se la radice è persa per problemi di carie irrecuperabile del moncone o di lesioni parodontali ("gengiva allargata") l'estrazione è inevitabile. L'impianto singolo è una ottima opzione per poter conservare la salute dei due denti adiacenti, evitando un ponte tradizionale. Ad oggi è spesso possibile inserire gli impianti contestualmente all'estrazione riducendo così il disagio per il paziente. Mi conceda una domanda: di che elemento dentale stiamo parlando? Incisivo, canino, premolare, molare? Superiore o inferiore? Buona giornata. Marco Iorio
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Iorio
Castelletto sopra Ticino (NO)

A parte l'incongruenza della spiegazione sulla gengiva (c'è qualcosa che non va, penso che non abbia capito bene la motivazione), ASSOLUTAMENTE SI. E' stata consigliata benissimo. PERCHE' FARSI ROVINARE DUE DENTI SANI PER METTERNE UNO??????

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)

Se ci sono presupposti corretti prenda in considerazione l'impianto,che sarà sicuramente la soluzione migliore in un caso di monoedentulia come il suo! Buona giornata

Scritto da Dott. Claudio Parodi
Castelnuovo Don Bosco (AT)

Credo che la gengiva non c'entri proprio niente, ma è difficile risponderle senza averla visitata o almeno aver visto una rx.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Se la radice è ormai irrecuperabile, sicuramente va estratta per non incorrere in altre problematiche che potrebbero pregiudicare i lavori successivi. La sostituzione della radice con un impianto è sicuramente la soluzione migliore, trattandosi di mono-edentulia. Distinti saluti. Massimo Orefice

Scritto da Dott. Massimo Orefice
Triggiano (BA)
Massafra (TA)

Il dente è "irrecuperabile secondo il dentista" che ha fatto la capsula. La capsula si è staccata non perché la gengiva si è allargata, ma perché il moncone protesico è marcito per carie secondaria. La carie secondaria di riporto è la carie che viene sotto le corone troppo imprecise. Siccome la corona ricementata ha tenuto pochi mesi, si suppone che il moncone abbia abbastanza stoffa per tenere una nuova capsula ben fatta. Paola, io non posso permettermi delle supposizioni, ma se lei ha pagato la capsula troppo poco, tragga le dovute conseguenze circa il prodotto che si porta in bocca. Tutti i prezzi dei dentisti scrupolosi sono alti, non per cupa avidità di denaro, ma per la forza delle cose. Chieda il parere di un paio di altri dentisti, tanto la visita per un preventivo (preventivo!) è gratis. Si schiarisca le idee. Consideri l'alternativa dell'impianto come una seconda scelta, praticabile solo per fatale necessità. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Premesso che le corone non vengono "trattenute" dalla gengiva, se questa "si è allargata" (cioè è stato perso il sostegno del dente (anche osseo) al punto che il dente muove molto, potrebbe essere stato perso osso che è necessario anche a reggere l'impianto. Quindi se l'osso c'è per decidere di togliere il dente occorre che la radice sia molto compromessa dalla carie, altrimenti si usa lei... se posta una radiografia potremo dirle qualcosa di più attendibile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)

Gentile Sig.Paola, sicuramente l'impianto è la giusta soluzione per una monoedentulia con gli elementi dentari limitrofi integri, però mi conceda questo sfogo cara signora. Premesso che la gengiva non supporta la corona nella sua adesione al moncone dentario in quanto i presupposti dell'adesione sono ben altri, io al suo posto avrei formulato la domanda in modo diverso: "Gentili odontoiatri il mio dentista vuole procedere all'avulsione di questo elemento dentario, siete d'accordo?" Mi scusi per l'eventuale arroganza con la quale mi sono espresso ma credo che il problema principale da affrontare sia l'eventuale recupero dell'elemento dentario, magari ci invii una radiografia possibilmente senza la corona e questo sarà sicuramente proficuo per lei. Cordiali Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego D'Amico
Napoli (NA)

Difficile darle una risposta chiara e precisa senza averla visitata e senza avere una radiografia endorale. C'è da capire se è solo la corona che si muove (allora il dente, se valido, potrebbe essere recuperabile con un allungamento di corona clinica) o la radice stessa. In ogni caso, se proprio l'estrazione resta l'ultima strada percorribile, l'impianto è la scelta migliore. Cordialmente

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Gentile paziente, come si può dire che il consiglio datole è giusto o sbagliato senza una visita per cercare di capirci qualcosa? Francamente non penso che sia la gengiva la responsabile, ma il dente sottostante che potrebbe essersi cariato o fratturato, in tal caso bisognerebbe vedere se è recuperabile. Nel caso in cui questo sia irrimediabilmente compromesso, allora anche io le consiglio di fare un impianto. Cordialmente

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)