Menu

Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 17

Ho avuto un intervento seno mascellare

Scritto da alice / Pubblicato il
Ho 50 anni e ho avuto un intervento seno mascellare nell'arcata sup sx ( mediante banca ossea e autologo) non ho avuto risultato l'osso non si è rigenerato, che cosa a mi potete consigliare?
Gentile Alice, innanzitutto bisogna comprendere cosa intende per intervento al seno mascellare sn (suppongo che si sia trattato di un rialzo del pavimento ma non specifica se per via crestale o laterale) ed in ogni caso qualsiasi intervento non ha mai la certezza assoluta al 100% del risultato che dipende anche dal rispetto pedissequo delle raccomandazioni postoperatorie. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

In linea di massima, questi interventi, fatti da mano maestra, servono a "forzare" la natura, e a restituire ciò che i decenni hanno fatto perdere.. Ci può stare che non riesca..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Cara Signora Alice, l'osso omologo di cadavere che è stato mischiato al suo osso autogeno, non p adatto per la funzione di rialzo del seno mascellare perchè sia pur deproteinato per non dare potere antigene, in realtà può essere "rigettato" dall'organismo ospite. Per questo motivo è preferibile usare l'osso autogeno o anche solo l'osso artificiale particolato riassorbibile mischiato a determinate sostanze con specifiche funzioni che non cito per non fare pubblicità! Sto parlando del rialzo del pavimento del seno mascellare sebbene lei non specifichi!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Non tutte le ciambelle vengono col buco.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Gentma Alice, non ci dice che tipo di intervento è stato eseguito, è difficile darle un consiglio e, a volte ci può stare che il risultato ottenuto non sia quello preventivato. Al medico viene richiesto di agire con perizia, coscienza e diligenza. Cordiali Saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Gentile Sig.ra Alice, purtroppo accade che il rialzo del seno mascellare fallisca. Darle un consiglio è difficile perché non ci ha detto il motivo per cui ha effettuato questo intervento. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Ovviamente per risponderle in maniera adeguata dovrei visitarla o quanto meno vedere almeno una radiografia Opt. In tutti i modi esiste una tecnica che consente di inclinare gli impianti bypassando il seno mascellare che quindi potrebbe non essere rialzato. Questa tecnica, computer assistita, detta "All on four" è stata ideata dal dott. Paul Maló. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Leonardo Resta
Gioia del Colle (BA)

Cara Signora, occorre una descrizione più dettagliata e precisa dell'accaduto per dare una risposta. Anche dopo ciò le risposte a distanza su casi del genere sono sempre difficili ed arbitrarie. Certamente chi ha eseguito l'intervento l'avrà informata della non assoluta predicibilità e dei possibili rischi di una chirurgia complessa quale il grande rialzo del seno mascellare. Non si crei dei dubbi relativi al tipo di materiale innestato poichè nella letteratura scientifica mondiale sono descritti successi con i più diversi materiali ed al momento non è indicata una scelta primaria. Certamente influenza un corretto protocollo chirurgico ed una corretta pianificazione dell'intervento. Ascolti cosa le propone il suo curante e faccia delle scelte. Cordialmente Michele Lasagna.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Una buona alternativa in questo caso può essere il ricorso all'impianto zigomatico. Si tratta di una procedura che permette di inserire degli impianti molto lunghi sui quali poi si monta la protesi convenzionale. Le percentuali di successo sono molto alte (98%) e noi eseguiamo quasi sempre il carico immediato restituendo la funzione masticatoria ed estetica in poche ore.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

L'innesto di osso autologo e di quello di banca pur essendo il gold standard sono soggetti a una riduzione volumetrica di circa un terzo e bisogna non aspettare più di 16 settimane per intervenire con l'impiantologia In ogni caso può ripetere l'intervento magari utilizzando o un altra tecnica o un altro materiale di riempimento tipo uno xenoinnesto + osso autologo che danno ottimi risultati. Non ho esperienza di impianti zigomatici che però giudico molto invasivi.

Scritto da Dott. Paolo Terrachini
Reggio Emilia (RE)

La risposta, semplice, alla sua domanda è questa: RIFARLO. Il materiale usato è sostanzialmente ininfluente sul successo. L'operatore invece è determinante. Ma anche i migliori hanno qualche fallimento. Lo rifaccia.

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)

Capisco il suo disappunto e, presumo, il suo sconforto. Ma provi a darci qualche indicazione in più e potremo darle delle risposte che abbiano una parvenza di attinenza alla realtà. In linea di principio, sono in accordo con chi dice di ritentare, ma bisogna vedere se le indicazioni ci sono, altrimenti "primo non nuocere". Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Gentile paziente, francamente mi dispiace, ma non capisco l'osso dove l'hanno messo? Nel senso che si è riassorbito.? hanno usato una membrana a protezione dello stesso rialzo..? Ci aiuti a capire meglio. Cordiali saluti Dr. Tommaso Giancane

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)

Gentile sig. Alice, come hanno già spiegato abbondantemente gli altri colleghi nella sua descrizione mancano tante informazioni per cui è difficile darle risposte esatte. Ma perché non ne parla con il chirurgo che ha eseguito l'intervento? Grazie

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Sig. Alice, lei è fortunata che non ha avuto altre complicanze, purtroppo in letteratura tutti descrivono gli interventi di successo e non gli insuccessi come il suo caso. Un’alternativa semplice ed economica indicata in moltissimi casi può essere una semplice protesi mobile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Buongiorno gradirei capire se intende come fallimento il fatto che abbia perso l'impianto, che inserendo lo stesso non abbia trovato una qualità rigenerata buona o che non abbia più trovato l'innesto? Il rialzo del seno effettuato da mani esperte è una tecnica con un margine di insuccesso molto bassa le variabili possono essere il fatto che il pz sia un fumatore o che abbia una malattia sistemica con utilizzo di cortisone o affini o un pz diabetico mal compensato. Faccio presente che l'utilizzo di osso OMOLOGO non ha nessun tipo di reazione antigenica in quanto viene completamente deproteinizzato e spesso anche decalcificato. In attesa di chiarimenti Cordiali Saluti Maurizio Monforte
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Monforte
Milano (MI)

Gentile sig.ra Alice, i motivi per cui non attecchisce un impianto di osso per giunta se è autologo possono essere molti. Le consiglio di rivolgersi ad un bravo chirurgo otorino che esamini tutte le possibilità a partire da una TAC e che soprattutto sia una persona di coscienza e bravo nella sua manualità, auguri

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)