Menu

Domanda di ortodonzia

Risposte pubblicate: 7

Sto avendo problemi all'articolazione temporo mandibolare dopo una cura ortodontica durata due anni.

Scritto da Gianni / Pubblicato il
Buongiorno, sto avendo problemi all'articolazione temporo mandibolare dopo una cura ortodontica durata due anni. Adesso sono tre mesi che ho tolto l'apparecchio fisso e da circa un mese che ho abbandonato le contenzioni. Mano mano che passano i giorni sento che i miei denti si stanno spostando e allo stesso tempo sto ritrovando sollievo per la mia articolazione. Vorrei un vostro parere riguardo il risultato ortodontico ottenuto e se effettivamente l'ortodonzia è ben riuscita. Grazie.
Gentile Gianni, togliere le contenzioni dopo soli 3 mesi mi sembra molto strano. Se è una sua iniziativa come sembra (lei dice: ho abbandonatole le contenzioni) le suggerisco di contattare subito il suo dentista perché è troppo presto. La contenzione va tenuta per molto più tempo ed in alcuni casi per anni. Le consiglio di andare subito dal dentista e dire a lui, che conosce la sua situazione clinica meglio di chiunque altro, tutte le sue problematiche. Inutile cercare via internet delle risposte esaurienti a chi non sa nulla del suo caso clinico dalla fase iniziale fino alla contenzione. Sicuramente il suo dentista sarà in grado di aiutarla. Le consiglio anche molto vivamente di non prendere iniziative personali che potrebbero peggiorare la situazione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Caro Gianni. Le contenzioni per tre mesi non dovrebbero essere sufficienti. Il dr. dovrebbe avertelo detto.. Ma a parte questo, il risultato sembra ottimo esteticamente. Dal punto di vista occlusale, da quello che si vede dalle ottime foto non sembra proprio perfetto: c'è differenza fra destra e sinistra ed il piano occlusale non è ideale. Quanto ai leggeri movimenti che stanno avvenendo, sono assestamenti normali perchè in ogni trattamento specie in età adulta, c'è qualche lieve spostamento fisiologico, normalmente migliorativo. Ma un conto sono lievi assestamenti ed un conto è recidiva, cioè spostamenti indesiderati, anche perchè, appunto, la contenzione è decisamente insufficiente per soli tre mesi. Il vero punto da capire è perchè trovi miglioramenti per la articolazione. Prima invece??? Che disturbi avevi?? Si è verificato che il trattamento ortodontico ha innescato disturbi articolari atm? Cioè prima non avevi disturbi, ma con l'ortodonzia sono usciti fuori?? Questa cosa non è chiara dalla tua mail. Su questo argomento, sapendo meglio come sono andate le cose, c'è da ragionare e disquisire. Ma, ovviamente, sarebbe meglio farlo (o averlo fatto in corso d'opera) col tuo dr. Chiedi prima a lui, e poi eventualmente a noi. c'è stata una espansione del palato, come sembrerebbe??? La funzione della deglutizione e della respirazione come sono??? Sono tante le cose collegate fra loro...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Le contenzioni non deve assolutamente rimuoverle, in quanto perderebbe nel tempo i risultati acquisiti (solitamente contenzione removibile sopra e sotto oppure fissa sotto e removibile superiormente).
Non posso giudicare il risultato ortodontico in quanto non conosco il caso clinico di partenza e i risultati pronosticati dal collega.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gentile Sig. Gianni, le contenzioni vanno tenute per anni, non per due mesi. Ovvio che i denti si stanno spostando e continueranno a farlo. Però afferma che con lo spostamento trova sollievo. L'estetica ottenuta è soddisfacente, forse però l'occlusione non è delle migliori. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Caro Signor Gianni, buongiorno. Le ha spiegato benissimo e sapientemente molte cose il Dottor Passaretti. Aggiungo e preciso che, ovviamente basandomi solo sulle foto, mentre a Dx vedo l'ottenimento di una Prima Classe di Angle di normocclusione sia a livello molare che canino (ossia un corretto rapporto tra la cuspide mesio-vestibolare del primo molare superiore con il solco mesiale del primo molare inferiore e tra il canino superiore (la cuspide del cannino "ingrana alla perfezione" tra il canino e il primo premolare inferiore), invece a sinistra questo non avviene (infatti la cuspide del canino superiore è mesializzata ossia spostata in avanti ed articola con la parte distale al solco assiale del canino inferiore) e i rapporti occlusali del molare, cuspide fossa e solco mesiale vestibolare non sono precisi (per dirlo in senso lato ma comprensibile) e il rapporto tra incisivi superiori ed inferiori è buono ma non perfetto in tutti gli incisivi in cui variano l'over-jet (termine architettonico per indicare il sovraggetto ossia di quanto i denti superiori sopravanzano quelli inferiori) e l'Over-Bite (termine architettonico che indica di quanto i denti superiori coprono quelli inferiori) in cui quest'ultimo è più accentuato a dx e meno a sinistra.

Bisogna valutare clinicamente e gnatologicamente anche le disclusioni incisive in protrusiva, che proteggono i denti posteriori, le canine in lateralità che proteggono tutti gli altri denti nella loro totalità ed in Relazione Centrica che protegge i frontali. Bisogna valutare la correttezza delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monson che non è altro che una sfera immaginaria che serve per allineare le cuspidi dei denti posteriori con i margini incisali degli incisivi grontali.
Sarebbe eventualmente opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente! Come vede la Visita Odontoiatrica è molto più profonda e seria di quanto si pensi. Gnatologia, occlusione e postura sono strettamente correlate, così come la fisiopatologia della lingua e del sistema neuromuscolare in particolare a livello dei muscoli pterigoidei e masseteri che se fossero in contrattura indicherebbero una patologia delle ATM che devono essere comunque palpate per rilevarne i rumori, scrosci o click che hanno significati Gnatologici ben precisi! Parli col Suo Dentista che indubbiamente oltre che ortodontista avrà una cultura Gnatologica indispensabile per valutare tutto questo! Quanto alla contenzione solo il Suo Dentista può valutare se essa sia indispensabile che fosse stata mantenuto (come penso) o no! Quindi Valutazione Ortodontica, Gnatologica e Posturale! Cari saluti e Scusi se mi sono "dilungato2 ma l'ho fatto volentieri, spinto dalla "passione" per questa meravigliosa Specialità Medico-Chirurgica che è l'Odontoiatria e non solo per essere utile a Lei, mi auguro; ma anche a tutti i pazienti che si fanno "improsare" da Low Cost e Dentisti Privati che fanno Visita Gratis od addirittura preventivi on line (basta navigare sui Social per fare "un pieno vergognoso"), a cui è dedicata questa spiegazione Esaustiva che dimostra quanta Cultura serva in una Visita Odontoiatrica (che impegna per almeno un'ora e mezza) e che non può quindi essere Gratuita né on line! Specifico questo per la Vostra Salute, cari Pazienti!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Gianni, non è corretto dare pareri su casi di trattamento ortodontico senza il parere del collega, inoltre non conosciamo il caso è tutto non può basarsi, su 3 foto. Certamente c'è una correlazione tra denti e articolazione, per cui non esiti a parlare con il suo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Direi un caso delicato e complesso. Molti pareri su un tema complesso e delicato come l'insorgenza di sintomi disfunzionali in corso di trattamento ortodontico. Un consiglio vorrei darglielo: abbia come riferimento di base l'ortodontista, sarà lui a inviarlo (eventualmente ad uno gnatologo). [spero che il collega ortodontista legga questa mia....]

Scritto da Dott. Mauro Mazzocco
Roma (RM)