Menu

Domanda di odontoiatria

Risposte pubblicate: 14

Mio figlio ha quasi 9 anni e ha perso soltanto i due incisivi inferiori e superiori da latte

Scritto da Letizia / Pubblicato il
Salve, mio figlio ha quasi 9 anni e ha perso soltanto i due incisivi inferiori e superiori da latte. Quelli inferiori sono spuntati, anche se un pò storti, mentre di quelli superiori ne è spuntato solo uno. Quello che manca è caduto circa 2 mesi e mezzo fa e non se ne vede neanche l'ombra! Mi chiedo se può essere normale e qual'è il periodo di tempo fisiologico che intercorre tra la perdita del dente da latte e l'eruzione del dente permanente. Da premettere che i dentini da latte sono spuntati molto tardi, all'età di 13 mesi. Certa della vostra collaborazione ringrazio anticipatamente.
Gentile Sig.ra Letizia, anche se la permuta dei denti decidui segue dei tempi cronologicamente ordinati è pur vero che vi sono dei casi che fanno eccezione come nel caso di suo figlio tant'è che anche quelli di latte sono erotti tardi. Normalmente l'eruzione dei denti permanenti segue di qualche mese la caduta del corrispondente deciduo. Le consiglio una visita presso il suo dentista di fiducia. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Signora Letizia, suo figlio è molto in ritardo con la normale perdita fisiologica dei Decidui, ma evidentemente saranno spuntati in ritardo nel momento dell'eruzione. Faccia una normale OPT e si verificherà se tutto è a posto. Dott. Polito Vincenzo Odontoiatra Ariano Irpino AV

Scritto da Dott. Vincenzo Polito
Ariano Irpino (AV)

Gentile Sig.ra Letizia, l'età in cui avviene la permuta è semplicemente una statistica. Come tutte le statistiche, molti bambini cambiano i denti nella media, questo non vuol dire che qualche bambino cambi i denti molto presto ed altri molto tardi. Significativo è anche che i denti da latte sono stati messi molto tardi. Anche il fatto che è caduto il dente da latte e non è spuntato il permanente non significa nulla, può succedere. Premesso questo, però, la consiglio di andare da un dentista per accertare che tutto vada bene. Personalmente eseguirei una panoramica per valutare se ci sono tutti i permanenti e come evolve la permuta dei denti, così da intervenire precocemente se ci sono dei problemi. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Gentile Sig.ra Letizia, la permuta dentale non segue regole ferree ed è sempre soggetta a variazioni individuali ma sicuramente quella di suo figlio è un pò in ritardo. Il mio consiglio è di consultare un ortodontista che sicuramente consiglierà delle radiografie da cui si potrà capire se si tratta di un semplice ritardo eruttivo o se ci sono altri motivi per cui il dente permanente non riesce o non può uscire.Il mio pensiero è : meglio far valutare allo specialista e sentirsi rispondere che non è nulla di preoccupante piuttosto che scoprire tra qualche tempo che sarebbe stato meglio intervenire prima. Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Antonella Bacchieri Cortesi
Noceto (PR)

Sig. Letizia, le consiglio di leggere il mio articolo " SCOPRI QUANTI DENTI HAI IN BOCCA E COME SI CHIAMANO" che ad oggi ha ottenuto oltre 22.000 visite. Le consiglio di portare suo figlio da un odontoiatra, per una visita di controllo, che doveva essere effettuata ogni 6 mesi dai 3 anni in poi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Signora, la permuta dei denti inizia dopo i sei anni, quando sono già spuntati i primi molari permanenti. I primi dentini che cadono, quasi contemporaneamente nell'eruzione dei corrispettivi permanenti, sono gli incisivi centrali inferiori. Poi tocca ai centrali superiori e così via. I tempi però non sono uguali per tutti i bambini, ma sono proporzionali con la crescita complessiva. Suo figlio porta un po' di ritardo! Non c'è motivo di allarmarsi perchè ognuno di noi ha i suoi tempi e la "norma" è una semplice statistica. C'è bisogno comunque di una visita specialistica con esame radiografico, per fare la conta delle gemme dentarie e per accertarsi che la permuta dei denti sia proporzionata alla crescita delle mascelle e delle ossa del viso, perchè altrimenti tale ritardo potrebbe comportare un affollamento dentario in seguito.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Letizia020311.jpg
Cara Signora Letizia, se suo figlio ha "messo" già i primi molari, non mi preoccuperei, in ogni caso lo faccia visitare da un Pedodontista. A nove anni dovrebbero essere stati permutati il primo molare (6-7 anni) e i quattro incisivi ( per gli incisivi laterali il nono anno è ancora nella norma. Per l'incisivo superiore ancora non erotto, magari bisogna solo aiutarlo con una piccola incisione della gengiva se è molto fibrosa e spessa. Le lascio una tabella dei tempi di eruzione che vanno comunque dilatati in più o in meno di alcuni mesi e si è sempre nella norma. Ma in questo suo chiedere, le domando io, perchè non ha portato suo figlio da un Dentista Pedodontista? Anche per una doverosa visita per tante possibili patologie o anomalie per le quali è buona regola far fare una visita subito dopo la nascita e poi a scadenze decise dal Dentista!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Letizia, se i dentini decidui sono già caduti da tempo e non sono ancora erotti quelli definitivi non significa che non ci siano, ma potrebbe essere un ritardo rispetto alla media. Tutto si può verificare con una semplice radiografia. Le consiglio comunque di far visitare il bimbo da un dentista meglio se pedodontista.

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Signora, utile una visita odontoiatrica con ausilio di rx per una giusta valutazione della causa del ritardo eruttivo.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Gentile sig.ra Letizia, l'età di eruzione dei denti è del tutto personale, e segue quindi le linee familiari. Ci sono casi tuttavia in cui alterazioni scheletriche o crescita rallentata o comunque non in linea con gli standards pediatrici, possano influenzare anche l'eruzione dei denti, che segue quella del massiccio facciale. In altri casi ancora dipende da specifiche sindromi, famosa è quella di Christ-Siemens, si consulti con il pediatra, e intanto è buona cosa una sana alimentazione ricca in vitamine e attività sportiva, cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

In genere il ritmo di eruzione dei denti da latte è parallelo a quello dei denti permanenti: se i denti da latte sono erotti tardi, anche i permanenti ritardano rispetto al tempo medio di eruzione: Comunque si può accertare lo stadio di formazione dei denti ancora inclusi e se vi siano ostacoli all'eruzione mediante un esame radiologico. Lei può tuttavia verificare la prossima prossima eruzione premendo sulla gengiva edentula ed osservare se si rende evidente la forma della corona del dente incluso. Giuliano Falcolini, già professore ordinario di Pedodonzia presso la Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Gentile Sigra Letizia, l'epoca di eruzione non è uguale per tutti. Per saperne di più faccia fare una panoramica al figlio. Cordialmente dott Angelo Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Oltre ai saggi consigli dei colleghi, getto l'ipotesi che il ritardo della eruzione sia dovuto ad un serio problema ortodontico (affollamento, palato stretto) per cui ritardano perchè non hanno spazio. Questo lo valuta un dottore ortodontista. In questo caso, bisogna intervenire con il trattamento ortodontico per far erompere e posizionare bene tutti i denti.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Cara Letizia esiste un range fisiologico di perdita dei denti che a volte può procrastinarsi, basta fare una opt o una normale rx endorale per valutare la posizione e la presenza dei denti definitivi, distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)