Menu

Domanda di Invisalign

Risposte pubblicate: 9

Ho effettuato alcuni anni fa un trattamento con invisalign per correggere un morso a forbice

Scritto da Gianpaolo / Pubblicato il
Buongiorno, ho effettuato alcuni anni fa un trattamento con invisalign per correggere un morso a forbice a destra. Il morso a forbice è stato corretto ma ho cominciato ad avere problemi all'articolazione temporo-mandibolare (condili posteriorizzati). Utilizzo regolarmente un bite, prescritto da un esperto gnatologo, per riposizionare la mandibola in modo corretto, Nella posizione fisiologica (in foto senza bite) gli incisivi superiori non consentono alla mandibola di chiudersi fino in fondo, ed è presente dello spazio a sinistra fra i molari superiori e inferiori. Vorrei progettare un trattamento di rifinitura con invisalign in mani esperte che mi consenta di mantenere la posizione corretta della mandibola senza bite. In attesa di un cortese riscontro, vi ringrazio per l'attenzione dedicatami e vi invio cordiali saluti.
Non è Lei a dover decidere sull'invisalign, ed è stato un errore da parte di chi le ha dato ascolto. Il Suo problema non si risolve con l'invisalign, a maggior ragione se si è rivolto ad esperto gnatologo, dovrebbe ormai averlo acquisito. La ricollocazione del condilo/li è una cosa seria. Cordialmente

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Caro Gianpaolo, sono disponibile a visitarti gratuitamente presso il mio studio per proporti la correzione della tua attuale malocclusione con un trattamento di rifinitura Invisalign. Puoi trovare i miei recapiti sul mio profilo presente in questo portale. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Gentile Gianpaolo è un po' difficile capire il problema solo dalle foto. Si vede che l'occlusione non è corretta. Ma mi chiedo come mai non si è continuato il trattamento? Ci sono stati dei problemi? Perché non ha chiesto al medico che lo aveva in cura? In ogni caso sono a disposizione per ulteriori chiarimenti ed un eventuale rifinitura se possibile farla. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Francesca Ferrazzano
Napoli (NA)

I disturbi della articolazione sono dovuti alla asimmetria evidente della occlusione. Cioè a dx e sx la chiusura è diversa, imperfetta a sx. Ogni occlusione asimmetrica è potenzialmente foriera di disturbi alla articolazione. Ora bisogna vedere bene come rimettere a posto, se è possibile, con un attento studio preliminare e usando, se necessario, qualunque tipo di apparecchio.. Tenga presente però che ci vuole un dr. davvero esperto, perchè in questa sua situazione è fin troppo facile fare ulteriori danni alla atm. Semmai, di fronte ad un trattamento incerto o difficoltoso, meglio portare un byte ben fatto.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Caro Signor Gianpaolo, buongiorno. Quello che Lei chiama "posizione fisiologica" è in Realtà la Posizione di Relazione Centrica e fa parte dell'esame Gnatologico di base insieme alle tre disclusioni canine, in lateralità ed incisive in protrusiva per valutare la presenza o no di precontatti e il mantenimento delle Curva di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale e la terza curva di compensazione, detta di Monsen.Ed ancora i Movimenti Mandibolari nei Tre Piani Spaziali e l'Angolo e meglio ancora il Movimento di Bennet, il movimento del Condilo Lavorante e di quello Bilanciante. Le spiego ancora qualcosa o almeno ci provo, perchè l'argomento è complesso per i "non addetti ai lavori": ripeto, devono essere rispettati i concetti basilari della gnatologia: rapporto corretto cuspide-fossa, occlusione reciprocamente protetta, contatto simultaneo massimo tra tutti i punti di centrica in posizione di relazione centrica, una corretta guida incisiva e una sufficiente disclusione canina dei denti posteriori nei movimenti di lateralità (benché, se fosse già presente una funzione di gruppo in assenza di segni di trauma o sofferenza parodontale, potrebbe essere accettabile anche il mantenimento della funzione di gruppo posteriore( ma bosogna valutarne il contesto in cui avviene). Si ricercano così i denti in trauma d'occlusione. Valutazione Gnatologiche-Ortodontiche : Classi Dentali di Angle, a livello dei primi molari e dei canini, I Cl.Dentale, II Cl. Dentale (e se in I o in II Divisione), III Cl., Overbite e quindi se c'è deep bite, Overjet e quindi se è presente un open bite. Curva di Spee, di Wilson, come detto, per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. Rotazioni, Inclinazioni, Estrusioni, Intrusioni, Migrazioni, Faccette d'usura. Visita A.T.M. (Articolazione Temporo Mandibolare) Rilevando se sono presenti Algie, Scrosci, Click, Sublussazioni, Contratture dei muscoli in particolare Massetere e soprattutto lo Pterigoideo. Valutazione delle Gengive e Parodonto. La Gnatologia deve sapere inoltre, studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione", precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d'occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d'occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!), aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi, l'apparato Cocleare dell'Orecchio,che determina la capacità di stare in equilibrio, ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali.Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. ha Bisogno di UN ECCELLENTE GNATOLOGO e di un altrettanto ECCELLENTE Posturologo che sia anche osteopata e fisiatra e collabori con lo Gnatologo ( Questo le dico perchè è mia prassi fare così in Gnatologia!!!) Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente ...studiandone il caso di persona. Sappia che in ogni caso tra le terapie occlusale c'è il Bite Plane, che deve essere ben realizzato da persona competente, sembra una "sciocchezza" ma non lo è anzitutto è buona regola posizionarlo sulla arcata superiore che è l'unica arcata FISSA perchè solidale con la base cranica, ma a volte va posizionato sulla arcata inferiore, dipende dalla diagnosi e da quello che vogliamo ottenere e poi devono essere studiati i piani inclinati in gradi rispetto al piano occlusale e deve essere valutato lo spessore con cui farlo, ossia di quanto deve impedire la chiusura della arcata inferiore è la mandibola che deve in continuazione cercare una chiusura che non può trovare col bite, così si riposa tutto il complesso sistema neuro muscolare e le articolazioni temporo mandibolari il cervello, per così dire, in questo modo dimentica la posizione errata patologica memorizzata da esso e si può trovare anche così la nuova posizione della mandibola, quella "buona","corretta", il bite infatti può essere terapeutico sintomatico e diagnostico e, una volta trovata la nuova posizione della mandibola, si eseguono dei rilievi clinici che permettono di impostare una terapia definitiva di riequilibrio occlusale. Tutti i bite non sono uguali e soprattutto non tutti i Dentisti sanno come usarli e quindi cosa ottenere con il loro uso! Le lascio una foto, dove vedrà in basso anche un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente!Il movimento di lateralità è bene studiarlo anche clinicamente con la palpazione perché è determinato dalla contrazione dello pterigoideo esterno del lato opposto a quello verso cui si sposta la mandibola. Un dolore durante questa palpazione indica una contrattura del muscolo e quindi la presenza di una patologia articolare. Palpazione che va fatta non solo in lateralità ma anche in apertura.Solo così si può arrivare ad una corretta DIAGNOSI che porta poi ad una terapia. Ci sarebbe tanto altro da dire ma penso di essere già stato esaustivo per farle avere un'idea di cosa sia la Gnatologia. Le lascio un Poster dimostrativo di una analisi podometrica statica, di un arco facciale con articolatore a valore medio e di diversi tipi di bite in uno studio Gnatologico come conduco di solito nel mio Studio!Cari saluti Occorre un bravo Gnatologo. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE
analisi-gnatologica-dr-g.petti-cagliari-012.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Non deve esserci spazio fra i molari di sinistra perché il condilo di sinistra risulta fuori dalla fossa: bisogna mesializzare il 2°quadrante ed estrudere poco i molari per aumentare il contatto fra gli antagonisti. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

Gentile Sig. Gianpaolo, non ha raggiunto dopo terapia con invisalign una corretta occlusione ed è comparso un problema articolare. In questi casi la terapia ortodontica è più importante del suo desiderio di riutilizzare la tecnica invisalign. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Sig. Giampaolo, la marca da lei citata non è l'unica che utilizza un sistema ortodontico a mascherine, per cui non si fossilizzi nelle pubblicità, che dal suo caso oltre non farne tesoro, non ne fanno nemmeno letteratura. Un caso come il suo dovrebbe essere sfruttato come case report e non abbandonato a se stesso, poi più casi potrebbero costruire un articolo sulle possibili complicanze legate a questa tecnica, ma di questi tempi dove la pubblicità regna è bene nasconderli in un cassetto. Ora lei decanta ancora questo sistema, ed è convinto anche che la scelta del sistema ortodontico sia di sua pertinenza! No, lei avrà ottime competenze in molte altre materie ma non nell'ortodonzia, per cui le consiglio di abbandonare internet e di mettersi alle indicazioni di un semplicissimo odontoiatra che si occupa di ortodonzia, in uno studio monoprofessionale sotto casa e stare alle sue indicazioni senza interferire, otterrà un unico responsabile, diminuendo tutte le complicanze che le son state create da una tecnica che dalla letteratura risulta limitata e non indicata in tutti i casi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caro Giampalo, lei è una delle tante vittime delle mascherine preformate che mi capita di vedere in qualità di gnatologo. Si è venuta a creare una malocclusione, fortunatamente per lei, non accompagnata da una conseguente rilevante sintomatologia muscolo articolare. In tale situazione occorre l'intervento di ricerca e di approntamento di una occlusione corretta che può avvenire solamente attraverso una corretta diagnosi strumentale del suo caso. 

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Sullo stesso argomento