Menu

Abbiamo rischi di infettarci di sars-cov-2, covid 19, andando dal dentista?

Attualmente nulla vieta agli odontoiatri di svolgere la propria professione sebbene la maggior parte di loro, da quando tutta Italia è diventata Zona Rossa, non è disponibile fisicamente o lo è solo per prestazioni di vera urgenza.

by Dott. Diego Ruffoni 05-04-2020 461 visualizzazioni
LA PRESTAZIONE ODONTOIATRICA NON È UN SALVAVITA, NON CONTAGIARE PUO’ SALVARE LA VITA.

Oggi esistono dei rischi non indifferenti di contagio per le persone che si sottopongono a cure odontoiatriche;  anche gli studi che dichiarano di essere in grado di mettere in atto tutti dispositivi per evitare contagi possono non essere esenti da rischio. Allo stato delle cose infatti, enti come L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanita) e altri enti ufficiali, si riservano di modificare le direttive, dal momento che non si hanno complete conoscenze scientifiche di questo virus.

Al momento, dagli attuali ECM (Aggiornamento Continuo dei Medici), si evince che è possibile assistere un paziente in ambienti dove esiste la possibilità di creare aerosol, come nel caso dello studio odontoiatrico, avvalendosi di ambiente a pressione negativa e con l’applicazione di DPI (Dispostivi di Protezione Individuale) di terzo livello riservata appunto a quegli  ambienti di cura che generano aerosol.

Quindi possiamo attualmente avere buone e sicure garanzie solo accedendo a questa tipologia di ambienti; tutti gli studi, che promuovono altri tipi di ambienti, vantando particolari sistemi di sanificazione tra un paziente e l’altro, non danno la stessa garanzia. Tutti i sistemi di modificazione dell’aria con disinfettanti, filtri, ozono, raggi UV ecc. non contribuiscono ad adeguare gli ambienti  alle direttive degli attuali ECM.

COSA DEVE FARE IL PAZIENTE IN CASO DI URGENZA:

  • Cercate di gestire il  problema possibilmente senza contatto fisico, telefonicamente o con altri mezzi similari.
  • Stabilita e certificata l’urgenza odontoiatrica, dopo aver dato tutti propri dati, fatevi inviare il modulo di consenso per il Sars-CoV-2, CoViD 19 che firmerete, e il documento che certifica la cura urgente da parte dell’odontoiatra, con indirizzo, ora e dove il paziente deve presentarsi per cure odontoiatriche urgenti. Questo eviterà spiacevoli sanzioni durante il percorso e vi renderà noti  i rischi di contagio possibili.
  • Possibilmente, raggiungere a piedi e da soli lo studio dotati di guanti e mascherina; Diversamente, Il percorso può essere fatto con la vostra auto senza alcun accompagnatore; ricordatevi di cambiare i guanti prima di salire e di ricambiarli quando si scende. Tenere indossata la mascherina durante la guida non fa male.
  • Raggiunto lo studio, chiedete telefonicamente se è disponibile, assicuratevi che non ci sia la presenza di altri pazienti e attendete all' esterno, finche le condizioni sussistano.
  • Entrati nello studio, che non sarà profumato, ma odorerà di candeggina, disinfettatevi le mani con l’apposito liquido a disposizione. L’odore di candeggina è già una prima garanzia nei vostri confronti.
  • Parlate ad alta voce mantenendo una distanza di qualche metro, tenendo indossata la mascherina; possibilmente evitate di sostare in sala d’attesa. Firmate velocemente il consenso che avete già letto, possibilmente con una vostra penna.  Dichiarate il vostro stato di salute attuale: di non avere febbre, di non avere forme influenzali e di respirare bene.
  • Entrati nella sala operativa, sempre con mascherina indossata, chiedete educatamente di essere informati dei comportamenti da tenere; accettate di essere coperti completamente da materiale impermeabile, lasciando solo la testa con la mascherina esposta.
  • L’odontoiatra, dotato di DPI, dopo essersi accertato della vostra protezione, vi toglierà la vostra mascherina, ponendola in disinfezione. Controllate che l’odontoiatra indossi una mascherina senza valvole visibili; queste mascherine infatti non vi proteggono, perché la valvola permette l’esalazione del respiro da parte dell’odontoiatra senza alcun filtro. Se notaste queste condizioni, richiedete educatamente l’utilizzo di una seconda mascherina chirurgica, che venga posta al di sopra della prima.
  • Durante le cure, collaborate, rispondete a tutte le domande, cercate di dover sciacquare la bocca il meno possibile e state tranquilli.
  • Dopo la cura, lasciate che sia l’odontoiatra a togliervi le protezioni; durante questa operazione, l’odontoiatra dovrebbe avervi rimesso la vostra mascherina prima della svestizione e vi inviterà a disinfettare le mani.
  • Avvisate l’odontoiatra che uscirete senza prendere il successivo appuntamento e che troverete un accordo per le modalità di pagamento con successiva telefonata. Immediatamente fuori dallo studio telefonate. Muniti di carta e penna o registrando la telefonata, prendete gli appuntamenti successivi e chiedete una modalità di pagamento digitale. Se possibile non rientrate e toccate la tastiera del bancomat senza guanti.
  • Rientrate al vostro domicilio senza fermarvi da nessuna parte, spogliatevi e fate una doccia completa, mettendo i panni precedentemente indossati in lavatrice. Ricordatevi di tenere la mascherina fino a casa; fate il cambio di guanti tra un ambiente e l’altro; cambiare più volte i guanti non fa male.
  • Per la sicurezza, vostra, di chi vi sta vicino e di atre persone che potrebbero essere contagiate, mettevi in quarantena fiduciaria volontaria, per almeno 15 giorni, provandovi la temperatura corporea tutti i giorni.

Tutto questo non porterà al rischio zero di diffusione del virus, ma sicuramente abbasserà le possibilità di contagio, rendendo disponibili maggiori cure ospedaliere per chi ne avesse bisogno.

Ricordiamoci che rispettare e far rispettare le normative è un dovere civico nel confronto di tutti che ci può far uscire velocemente dall’emergenza Sars-CoV-2, CoViD 19.

Quando lo stato di emergenza sarà dichiarato terminato, ricordiamoci che mantenere alcune norme potrebbe evitare una ricaduta, che potrebbe essere più dannosa della prima.

Bibliografia:

Tutte le informazioni riportate, nascono da un’elaborazione personale dai contenuti ottenuti dai seguenti ECM da me sostenuti con esito Positivo.

  • “ Nuovo coronavirus: tutte le informazioni indispensabili” rilasciato da FNOMCeO.
  • “Emergenza sanitaria da nuovo coronavirus SARS CoV-2: preparazione e contrasto” rilasciato da Istituto Superiore di Sanita.
  • “Indicazioni per la prevenzione della Trasmissione COVID-19” rilasciato da ASSR Regione Emilia-Romagna

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

TAG: rischio covid 19 dal dentista