Menu

Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 4

Ci si può sottoporre all'intervento di rinoplastica con l'apparecchio fisso ai denti?

Scritto da Davide / Pubblicato il
Salve a tutti, dovrei sottopormi all'intervento di rinoplastica attualmente sto portando un quadhelix e tra un po' dovrei indossare anche l'apparecchio volevo sapere se ci si può sottoporre all'intervento di rinoplastica con l'apparecchio fisso ai denti o meno? e poi ho letto che l'apparecchio potrebbe spostare il naso operato e che quindi sarebbe meglio fare prima l'ortodonzia e solo dopo il naso, ma è vera questa cosa?
Ho qualche dubbio sull'utilità del Quadhelix a 32 anni, quindi ho qualche dubbio ortodontico e anche sul fatto che a sutura palatina chiusa questo possa addirittura spostare il naso, meglio che lei faccia chiarezza con il suo Ortodontista ed il suo Otorino (possibilmente in combinata).

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig. Davide, il solo tipo di apparecchio da lei citato, senza parte chirurgica, in età adulta può dare solo movimenti dentali e non ortopedici, per cui non dovrebbe interferire con la rinoplastica. In qualunque caso questa domanda la deve fare al suo odontoiatra e al chirurgo che procederà con l'intervento.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caro Signor Davide, buongiorno. L'apparecchio ortodontico quad helix ha quattro elici attive collegate ai molari con bande. sappia che l'espansione del palato è più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia Ortodontica e meglio è. Anche intorno ai 5 anni. Certo, Esistono dei Compromessi, per cui si può intervenire anche da adulti ma legga bene quanto le dico ora: E' importante perché se fosse una Disgnazia Dento Scheletrica e non Dento Dentale, lo spostamento dei denti sarebbe non "Corporale" ma "Rotatorio" che sarebbe un "Compromesso" che però, in presenza di un Tavolato osseo Sottile, potrebbe portare alla formazione di pericolose deiscenze ossee con gravissime recessioni, oltre che decapitazione delle papille interprossimali, spesso affrontabili terapeuticamente sia funzionalmente che esteticamente in modo molto complesso e con plurinterventi per evitare la formazione di gravi inestetismi, visti troppo spesso, da me Parodontologo, in questo tipo di terapie, per non metterle in rilievo ed in ogni caso da decidere solo dopo un eventuale esame cefalometrico completo, non tralasciando l'importante valutazione fisiopatologica della lingua e dei suoi movimenti e disarmonie anche logopedistiche e soprattutto una Visita Parodontale che consiste in due visite intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Per la Sua domanda:chieda al chirurgo che la opererà e all'Ortodontista! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Senza entrare nel dettaglio del piano di cura direi che è importante se sarà intubato, come solitamente si fa per la chirurgia del naso non avere apparecchi che possono staccarsi, per il resto non si preoccupi.
Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)