Menu

Domanda di ortodonzia

Risposte pubblicate: 12

Mia figlia di 10 anni ha i canini superiori inclusi

Scritto da Rina / Pubblicato il
Salve, mia figlia di 10 anni ha i canini superiori inclusi, in posizione quasi orizzontale (allego immagine 3d). I denti da latte sono caduti molto presto e lo spazio si è richiuso prima di poter verificare che i canini sono effettivamente inclusi. Sintetizzando molto: è stata tentata la strada del recupero dei canini, con espansione palatale e successiva maschera di delaire, ma ad un certo punto il dentista si è "arreso" agli scarsi risultati e ci ha proposto come unica soluzione l'estrazione chirurgica definitiva dei canini. A questo punto abbiamo sentito il parere di un altro dentista specializzato in ortodonzia pediatrica, oltre che un chirurgo i quali, nonostante la "linea generale" comune riguardo la complicanza della situazione, ci danno indicazioni per noi un po' fuorvianti circa la necessità di rimuovere i canini subito, oppure aspettare ancora un po'. In parole povere sembra che la decisione sull'intervenire ora o aspettare ancora un po', col rischio che i canini vadano a interferire con le radici degli incisivi, sia demandata a noi genitori. Naturalmente siamo un po' confusi...Allego 3d scan. Grazie per una valutazione.
Gentile Signora, fossi io il genitore di una bambina di dieci anni non le farei mai subire un trauma come può essere l'avulsione chirurgica dei canini inclusi!!! Le consiglio di leggere il libro "Denti e Salute" del Dottor Michel Montaud, può esserle molto utile. In certi casi temporeggiare è la soluzione migliore.... cordiali saluti

Scritto da Dott. Giampiero Bonazzi
Milano (MI)

Se e quando possibile, i canini permanenti inclusi, si cercano sempre di recuperare e riportare in arcata, con specifiche manovre ortodontiche. La posizione di questi canini non è certo completamente orizzontale, quindi un loro recupero non dovrebbe essere impossibile, ma la gestione del caso clinico deve essere multi-disciplinare (odontoiatra, chirurgo orale, Ortodontista) e sicuramente la decisione finale non può essere presa dai genitori. In ogni caso, data la giovane età, che sconsiglia Ortodonzia fissa con trazioni dei canini esposti chirurgicamente, ma è più propensa ad un trattamento ortodontico - ortopedico funzionale a promuovere appunto una espansione palatale per poi (in un secondo momento) valutare il recupero dei canini, non estrarre mi sembra la cosa migliore.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

La posizione dei canini non è un problema. In genere il riposizionamento è solo questione di tempo e pazienza. Il problema, come sempre, è legato alla causa che ha provocato la disodontiasi . Se, come credo, si ci trova in presenza di uno squilibrio scheletrico tra il mascellare superiore rispetto all' inferiore la possibilità di recuperare lo spazio potrebbe essere molto problematica se non impossibile. In tal caso potrebbe essere necessario anche ipotizzare una correzione chirurgica dei mascellari in età adeguata. Non fossi la sua attenzione sul solo allineamento dei denti di una arcata ma solleciti chi valuterà il caso a prendere in considerazione il rapporto di masticazione tra i mascellari. Tutto ciò valutando il caso anzitutto con una teleradiografia che ci dirà qual'e la proporzione scheletrica ed addirittura cosa potremo aspettarci alla fine della crescita. Infine si faccia mettere tutto per iscritto nel rispetto di un corretto consenso informato come previsto dalla legge. 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

I canini inclusi debbono sempre essere ricuperati. Nel caso specifico bisogna agganciarli e tirarli in arcata, vedrà che ce la facciamo. In particolare non sono orizzontali e facile da riuscirci.

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

I canini sono recuperabili, ma nel contesto di un trattamento ortodontico completo e mirato. Probabilmente c'è palato molto stretto e bisogna dilatarlo per favorire la creazione dello spazio per tutti i denti in arcata. Bisognerebbe vedere non solo la Tac ma dei modelli ben fatti per valutare l'occlusione, cioè come combaciano sotto e sopra e capire come raggiungere una occlusione perfetta.. Si dovrebbe fare una cefalometria che studia la struttura ossea nel suo insieme e progettare un trattamento che tenga conto di TUTTE le componenti della occlusione. Estrarre i canini è un grave errore se con ortodonzia adeguata si può sistemare tutto. Tenga presente che è tardissimo, come età, vista questa situazione, e non c'è da perdere un solo giorno
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile signora, non manchera' nella sua città' un bravo ortodontista in grado di recuperare lo spazio in arcata per i canini. Le segnalo che l età' di eruzione dei canini e' in genere tra i 10 e i 12 anni ( più vicino ai 10 se la prima dentizione e' iniziata entro i 6 mesi , più vicina ai 12 se i primi decidui sono erotti più tardi ). C'e' quindi tutto il tempo necessario per correggere lo spazio in arcata e successivamente esporre e recuperare i canini ( troppo presto i 10 anni per definirli inclusi e comunque appaiono assolutamente recuperabili !) Le raccomando di NON farli estrarre ma solo di affidarsi ad un bravo ortodontista. Cordiali saluti 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Cara Signora Rina, buongiorno. Condivido in pieno quanto dettole dal bravo e Colto Dottor Sbarbaro: Si deve valutare la possibilità realistica di "portare fuori" i canini inclusi ed allinearli. Non era il caso di fare una Cone Beam, bastava e sarebbe stato più efficace per la Diagnosi Una Rx occlusale Evidenzia i contorni del canino incluso che, se posizionato all'interno della linea che idealmente unisce gli apici degli altri denti, è palatale, mentre, se posto all'esterno, è vestibolare. Regola della Posizione Vestibolare: Se l'angolazione verticale del cono cambia di circa 20° in due lastre successive, il Canino vestibolare si sposterà in direzione opposta alla fonte di radiazioni. In caso contrario di canino palatale, esso si sposterà nella stessa direzione della fonte di radiazioni. Rx endorali con incidenza diversa (regola di Clark o tecnica dello spostamento del tubo). Se il canino si sposta nella stessa direzione del tubo radiogeno, la diagnosi è quella di inclusione palatale. Se il canino si sposta in direzione contraria a quella del tubo radiogeno è in inclusione vestibolare. Infine, se il canino non cambia posizione, è in posizione intermedia, in senso vestibolo-palatale. A questo punto della diagnosi si interviene ortodonticamente, dopo ovviamente diagnosi cefalometrica e ceck up ortodontico, come detto sopra, qualora non vi sia nell'arcata lo spazio sufficiente al suo riposizionamento, prima dell'esposizione chirurgica. Se questo spazio invece ci fosse lo si sposta ortodonticamente previo intervento chirurgico per agganciarlo e "trascinarlo" in sede L'eruzione chirurgica può essere "chiusa", utilizzando un lembo ribattuto e posizionato e liberando nel modo giusto il dente dal tessuto osseo che lo ricopre ,oppure può essere portato in sede con escissione dei tessuti duri e molli limitrofi alla corona del dente che viene ancorata al dispositivo ortopedico. Personalmente pratico una alveolectomia conduttrice di Chatelier, che facilita il riposizionamento chirurgico-ortodontico del canino (in pratica faccio un canale osseo in cui guidare il canino in posizione La legatura che preferisco è quella fatta con un filo di acciaio inossidabile sotto al cingolo del canino incluso o se l'equatore fosse poco pronunciato o assente, faccio una banda, o un intarsio o un perno nella corona del canino! Sempre personalmente faccio tutto questo in una sola fase e tutto è molto "veloce", sempre entro certi limiti che dipendono da una infinità di problemi clinico-anatomo-chirurgici e ortodontici! Ovvio che lo deve fare chi lo sa fare! Per il resto che posso dire se non che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Come posso risponderle, Professionalmente, quindi? Il suo Dentista invece può e Deve e se non sapesse, la dovrebbe inviare a chi è capace ad affrontare questo "problema"! Lasciarla così, proponendo estrazioni, è veramente incredibile, a mio modesto parere ovviamente :)! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Sig.ra Rina, mi pare di capire che nessuno fino ad ora ha effettuato una trazione dei canini, ma si è solo tentata una espansione del palato. Francamente mi sembra eccessivo estrarre i canini e mi sembra inverosimile lasciare alla famiglia la decisione di un caso così complesso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

L'estrazione di un canino permanente è veramente l'ultima spiaggia. Solitamente si cerca di fare ogni tipo di sforzo per recuperare questi fondamentali elementi dentali. Come già detto dai Colleghi, 10 anni sono pochi per definire "incluso" un canino superiore. L'unica condizione in cui si potrebbe ipotizzare un intervento chirurgico tempestivo è se vi fosse in atto un riassorbimento della radice degli incisivi laterali (visibile in radiografia).

Scritto da Dott. Marco Iorio
Castelletto sopra Ticino (NO)

Sig. Rina, che belle radiazioni sono state date alla sua bimba, chissà se erano proprio indicate? Non conosco il parere dei colleghi che l'hanno curata, ma questi dopo i primi molari sono denti fondamentali della bocca, per cui prima di eliminarli occorre pensarci 3 volte, mettere sul piatto della bilancia i costi biologici in rapporto ai benefici, studiare e ristudiare il caso e avere anche il coraggio di inviare il caso un collega più esperto se non si è in grado di trattarlo. Scarichi le nostre risposte e inviti il suo odontoiatra ad accedere al nostro forum a lui riservato, dove potrà trovare il sostegno di altri colleghi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Ma per favore, estrarre quei canini è un delitto vero e proprio, ha l' età giusta per portarli in arcata, ma come si fa a proporre l' estrazione, si affidi ad un ortodontista bravo!!!!!!!

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Concordo con la maggior parte dei colleghi: a 10 anni la priorità è portare i canini in arcata, considerando che dovrebbero avere ancora un grande potenziale eruttivo. La posizione rispetto alla linea mediana non mi sembra tale da lasciarsi andare al pessimismo. Piuttosto, considererei lo spazio disponibile per essi.

Scritto da Dott. Carlo Barreca
Genova (GE)