Menu

Domanda di odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

La corona potrebbe aiutarmi o avrei sempre problemi?

Scritto da Tiziana / Pubblicato il
Buongiorno, il mio problema è il seguente, ho due molari sul lato sx basso entrambi devitalizzati e si trovano vicino, solo che uno non è stato devitalizzato benissimo (dentista indubbio) mentre l'altro visto che sono andata da un'altro dentista è stato fatto correttamente. Da un mesetto ormai ho dolore tra questi due molari..il mio dentista dice che è un problema gengivale perchè nessuno dei due ha problemi (fatta radiografia) ne quando mastico nè di congelamento nè alla battitura. Mi ha consigliato sciacqui, scavolino ecc ma non passa..controllandomi di nuovo mi dice che c'è spazio tra la gengiva e il dente e dovrei tenerla sempre pulita perchè si infiamma facilmente (specifico che sanguino parecchio se spazzolo e soprattutto se passo lo scovolino). Allora mi è stato consigliato di mettere una capsula sul dente devitalizzato bene perchè permette di chiudere bene (ora non ho capito cosa intendeva) e così dovrei risolvere il problema. Questa devitalizzazione l'ho fatta a settembre. Vorrei sapere se questa è una giusta cosa da fare, la corona potrebbe aiutarmi o avrei sempre problemi? purtroppo non lavoro e non ho possibilità economiche per provare e riprovare...Grazie in anticipo per le eventuali risposte.
Cara Signora Tiziana, buongiorno. Il Suo Dentista inde indubbiamente di ricreare un buon punto di contatto con una corona protesica per salvaguardare la papilla e la Gengiva ma glielo avrebbe dovuto spiegare e soprattutto spiegare perché con una corona e non con un a otturazione semplicissima o due otturazioni, una su ogni dente in modo da non sovradimensionare i denti e creare sottosquadri pericolosi per il Parodonto (gengiva ed osso). IL cosiddetto "problema gengivale" deve essere Diagnosticato in modo preciso. Non basta dire che c'è un problema! Bisogna fare un sondaggio Parodontale delle eventuali tasche, valutare se ci fossero recessioni o/e erosioni dello smalto e Gengiva aderente insufficiente o fornice insufficiente! Ha bisogno di una Visita Parodontale che è costituita da due visite intervallate da una preparazione iniziale con Igiene Professionale della tasca, Curettage e Scaling e Root Planing per rimuovere il tessuto di granulazione dall'interno della tasca stessa che falsa la presa delle misurazioni della sua profondità, le Rx endorali complete, i modelli di studio e che nella seconda visita si riprendono le misure delle tasche che ora saranno quelle vere e dalla differenza tra le prime e le seconde si fa diagnosi sul tipo di Parodontite, sulla sua Aggressività, sulla sua attività e si emette una Prognosi e si pianifica una eventuale terapia! Lei non deve "provare e riprovare" è il Dentista che deve fare una Diagnosi certa e spiegarle tutto ed informarla su tutto! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Tiziana, non occorre provare e riprovare occorre una semplice diagnosi e poi applicare le corrette cure. Cerchi di affidarsi a delle buone mani che si possono riconoscere facilmente, perchè richiedono la parcella della visita e le rilasciano la diagnosi anche scritta che non è il preventivo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Una corona protesica, correttamente eseguita, potrebbe risolvere il problema dello spazio interprossimale che lei ci segnala, se realizzata correttamente dal punto di vista funzionale (con adeguata gestione dei tessuti molli). Premettendo che sarebbe comunque opportuno, per darle migliori indicazioni, avere una radiografia endorale e, se presente, oltre al problema del punto di contatto interprossimale, una cura canalare non corretta, ripeterla.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gentile Tiziana, il suo è uno dei numerosi casi clinici che ci vengono posti continuamente in cui manca un elemento fondamentale che è la diagnosi. Senza una DIAGNOSI precisa si procede ovviamente per tentativi che di solito non risolvono il problema ma che spesso contribuiscono ad amplificarlo. Per una diagnosi certa si deve effettuare una visita accurata con test di vitalità, sondaggio gengivale ed rx endorale (non la solita panoramica). Se necessario si può ricorrere ad esami strumentali di secondo livello come una tac o una cone-beam. Il suo problema potrebbe derivare da un problema dentale come la devitalizzazione imprecisa oppure da una tasca gengivale oppure da entrambe le cause (dento-parodontale). Se non si capisce il motivo del problema non si saprà mai come procedere in maniera corretta e definitiva. Chieda al suo dentista di formulare una diagnosi certa a cui corrisponderà una terapia adeguata. Di più non posso dirle non avendo nessuna conoscenza del suo caso clinico. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Senz'altro la corona o capsula risolverà il problema che sembra legato alle otturazioni che infiammano la gengiva trattenendo cibo e impedendo corretta igiene - la cosa importante è che la capsula sia fatta su un dente che è stato devitalizzato bene, e che dalla rx non emergano difetti nella devitalizzazione, come ascessi granulomi infezioni. Altrimenti il dente deve prima essere ritrattato cioè guarito con una nuova procedura di pulizia dei canali.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Sig.ra Tiziana, sembra di capire che il suo dentista afferma che manca il punto di contatto tra i due denti e lo vuole creare con una corona. Teoricamente potrebbe essere una soluzione, la corona va fatta con un profilo corretto, altrimenti si ha un sovracontorno e cadiamo dalla padella alla brace. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Salve dal mio punto di vista il dente devitalizzato dolente credo che vada ritrattato, spesso capita nell'anatomia del dente, specie i molari, che vi sono dei canali accessori, i quali per essere individuati hanno bisogno di una mano esperta ed un occhio abile, quando non si evidenziano questi restano vitali e danno vita ad una necrosi del nervo residuo. La necrosi ha delle fasi in cui all'inizio c'è solo presenza di dolore masticatorio, in seguito si forma un ascesso all'uscita dello sbocco dello stesso comportando la perdita di osso e la successiva estrazione, spesso mi capita di vedere ascessi sotto a denti devitalizzati ed incapsulati, questa è la prima ipotesi, la seconda potrebbe essere un eccesso di materiale oltre apice che in fase di riassorbimento potrebbe dare dolore, in tal caso non succede nulla perchè col tempo sparisce, ma certe valutazioni vanno fatte innanzitutto vedendo una rx endorale tutto il resto sono ipotesi, grazie par averci scritto
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Sansone
Torre del Greco (NA)