Domanda di Igiene e Prevenzione

Risposte pubblicate: 5

Da circa due settimane mi sanguinano le gengive durante lo spazzolamento

Scritto da Enrica / Pubblicato il
Salve, da circa due settimane mi sanguinano le gengive durante lo spazzolamento. Da quello che ho potuto osservare, mi succede se spazzolo troppo forte o di sera, se non ho avuto modo di lavarmi i denti dopo pranzo. Aggiungo che in passato ho avuto molte carie perché, a detta del mio dentista, ho lo smalto debole e ho anche i denti accavallati, quindi cerco sempre di pulirli con molta attenzione. Ho paura che possa essere una gengivite, ma qui non so a chi rivolgermi e vedrò il mio dentista ormai dopo Natale. Cosa posso fare nel frattempo per migliorare la situazione? Grazie mille
Sig. Enrica, nel frattempo continui con lo spazzolamento senza mollare, il sanguinamento è dato dalla placca che deve essere rimossa. Non deve aver paura della gengivite perchè è una patologia completamente reversibile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Dottor Gustavo Petti e Dottoressa Claudia Petti, Odontoiatri e Parodontologi di Cagliari. Poster esplicativo sulla Gengivite
Cara Signora Enrica, buongiorno. Se non è in Gravidanza e se non avesse "disfunzioni Ormonali in atto", starei tranquilla e cercherei di spazzolare bene i denti! Certo il sanguinamento può essere sintomo di una Gengivite o peggio di una iniziale Parodontite (inizialissima, vista la giovane età, quindi stia tranquilla)! I denti "accavallati", non aiutano certo! La causa evidentemente è da ricercarsi nella presenza di placca batterica che non riesce a rimuovere, poi, sappia, ci sono mille motivi per cui possa iniziare una piccola Gengivite: oltre le cause sopra dette all'inizio, lo stress, il cambio di stagione, l'alimentazione, l'uso di un spazzolino non corretto sia nella consistenza delle setole che grandezza della testa, che "mancanze" nell'uso! Per l'Igiene Orale domiciliare, NON si deve usare uno spazzolino con setole morbide perché non puliscono, non massaggiano le Gengive e non solo non servono a niente ma causano un aggravamento della patologia Gengivale o Parodontale che fosse! Lo spazzolino deve avere setole artificiali dure e testa medio-piccola, non grande! La tecnica da usare è quella di Bass Modificata: si usa lo spazzolino orientato verso le gengive a 45° e va usato con movimenti di rotazione, vibrazione e verticali che terminano con un movimento circolare deciso! Ma va insegnato in sede di Igiene Orale in Studio! Tuttavia, diciamo pure che il miglio metodo di spazzolamento è quello che è più efficace per quella bocca di quella persona, in questo caso Lei! Ossia è quello che le riesce più agevole, potrebbe anche crearlo lei, basta che porti via la Placca Batterica e che controlli che questo sia avvenuto veramente con le pasticche rivelatrici di placca di cui le parlo più avanti!Si ricordi solo che lo spazzolino deve essere duro e a testa piccola e lo deve cambiare ogni mese almeno! Si ricordi poi che non esistono bocche senza placca batterica. La placca batterica si forma in circa 3-4 ore e l'igiene orale domiciliare serve per controllarne la formazione non certo per eliminarla totalmente. Ecco perchè la pulizia dei denti professionale dal Dentista serve sempre periodicamente. Faccia una prova: compri in farmacia le pasticchette rivelatrici di placca, ne sciolga una in bocca passando la saliva e la lingua su tutti i denti, sulla faccia esterna, interna e sopra masticante e si guardi allo specchio. Se vedrà colore su denti, colletti, gengive, lingua, quella è placca batterica! Solo se non vedesse colore significherebbe che non ci sarebbe placca. allora passi uno scovolino tipo cotonfioc nei solchi gengivali e veda se si colora perchè allora la placca sarebbe lì! Faccia la prova e poi mi dica! Ricordi anche di pulire il dorso della lingua dove si annida la placca con dedicati spazzolini piatti che trova in farmacia! Usi il filo interdentale per pulire gli spazi interprossimali dalla gengiva a salire fino al punto di contatto. Il dentifricio non ha nessuna importanza se non quella di rendere più gradevole questa operazione. Ovvio che è meglio sia di Marca conosciuta per evitare "pasticci nocivi"! Può aiutarla l'idropulsore soprattutto se fosse portatrice di Protesi fisse!Dato che ha fatto una domanda precisa, merita una risposta precisa. Cari Saluti e stia tranquilla, risolverà tutto ma con impegno da parte Sua, anche :)Allego un Poster fatto da me e mia Figlia Claudia per spiegarle cosa sia una Gengivite e come sia nocivo il Tartaro! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Si vede che probabilmente lei ha bisogno di una o più sedute di igiene professionale dal dentista. C'è una regola: se quando si spazzola esce sangue e da fastidio, bisogna andare contro quello che direbbe l'istinto, cioè di smettere o fare più piano. Questa reazione istintiva c'è l'hanno tutti, dal bambino all' ingegnere a meno che non siano stati addestrati bene dal dentista. Al contrario invece bisogna insistere a spazzolare bene e con la giusta energia. A quel punto, se il sanguinamento non passa in un paio di giorni bisogna andare dal dentista. Infatti il sanguinamento non va bene. Le gengive non devono sanguinare. È segno di infezione o infiammazione
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Hanno scritto benissimo i miei colleghi. Il sanguinamento gengivale, segno di infiammazione (legata a sua volta ad accumulo di placca/tartaro) deve essere gestito da lei con adeguate procedure di igiene orale e dal dentista con adeguate procedure di pulizia professionale. E dovrebbe risolversi tutto lì, a meno che non ci siano altre problematiche concomitanti che noi non sappiamo.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Il sanguinamento gengivale é un segno di infiammazione gengivale, causato dalla risposta dell' organismo alla placca. Può effettuare una visita per una diagnosi di gengivite, o per evidenziare un processo più avanzato (parodontite). Una volta che la terapia sará messa in atto, le verranno indicate le corrette misure di igiene domiciliare adeguate all' anatomia della sua boccaper un ottimale mantenimento. Saluti

Scritto da Dott. Raffaele Papa
Rieti (RI)