Menu

Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 8

Da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie

Scritto da Giuseppe / Pubblicato il
Salve dottori da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie che penso siano causati dal disagio che provo a bocca e mandibola rilassata e anche quando mastico. Sembra di avere i muscoli tesi anche la parte tra il mento ed il collo. Premetto che da piccolo ho fatto una terapia ortodontica dove mi si diceva che gli spazi non chiusi non possono essere chiusi perché i denti sono già tutti in chiave. Per di più noto un'asimmetria del mio volto e anche delle mie labbra. Cosa dovrei fare? Che ne pensate della situazione? Allego delle foto. So perfettamente che la diagnosi non può essere fatta ma volevo sapere su per giù cosa potrei avere, vi ringrazio.
Da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie Da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie Da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie Da un po' di tempo sto accusando dolori facciali e alle tempie
È probabile che lei soffra di una malocclusione che le provoca contratture muscolari che sono alla base dei suoi dolori e dei suoi fastidì. Per risolvere al meglio il suo problema le consiglio di effettuare una diagnosi neuromuscolare condotta attraverso delle adatte strumentazioni oggi indispensabili per l'attuazione di una corretta terapia. Ben raramente tali patologie sono risolte coi soli mezzi empirici quali bites o posizionatori di vario tipo.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Probabilmente è opportuna una valutazione gnatologica specialistica, mirata a valutare eventuali problematiche di malocclusione e relative conseguenze (probabili considerando i sintomi che lei riporta). Questa valutazione la può fare direttamente il suo odontoiatra, da solo o in ausilio con l'Ortodontista dello studio.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Ci sono delle asimmetrie che sembrano strutturali, cioè scheletriche, quindi non risolvibili. Bisogna vedere innanzitutto la posizione dei denti del giudizio. Se c'è qualche forma di malocclusione (dovuta forse anche dagli ottavi del giudizio), uno gnatologo, come suggeriscono i colleghi, può risolvere. I sintomi da lei descritti possono dipendere da questo.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Caro Signor Giuseppe, buongiorno. Pienamente d'accordo col Dottor Passaretti sempre preciso e Professionale! Mi permetto di fare alcune precisazioni per informarla più esaustivamente possibile dal momento che io mi occupo di queste patologie Gnatologiche da moltissimi anni. Occorre però una seria e corretta valutazione Clinica Semeiologica con anche sondaggio parodontale oltre che valutazione delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monson che non è altro che una sfera immaginaria che serve per allineare le cuspidi dei denti posteriori con i margini incisali degli incisivi frontali e del movimento condilare di Bennet oltre che le tre disclusioni ed Over-Jet (sovraggetto ossia di quanto i denti superiori sopravanzino gli inferiori) e L'Over Bite (di quanto i superiori coprano gli inferiori) e il Movimento di Bennet a livello della Testa del Condilo!!! Legga nel mio profilo "Visita Parodontale", Le sarà molto utile! Come vede i "problemi sono più complessi di quanto possa immaginare, pur essendo di normalissima Routine Odontoiatrica ma Colta e di Qualità! La Terapia dipende da tutte queste valutazioni e da tanto altro! Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia!Seguiranno altre valutazioni come la Stabilometria computerizzata per valutare anche la postura e la Risonanza Magnetica a bocca aperta e chiusa! La Gnatologia è ben altro che queste semplici nozioni base che devono evidenziare in ogni caso i concetti fondamentali di realizzare la posizione di massima intercuspidazione col contatto cuspide fossa ( ossia cuspide di un dente con la fossa del dente antagonista e viceversa. In particolare la cuspide palatale con il suo rapporto con la fossa antagonista, mantiene la dimensione verticale della bocca, insieme alle altre cuspidi palatali.)Non basterebbe un corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria per risponderle. In ogni caso, in senso lato e solo dal punto di vista Culturale cercherò, per quel che potrò, di soddisfare la sua curiosità! l'apparato Stomatognatico è costituito dal rapporto tra tre organi essenziali: L'Articolazione statica e dinamica dei denti, ossia l'Occlusione. L'Articolazione Temporo Mandibolare. Il Sistema Neuro Muscolare, che governa il tutto. In queste tre componenti si inseriscono diverse varianti importanti, quali la Masticazione, la Fonazione, la Deglutizione, la Postura, l'Interazione tra Cuspide, Fossa, Parodonto, le Tre Curve di compensazione già citate etc. Ci deve essere una Prima Classe di Angle di normocclusione sia a livello molare che canino (ossia un corretto rapporto tra la cuspide mesio-vestibolare del primo molare superiore con il solco mesiale del primo molare inferiore e tra il canino superiore (la cuspide del cannino "ingrana alla perfezione" tra il canino e il primo premolare inferiore) e quello inferiore il rapporto tra incisivi superiori ed inferiori devono avere un corretto l'over-jet e Over-Bite e Lei sembrerebbe essere, almeno dalle foto, in norno occlusione di Angle ma sono evidenti disarmonie Gnatologiche come per esempio la grave intrusione o frattura coronale non trattata di un premolare inferiore sinistro (non è chiaro da una solo foto senza visita clinica) e la mancanza dei due premolari sin. e Dx inferiori, da valutare Gnatologicamente! Tutto questo porta ai dolori di cui si lamenta! Bisogna valutare però se si tratti di una patologia Gnatologica Primaria ossia discendente o secondaria, ossia ascendente, rispetto a patologie Posturali vertebrali, del bacino (muscolo psoas in particolare) ed arti inferiori o anche della fisiopatologia della lingua e del dente dell'Epistrofeo e quindi della base cranica in rapporto ak suo orientamento spaziale ( da qui lo studio con Arco Facciale di Trasferimento ed Articolatore a valore Medio e la valutazione posturale con pedana stabilometrica computerizzata )le lascio una foto). Ha bisogno quindi di una Valutazione Gnatologica colta e completa oltre che complessa! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE
gnatologia-dr-g.petti-cagliari-065.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Giuseppe, occorre una visita, le foto non sono sufficienti per stabilire se la causa dei sui problemi è legata alla sua articolazione.................

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Buongiorno gentile Giuseppe. In effetti i sintomi descritti rimandano a disturbi di tipo muscolare, legati quasi certamente alla masticazione, cioè alla posizione dei denti ed ai loro reciproci contatti sia a riposo che in masticazione. Delle asimmetrie si vedono, come pure un'anomalia di eruzione di un premolare inferiore sinistro.
Reputo che anche le cosiddette curve di compensazione ( cioè l'andamento curvo ovoidale disegnato dalle cuspidi dentali disposte in genere su una immaginaria superficie curva ) che dovrebbero avere un assetto sia simmetrico che prossimo all'orizzontale, non siano fisiologiche rendendosi pertanto necessari adattamenti funzionali che sicuramente hanno un "costo" biologico compatibile con i suoi sintomi.
La sua giovane età lascia sperare in un residuo potenziale di guarigione di cui però a distanza non è possibile valutarne l'entità.
Occorrerà quindi un attento esame anatomico della bocca nelle tre dimensioni ( visita, radiografie 2D e/o 3D, modelli in gesso montati su articolatore, cere di centrica e lateralità ecc. ) ed anche un'esplorazione della funzione sia muscolare ( i muscoli da valutare sono parecchi ma ben esplorabili) che articolare per escludere potenziali danni all'articolazione temporo-mandibolare. Si riuscirà così a fare un bilancio sia dentale che muscolo-articolare che scheletrico. E capire se e quanto una terapia ortodontica sia opportuna e se vada integrata da altre strategie terapeutiche ( ad esempio se alla fine sia da estrarre il dente intruso a sinistra magari sostituendolo con un impianto, posto che sia un deciduo) .
Quindi i suoi timori sono fondati ma vanno ben indagati e penso che occorra più di un professionista ed un team affiatato per avere le risposte che le servono. Ma non aspetti perché di tempo non c'è n'è molto e la plasticità dell' adolescenza è terminata!
Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)

Buongiorno Giuseppe, la sintomatologia che descrive è quella di un classico caso di malocclusione con serramento. La terapia ortodontica che le è stata praticata ha bene allineato i suoi denti mettendoli in chiave, ma può aver alterato gli equilibri ed i compensi delle tensioni muscolari che determinavano l'armonia della sua occlusione dentaria. Le consiglio una visita presso un bravo medico gnatologo. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Lei mastica da un solo lato? se si la causa potrebbe essere questa e quindi bisognerebbe riportare la mandibola a masticare alternativamente dai due lati

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

Sullo stesso argomento