Menu

Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 5

Molaggi selettivi nei denti inferiori naturali

Scritto da Klaudia / Pubblicato il
Buongiorno, a seguito della sostituzione di un ponte in metallo ceramica (canino e due premolari superiori) con allungamento delle corone cliniche il dentista mi ha effettuato dei molaggi selettivi nei denti inferiori naturali, eliminando in questo modo totalmente il contatto tra il ponte ed i denti sotto. Quindi mi ha molato canino e premolari inferiori corrispondenti. Ho un morso profondo sin dall'infanzia, ma senza sintomi particolari o comunque degni di terapie. A distanza di un mese dall'evento continuo ad avere fastidi dal lato della bocca dove mi sono stati limati i denti, adesso gli unici che hanno un contatto sono i due molari e inoltre ho leggero dolore sia sotto che sopra, sempre da questo lato e a volte fitte nei denti limati. La mia sensazione è che i denti da questo lato stiano cercando il contatto che prima avevano e non hanno più. Ho in continuazione l'esigenza di serrare la bocca per cercare di sentire il contatto di questi denti, contatto che ovviamente non avviene più. Mi sembra come se ci fosse qualcosa d'incastrato nei molari, cosa ovviamente non vera. Tutti questi fastidi prima non li avevo, cosa dovrei fare? Questi lavori ai denti sono costati molto e non ha al momento disponibilità economica di fare atri trattamenti costosi. Ho letto che i denti si estrudono da soli per cercare il contatto, i miei denti limati potrebbero farlo ed in quanto tempo?
Cara Claudia, il morso profondo é di per se una conformazione anatomica della bocca predisponente alla insorgenza di sintomatologie algico disfunzionali del complesso stomatognatico. Talvolta può accadere che mutamenti della occlusione, anche di modesta entità , possano rompere un equilibrio pre esistente determinando la comparsa di sintomatologie diverse che vanno dal fastidio per la perdita di una occlusione certa a compromissioni dolorose anche di grave entità.
Si rivolga al suo curante facendo presente la mancanza di contatto sui denti protesizzati e se una volta rimosso il problema ritroverà la "pace dentale" avrá risolto i suoi problemi anche se mi ritengo dubbioso. In caso contrario occorrerà procedere verso una precisa diagnosi gnatologica attuata con apposite strumentazioni computerizzate ( non "a occhio") per il ripristino di una corretta occlusione dentale.
 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Cara Signora Klaudia, buongiorno. Troppe Diagnosi non fatte o in sospeso e troppi problemi. IL molaggio selettivo è parte della Gnatologia! Ha bisogno anche di una Visita Gnatologica con valutazione delle disclusioni in lateralità, protrusiva e Relazione Centrica con lo studio delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monson che non è altro che una sfera immaginaria che serve per allineare le cuspidi dei denti posteriori con i margini incisali degli incisivi frontali..Sarebbe eventualmente, ma lo deciderebbe solo il Dentista, opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia!

La Gnatologia è ben altra cosa anche se i concetti fondamentali di realizzare la posizione di massima intercuspidazione col contatto cuspide fossa ( ossia cuspide di un dente con la fossa del dente antagonista e viceversa. In particolare la cuspide palatale con il suo rapporto con la fossa antagonista, mantiene la dimensione verticale della bocca, insieme alle altre cuspidi palatali.)

Cerco di s piegarle qualche cosa sul Molaggio Selettivo: come dice il nome stesso è selettivo, ossia si selezionano superfici di versanti cuspidali che siano in precontatto, ossia contatto precoce nelle tre disclusioni in lateralità, protrusiva e Relazione Centrica e tanto altro come spiegato sopra, si selezionano, dicevo, le superfici in precontatto da molare, senza togliere il contatto e quindi senza alterare la dimensione verticale della bocca! Non è semplice fare un molaggio selettivo, bisogna saperlo fare! Ci sono cuspidi che non possono essere toccate, come le cuspidi di "Stop" e versanti cuspidali che possono essere molati ed altri che assolutamente non si possono molare ( = regola del Mesial Up- Distal Dawn), ma aLei questo non interessa! E' il Dentista che di avere la Cultura necessaria per attuare un Molaggio Selettivo! Di più non posso spiegarle! Occorre una Visita Gnatologica ed eventualmente Ortodontica con Ceck up completo della Disgnazia per emettere una Diagnosi! In un caso complesso come il Suo, spesso, si deve usare l'Arco Facciale di Trasferimento per montare i modelli su un articolatore a valore medio e studiare e fare sui modelli il molaggio selettivo per avere una predicibilità (ma solo in casi eccezionalmente complessi) Insomma ha bisogno di una Visita Gnatologica che è parte di una visita Odontoiatrica completa che è poi la Visita che Mia Figlia Claudia ed Io facciamo sempre nello Studio, per qualsiasi motivo fosse venuto il Paziente si Diagnosticherebbe sicuramente tutto! :) Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE
analisi-gnatologica-dr-g.petti-301.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Claudia se lei si è rivolta a un professionista iscritto all'Ordine dei Medici, può ritornare e richiedere che il tutto sia rivisto e che vengano compensati alcuni suoi fastidi. Se non ritrova iscritto questo professionista ci riscriva che forse possiamo trovare una soluzione.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La cosa più logica è rientrare dal collega che l'ha trattata, dato che il suo è un problema piuttosto articolato occlusale e gnatologico non gestibile online, spiegargli la sintomatologia ed i fastidi presenti, e farli risolvere. E' doveroso da parte del collega.
L'estrusione alla ricerca del contatto esiste ma piuttosto lenta e non troppo predicibile.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno Klaudia. La programmazione protesica prevede lo studio di un gran numero di parametri morfologici e funzionali. È impossibile dirle a distanza se nel suo caso siano stati valutati e rispettati in toto. La sensazione è che qualcosa sia sfuggito dal controllo clinico/terapeutico.
Un molaggio selettivo, e tale deve essere sempre, può essere indispensabile per una serie di ragioni variabili da caso a caso e fatto con somma ratio e prudenza.
Lei afferma di essere portatrice di morso profondo asintomatico, condizione che va trattata con molta perizia per evitare di perdere il delicato equilibrio naturale che garantisce la buona funzionalità, posto che in genere i margini di tolleranza e di compensazione del sistema masticatorio ( denti, muscoli, articolazioni, sistema neurosensoriale ) nel morso profondo sono spesso inferiori alla media.
Occorre rivalutare la sua situazione morfo-funzionale e cercare di stabilire se sia possibile una correzione o un ripristino dei contatti dentali nel modo più semplice possibile, ad esempio con semplici tecniche additive sui denti naturali molati o se invece occorra una nuova programmazione protesica, da fare ovviamente in garanzia.
Un esame gnatologico fatto con cura , che valuti non solo i parametri protesici morfologici stretti, ma anche quelli parodontali,articolari, muscolari,( anche del distretto cervicale, deglutizione e lingua, kinesiologico e posturale,) ed ovviamente quelli morfofunzionali del resto dei denti con tutti i valori ( free-way space, protrusiva e lateralità destra e sinistra, dimensione verticale, tipologia delle curve di compensazione ecc.)
Tutto questo si può e deve fare alla poltrona con le mani gli occhi e la competenza professionale. Dopo se occorre si completa l'esame clinico con esami strumentali.
Ne parli col suo dentista con calma e decisione cercando insieme una risposta. Se poi la risposta non viene le vie da percorrere sono un po' più ardue ma comunque fattibili. Ne potremmo riparlare in un secondo tempo.
Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)

Sullo stesso argomento