Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 7

professionista che esegua molaggi selettivi con il Protocollo del Professor Mario Martignoni

Scritto da Roberto / Pubblicato il
Sto cercando un professionista che esegua molaggi selettivi con il Protocollo del Professor Mario Martignoni...Preferibilmente in Lombardia. Qualcuno può aiutarmi? Grazie Cordiali saluti
Gentile signore nella mia esperienza ho quasi sempre visto soggetti con disordine temporo mandibolare b (il nome corretto è questo) con riduzione della dimensione verticale. I denti incisivi anteriori sono cioè più alti dei posteriori, detta con altre parole i molari sono più bassi si informi meglio "disordine temporomandibolare e dimensione verticale" magari guardando delle immagini. Il Suo problema è quindi che i denti dietro sono corti e necessita di "allungare i denti senza limarli". Io la sconsiglio di "abbassare" mentre dovrebbe "allungare".
Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Buongiorno, mi scusi ma chi le ha consigliato di eseguire questo protocollo, perchè non lo ha eseguito lui stesso?.
Presumo forse che questo atto lo chieda lei e non le sia stato suggerito da alcuno, sappia sempre che un atto medico anche un semplice molaggio selettivo va valutato da un medico, chi le ha suggerito di eseguire il molleggio selettivo?

Resto in attesa di un sua risposta e le auguro buona giornata


 

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Il molaggio selettivo é un protocollo clinico che deve essere attuato solo in casi specifici nei quali sia stata confermata la reale necessità di poterlo e doverlo fare. In caso contrario il danno dovuto alla sottrazione di tessuto dentale può essere grave.
In base alla moderna diagnostica strumentale neuromuscolare,molto successiva alle metodiche meccanicistiche quali lei si riferisce, la necessità di eseguire un trattamento di tale tipo non supera il 3-4% dei casi affetti da disturbi occlusali.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo Riabilitatore Orale in Casi Clinici Complessi, di Cagliari. Esempio di parziale Visita Gnatologica con Arco Facciale di Trasferimento, Articolatore a Valore Medio, Stabilometria Computerizzatae e Bite Plane di vari Tipi e Funzioni
Gentile signor Roberto, buongiorno. Certamente il Professor Martignoni è stato un Grande Maestro per l'Odontoiatria e la Gnatologia e Protesi Italiana ( venuto a mancare nel gennaio 2006): tenga presente questo concetto fondamentale: ogni restauro, anche il più "bello", è condannato all'insuccesso se non è, appunto, un restauro, cioè se non è fatto in modo da incorporarsi perfettamente nell'originale, ossia nella bocca del paziente. Questo concetto, espresso con la consueta efficacia dal professor Mario Martignoni in occasione del Congresso "Dentiberica 87" di Barcellona e ribadito nella sua relazione al XXX Congresso degli "Amici di Brugg" di Rimini, è alla base di ogni lavoro riabilitativo odontoprotesico. Del resto, è vero che tale opera di inserimento del manufatto nell'originale è tanto più fattibile quanto più sono armonizzate, nella bocca del paziente, le tre componenti fondamentali: gengiva, osso alveolare e dente. E per questo motivo che si dovrebbe guardare al restauro protesico con quella che Io personalmente definisco "mentalità parodontale". Legga nel mio profilo tra gli articoli miei e di mia figlia Claudia, di Protesi e di Chirurgia Parodontale Estetica. Le si "chiariranno le idee"! In ogni caso il molaggio selettivo ha anche altri studiosi di rilievo e le lascio parte di Bibliografia tra i primi che ne hanno parlato:

1. OCHSENBEIN, C.; "Rapporti tra architettura ossea e gengivale", J.CL Periodont., 29: 16, 1958

2. PETTI, G.; "Restauro conservativo di un elemento dentale recuperato con intervento parodontale gengivale ed osseo", Il Dentista Moderno, 7, 1340-1343, 1985

3. PETTI, G.; "Restaurazione protesica di un elemento dentale recuperato con un piccolo intervento parodontale", Il Dentista Moderno, 8, 1517-1519, 1985

4. BAUER, A.; GUTOWSKI, A.; Gnatologia - introduzione teoria e pratica, 136-149, 1984

5. PETTI, G.; "Le metodiche attuali per il trattamento chirurgico ricostruttivo dei difetti ossei", Il Dentista Moderno, 5, 817-832, 1986

e continuando a citare solo i nomi dei più "recenti":
W. Thomas Colquitt Shreveport, Louisiana - Robert J. Cronin, Jr.
Fair Oaks Ranch, Texas - Michael N. Cohlmia Walnut Hill Lane -
Paul Hasegawa Seattle - William N. McGilchrist Evanston, Illinois - Robert S. Nishikawa Pico Blvd Los Angeles,California - Michael G. Wiley Colorado Springs, Colorado - Ralph G. Stenberg, Lynnwood, Washington - Thomas Basta - Michael A. Mansueto San Antonio, Texas -
Tanteri - Bracco - Prandi Autori del Testo "Elementi di gnatologia - Dalla diagnosi alla riabilitazione" - C. Valsesia,W. Pisa, G. Magnano, A. Pirazzi Maffiola, G. Meersseman, C. Miglio Autori del Testo "Concetti fondamentali di gnatologia moderna" per citare anche alcuni nomi Italiani tra i moltissimi studiosi a livello Mondiale! Lei parla di Protocollo Martignoni, lasci scegliere "il protocollo" che poi è praticamente la "Metodica" (parlare di protocollo è "fuorviante ed inesatto" al Dentista Gnatologo che l'ha in cura. Non può scegliere Lei! Tutti i nomi citati esercitano una Gnatologia Moderna dell'ultimo decennio circa! Mi sono permesso di fare queste citazioni perché ho imparato moltissimo dal Grande Professor Martignoni e mi occupo di Gnatologia da sempre e le ho fatto notare anche tanti altri nomi e "Protocolli" (Virgolettati mi raccomando) Esteri e Italiani di Rilievo in cui modestamente mi ci metto anche io :) col Suo Permesso e soprattutto con quello dei miei Colleghi, tra cui ce ne sono tanti altri che esercitano una eccellente Gnatologia, su questo portale di Dentisti Italia ne trova tantissimi, anche a Milano!!! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Roberto, ho avuto la fortuna di incontrare più volte il Prof. Era sicuramente un grande conoscitore della gnatologia. Ora il molaggio selettivo è l'atto più distruttivo per correggere l'occlusione. Sicuro che ne ha veramente bisogno? Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Il professore Mario Martignoni, persona geniale, è mancato nel 2006 e in vita fu il "Maestro di color che sanno". Lo posso dire io con cognizione di causa non perché sono stato suo allievo, ma di più sono stato suo affettuoso sodale e abituale commensale. La sua bibliografia è immensa, ma i suoi scritti più notevoli furono quelli degli anni giovanili, pubblicati sulla defunta Rivista Italiana di Odontoiatria. (Oggi prevale la mini-cultura sbrigativa via internet.) Non esiste una sua personale sistematica circa la tecnica del molaggio selettivo, come neppure può esistere - per via d'esempio - una mia particolare sistematica di scalata alpinistica in alta quota. Il molaggio selettivo ha due limitazioni dirimenti: 1. agisce solo in via sottrattiva, 2. vale solo per piccole modificazioni. Diventa strategico come complemento di protesi fisse quando incorporano la fatale imprecisione del laboratorio odontotecnico. Questa procedura di altissima classe può fare la differenza tra inferno e paradiso per un soggetto in bilico terribile sul piano occlusale. Sembra che i dentisti odierni siano terrorizzati dal danno maldestro e irreparabile, e preferiscono concludere la loro opera per approssimanzione. La tecnica del molaggio perfetto non è un segreto esoterico, ma rimane ben alla portata del mio valoroso collega di vicinato, che lavora a Mediglia con onore. Il processo mentale che guida la mano nel verso giusto è stato descritto nel sesto capitolo del mio libro, edito da Minerva Medica, una dinastia di cinque generazioni di alta editoria medica. Prezzo modesto. Il processo mentale delle azioni giuste è tutto in un algoritmo, che si rende epistème del concetto di molaggio selettivo (Epistème: vedi Wikipedia). Tutto il resto è silenzio. Una domanda: ma è sicura della necessità di un molaggio selettivo? Può anche telefonarmi, tanto per telefono non la posso mordere! Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Roberto, tutti gli odontoiatri se non conoscono questo protocollo sanno come ritrovarlo e applicarlo, il problema è che dubito che sia indicato per lei.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento