Menu

Domanda di gnatologia

Risposte pubblicate: 9

Soffro di click mandibolare più blocco mandibolare

Scritto da Prisco / Pubblicato il
Salve, il mio problema è il seguente: è da tempo che soffro di click mandibolare + blocco mandibolare. All'inizio è stato davvero traumatico, ora fortunatamente ho imparato a sbloccarmi in una frazione di secondo. Il punto è che sono preoccupato perchè non riesco a capire come risolvere il problema: Ho già consultato vari dottori e l'unica terapia che sto seguendo è l'utilizzo di un bite.. ma non ho notato miglioramenti. Non ho una mascella pronunciata.. anzi.. è "piccola" rispetto al mio viso.. infatti a vari chirurghi che ho consultato, dato che avevo interesse a sottopormi a un intervento di rinoplastica, mi avevano anche consigliato di fare allo stesso tempo un int. di mentoplastica additiva. Ho fatto anche una visita posturologa dove mi hanno detto che ho il frenulo della lingua corto, per cui la lingua non toccando il palato mi provoca irrigidità muscolare e di conseguenza blocco mandibolare. Onestamente sono un pò abbattuto, perchè non riesco a risolvere il problema e sto anche spendendo molti soldi.. tra visite e bite. Il posturologo tra l'altro mi aveva anche consigliato di fare una "rieducazione" della lingua, ma in caso di perdita di memoria in seguito a possibili "traumi" non si sarebbe preso responsabilità (cosa che mi ha al quanto sconvolto..)
analisi-gnatologica-dr-g.petti-cagliari-1010.jpg
Caro Signor Prisco, buongiorno. Chirurghi, posturoligi, mascella "piccola" corretta con "mentoplastica addittiva": ma scherziamo veramente? Si è rivolto a Medici che non hanno niente a che vedere con la sua patologia! Si deve fare visitare da un Dentista possibilmente esperto in Gnatologia: si chiama Gnatologo. Riguardo poi alla discrepanza tra nascella e mandibola, bisogna fare una valutazione Cefalometrica e un Ceck up Ortodontico completo! . Sembrerebbe che fosse mancata, in entrambi i casi, una Diagnosi corretta ed una pianificazione seria della Terapia della Disgnazia! la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Come posso risponderle, Professionalmente, quindi? Sono perplesso sull'uso di un Bite senza una Diagnosi Gnatologica, almeno così sembra da quanto dice! il Bite è un'arma a doppio taglio ed è bene saperlo e ribadirlo perché se ne abusa troppo, purtroppo! Non è il toccasana! Soprattutto lo si deve usare per brevi periodi e nel modo giusto! Il bitePlane in sostanza serve per far dimenticare al cervello la posizione attuale e farlo diventare una "tabula rasa" per ricercare la sua originale posizione ed arrivare così alla terapia vera e propria che può essere con semplice ma fine e complesso allo stesso tempo molaggio selettivo, protesi od ortodonzia a seconda della situazione clinica, magari preceduta da chirurgia parodontale per allungamento delle corone cliniche per intrudere od estrudere chirurgicamente e poi protesicamente i denti non in occlusione ma estrusi o intrusi o mesializzati o distalizazati o vestibolarizzati o lingualizzati, sempre che non si decidesse, per vari motivi, di ricorrere ad un loro riposizionamento Ortodontico. Tutti i bite non sono uguali e soprattutto non tutti i Dentisti sanno come usarli e quindi cosa ottenere con il loro uso! A volte bisogna ricorrere all'uso di un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia! Per esempio, maggiore è il movimento di Bennet e minore è l'altezza delle cuspidi e viceversa, quindi l'occlusione e il rapporto delle cuspidi tra antagonisti e tra di loro, incidono sul movimento di bennet e sulla misurazione dell'angolo che forma con le strutture citate ed in ultima analisi con le patologie del lato lavorante e di quello non lavorante della testa dei condili. Questo movimento di bennet può essere immediato o progressivo a seconda delle patologie presenti o non patologie presenti, ovviamente!Il movimento di lateralità è bene studiarlo anche clinicamente con la palpazione perché è determinato dalla contrazione dello pterigoideo esterno del lato opposto a quello verso cui si sposta la mandibola. Un dolore durante questa palpazione indica una contrattura del muscolo e quindi la presenza di una patologia articolare. Palpazione che va fatta non solo in lateralità ma anche in apertura.Solo così si può arrivare ad una corretta DIAGNOSI che porta poi ad una terapia. Ci sarebbe tanto altro da dire ma penso di essere già stato esaustivo per farle avere un'idea di cosa sia la Gnatologia.Bisogna valutare, tra le tante verifiche da fare, se procedere a registrazioni particolari presso Odontoiatri esperti in Medicina del Sonno. Per esempio Mia Figlia Claudia è una Odontoiatra che si occupa di queste patologie (della Medicina del Sonno), dette con l'acronimo di OSAS se meno gravi o CPAP, (continuous positive airway pressure)se più gravi, quando la respirazione a pressione continua positiva diventa intollerabile, con terapie con TRD (tongue retaining device)che trattengono la lingua in posizione anteriorizzata o MRA (mandibular repositioning appliances)che fanno avanzare la mandibola, dopo analisi neurologica anche a domicilio, tra cui anche la POLISONNOGRAFIA,tutto in collaborazione con un Neurologo od un Centro Specializzato ad Hoc! Bisogna valutare se si verificano apnee notturne e "russamento"! Come vede la Visita Odontoiatrica Clinica è "cosa seria e complessa e carica della Cultura del Medico Dentista"! Si faccia visitare. Non basterebbe un corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria per risponderle. In ogni caso, in senso lato e solo dal punto di vista Culturale cercherò, per quel che potrò, di soddisfare la sua curiosità! l'apparato Stomatognatico è costituito dal rapporto tra tre organi essenziali: L'Articolazione statica e dinamica dei denti, ossia l'Occlusione. L'Articolazione Temporo Mandibolare. Il Sistema Neuro Muscolare, che governa il tutto. In queste tre componenti si inseriscono diverse varianti importanti, quali la Masticazione, la Fonazione, la Deglutizione, la Postura, l'Interazione tra Cuspide, Fossa, Parodonto, le Tre Curve cosiddette di Compensazione, ossia le curve di Spee, Wilson e Monsen, il Muscolo Pterigoideo Esterno. Ed ancora, l'Overjet e l'Overbite, i Precontatti in Relazione Centrica, in Centrica Abituale, in Massima Intercuspidazione, in Protrusiva, in Lateralità, sul Lato lavorante e sul Lato non lavorante. Ed ancora i Movimenti Mandibolari nei Tre Piani Spaziali e l'Angolo e meglio ancora il Movimento di Bennet, il movimento del Condilo Lavorante e di quello Bilanciante. Le spiego ancora qualcosa o almeno ci provo, perchè l'argomento è complesso per i "non addetti ai lavori": ripeto, devono essere rispettati i concetti basilari della gnatologia: rapporto corretto cuspide-fossa, occlusione reciprocamente protetta, contatto simultaneo massimo tra tutti i punti di centrica in posizione di relazione centrica, una corretta guida incisiva e una sufficiente disclusione canina dei denti posteriori nei movimenti di lateralità (benché, se fosse già presente una funzione di gruppo in assenza di segni di trauma o sofferenza parodontale, potrebbe essere accettabile anche il mantenimento della funzione di gruppo posteriore( ma bosogna valutarne il contesto in cui avviene). Si ricercano così i denti in trauma d'occlusione. Valutazione Gnatologiche-Ortodontiche : Classi Dentali di Angle, a livello dei primi molari e dei canini, I Cl.Dentale, II Cl. Dentale (e se in I o in II Divisione), III Cl., Overbite e quindi se c'è deep bite, Overjet e quindi se è presente un open bite. Curva di Spee, di Wilson, come detto, per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. Rotazioni, Inclinazioni, Estrusioni, Intrusioni, Migrazioni, Faccette d'usura. Visita A.T.M. (Articolazione Temporo Mandibolare) Rilevando se sono presenti Algie, Scrosci, Click, Sublussazioni, Contratture dei muscoli in particolare Massetere e soprattutto lo Pterigoideo. Valutazione delle Gengive e Parodonto. La Gnatologia deve sapere inoltre, studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione", precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d'occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d'occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura!!!), aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi, l'apparato Cocleare dell'Orecchio,che determina la capacità di stare in equilibrio, ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali.Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente ...studiandone il caso di persona. Ci sarebbe tanto altro da dire ma penso di essere già stato esaustivo per farle avere un'idea di cosa sia la Gnatologia.
Le lascio un Poster Con Arco Facciale di Trasferimento, Stabilometria computerizzata e vari tipi di Bite Plane.Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Sig. Prisco, il bite serve per avere un riposizionamento terapeutico conservativo del disco articolare. Nei rari casi in cui la posizione del disco non sia più recuperabile con il bite è possibile associare interventi chirurgici di lavaggio interno dell'articolazione e lubrificazione (artocentesi) per favorire il riposizionamento e la riduzione dei fenomeni degenerativi. Ovviamente tutto questo deve essere preceduto da una diagnosi accurata. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Ci siamo messi nel giro dei perditempo e perdigiorno. L'intervento obbligatorio è il rimaneggiamento virtuoso del tavolato occlusale, per opera di mani espertissime. L'opera del dentista deve eliminare il clic, che vista l'età è recente e quasi sicuramente recuperabile, e dunque anche recuperare subito subito l'apertura della bocca con traiettoria a compasso perfetto. La placca, che si chiama bite e si pronuncia bait, sembra quasi un risultato di bassa cucina. Santo cielo, adesso è diventata il bancomat dei dentisti disorientati. La placca è solo un rimedio ortopedico, perché funziona da interruttore di contatto. il minimo sindacale da pretendere è che, realizzando una occlusione sperimentale sulla plastica, il clic sparisca e il compasso funzioni a meraviglia. Solo sulla plastica interposta! In caso negativo, nulla è dovuto per un prodotto inutile. Circa la rieducazione posturale della lingua, anche io vorrei sapere per imparare. Ripetere le stesse cose mi annoia, e a questo punto lascio. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Buongiorno Sig. Prisco,
I bite non sono tutti uguali, anzi tutto il contrario! Detto questo un fisioterapista capace normalmente manipolando e insegnando ai pazienti manovre ed esercizi specifici può essere di grande aiuto. Per quanto riguarda la correzione dopo una adeguata diagnosi e se il problema tende a ripresentarsi normalmente la correzione viene eseguita con terapia combinata ortodontica - chirurgica, da valutare attentamente se il suo caso specifico rientra in questa categoria. Cordialità
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Johannes Schmitz
Milano (MI)

Assolutamente d'accordo per allungamento del frenulo linguale con il laser (semplice è davvero mininvasivo) se corto, perché può dare certamente i disturbi di cui soffre. Del tutto contrario ad altri interventi chirurgici se non per motivi estetici da verificare bene. Però tornando ai disturbi atm, bisogna vedere se c'è mal occlusione che può dare i disturbi come i suoi ed eventualmente fare un byte che sia davvero efficace e funzionale. Da quello che si intuisce dalla sua descrizione ci deve essere seria malocclusuone alla origine di tutto
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sig. Prisco, non cita la diagnosi, quali accertamenti diagnostici sono stati eseguiti, senza di questi, il continuare per tentativi la porterà a non finir mai di spendere soldi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caro Prisco, le patologie disfunzionali della Articolazione Temporomandibolare sono una patologia molto comune ma spesso trascurata e mal interpretata . Sappia che oggigiorno,mediante le moderne tecniche neuromuscolari computerizzate , tali disturbi possono essere definitivamente risolti in una percentuale di casi altissima.
Michele Lasagna.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Gent. sig. Prisco, lei è un soggetto disfunzionale, cioè la sua bocca non funzione bene, e questo indipendentemente dalla sua occlusione dentaria.Come un collega ha detto i bites non sono tutti uguali. Nel suo caso ci vuole un bite che riporti la sua mandibola a funzionare correttamente,(ed esiste),con movimenti di lateralità destra e sinistra simmetrici e con apertura e avanzamento diritte e senza deviazioni. Probabilmente lei mastica da un solo lato. riportare la bocca a masticare da entrambe i lati e il segreto per risolvere i suo problema
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

In genere il click articolare è un sego clinico di sofferenza da parte dell'apparato stomatognatico.
Prima di realizzare un Bite bisognerebbe eseguire esami specifici come EMG e/o KNG.
Va bene l'eventuale intervento di frenulectomia ma potrebbe non essere risolutivo.
Può contattare la IAPNOR e chiedere uno specialista nella sua zona.
Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo Zobi
Napoli (NA)