Menu

Domanda di fratture dei denti

Risposte pubblicate: 13

Mia figlia di 8 anni ha subito un bruttissimo trauma agli incisivi superiori permanenti

Scritto da susanna / Pubblicato il
Sono la mamma di una bambina di 8 anni, che a maggio scorso ha subito un bruttissimo trauma agli incisivi superiori permanenti, entrambi gli incisivi sono risaliti nella gengiva, ma uno si è diviso in due per la lunghezza, il dentista ha fissato il tutto con una piccola placca di metallo che ha tenuto per circa un mese, per farla breve dopo controlli periodici radiografie e prove di sensibilità a distanza di 6 mesi gli incisivi risultavano "fermi", continuavano a crescere (la radice), sembrava si stesse addirittura formando della dentina tra i due pezzi dell'incisivo spezzato... insomma meglio di qualsiasi previsione iniziale, ma purtroppo qualche giorno fa il pezzo di incisivo incollato è caduto, sembra ci sia anche un'infiammazione, quindi bisogna devitalizzare il dente, Voi cosa mi consigliate, è veramente necessario devitalizzare quel dente che è sopravvissuto fino ad ora? Penso che il dentista abbia fatto veramente tutto il possibile, ma sono comunque molto preoccupata e vorrei che qualcuno mi spiegasse cosa sia più giusto fare a questo punto, spero di essere stata sufficientemente chiara e Vi ringrazio fin da ora tantissimo per il tempo che potrete dedicarmi..
Gentile Sig.ra Susanna, comprendo e mi immedesimo nella sua costernazione ma, purtroppo, ritengo che sia inevitabile la devitalizzazione del dente fratturato ed una terapia conservativa che ridarà alla sua figliola un bel sorriso. Si rendono, altresì, necessari nel tempo dei controlli per seguire l'evoluzione e mettere in atto altre strategie terapeutiche di conservativa e di protesi. Tanti auguri

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Sig. Susanna, da ciò che descrive, sembrerebbe che sua figlia è in buone mani. Purtroppo anche il suo odontoiatra non fa miracoli, se occorre il trattamento canalare non conosco alternative meno invasive.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Sarda140111.jpg
Cara Signora Susanna, sono vicino, mi creda al suo "tormento", ma il suo Dentista ha agito benissimo fino ad ora e non capisco perchè non si sia rivolta a lui per sapere cosa fare e per esprimergli tutti i dubbi che dice a noi! Da quanto descrive mi sembra palese che bisogna devitalizzare il dente e forse bisogna anche intervenire con piccola chirurgia parodontale per esporre tutta la rima di frattura per poter fare una terapia adeguata, congrua e a regola d'arte (si chiama allongamento della corona clinica). Ne parli col suo Dentista, abbia fiducia in lui e se questa fiducia venisse meno, allora chieda una visita di consulto ad un altro dentista in modo da togliersi ogni dubbio! Legga nel mio profilo i seguenti articoli e lavori pubblicati, cosi capirà:La chirurgia parodontale estetica Introduzione Divulgativa alla Chirurgia Estetica Parodontale. e poi Lembo riposizionato apicalmente con colla di fibrina per la terapia di una frattura coronale linguale estesa sotto gengiva e sotto il margine osseo (classe IV di Ingle) di un elemento dentale 4.7 e ancora Restauro conservativo di un elemento dentale recuperato con intervento parodontale gengivale e osseo e poi Restaurazione protesica di un elemento dentale, fratturato, recuperato con un piccolo intervento parodontale. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari. Io penso che non ci sia niente di irrimediabile o grave! Ma bisognerebbe visitare con cura sua figlia! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Susanna sicuramente mi sembra di capire dalle sue parole che il dentista abbia fatto tutto quello che poteva con controlli radiografici e test di vitalità frequenti.Purtroppo può accadere che si verifichino delle complicazioni. Sinceramente le consiglio di seguire le direttive del suo dentista che mi sembra sia ben preparato. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile sig.ra Susanna, si tratta di un caso complesso, e credo che il suo dentista, molto prudente nel corso di intervento, abbia stimato devitalizzare il dente perché non ha più come sostenere il proseguo della storia.Tuttavia si potrebbe provare a sostenere la dentina , intendo un incappucciamento indiretto (anche se il nervo del dente è molto vicino) tenendo presente che il potere di reazione di una dentina giovane è molto ampio. Forse c'è ancora una speranza.Tenga presente che per porre diagnosi di certezza è sempre necessaria la visita, quindi prenda le mie parole come indicative. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Gentile Signora, il dentista che ha in cura sua figlia sta operando al meglio si fidi del suo operato e faccia monitorare la situazione nel tempo.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Gentile Sig.ra Susanna, purtroppo devo associarmi alla decisione del suo dentista riguardo la necessità, come minimo, di una devitalizzazione e successiva terapia ricostruttiva.

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Castano Primo (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

Signora, il suo dentista sta facendo del suo meglio, con grande professionalità e capacità. Continui ad avere fiducia in lui! Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Dunque il trauma ha avuto come esito la lussazione intrusiva e una frattura coronale longitudinale, forse con polpa esposta cui è seguito il reincollaggio del frammento e uno splintaggio dei denti (la placchetta di metallo, suppongo).Sembra una terapia ottima, ma un forte trauma può avere come conseguenza sia la perdita di vitalità (e la conseguente necessità di devitalizzazione) che il distacco del frammento reincollato. Oltretutto una sfortunata statistica ci dice in modo pressochè infallibile che i bambini che hanno avuto un trauma, purtroppo tendono ad averne un secondo. Quindi il frammento potrebbe essersi staccato in seguito ad un secondo, anche se minimale, trauma. Un forte trauma può avere nel tempo delle complicazioni che possono portare a conseguenze come quelle descritte.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Susanna, purtroppo i traumatismi degli incisivi nei bambini sono frequenti. Ma credo da quel che descrive che il collega stia facendo il meglio. Si fidi. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)

Il suo dentista ha agito nel migliore dei modi ed io le consiglierei di affidarsi al suo giudizio per il prosieguo della terapia, perché lui conosce in tutti i particolari la condizione attuale. Però io gli consiglierei di non affrettarsi alla devitalizzazione, che arresterebbe il meccanismo spontaneo della guarigione, soprattutto quando si sia rilevata la formazione di dentina tra i frammenti del dente. In sostanza tenterei ancora la stabilizzazione dei frammenti con una protezione della polpa scoperta. Proponga questa terapia al suo dentista a mio nome, e se vuole gli chieda di consultarsi con me. Giuliano Falcolini, già professore ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Ritengo che il professionista che sta seguendo sua figlia stia operando in modo corretto.Il suggerimento che posso darle è quello di chiedere al suo odontoiatra se è possibile effettuare una pulpotomia(asportazione parziale della polpa) _se la polpa radicolare è ancora vitale_ allo scopo di consentire una fisiologica chiusura dell'apice della radice che all'età di 8 anni è spesso beante(aperto).Consideri comunque che qualora fosse indispensabile l'asportazione completa della polpa si renderà necessario un trattamento endodontico che induca un'apecificazione(chiusura dell'apice della radice) ed ancora che il dente così trattato, arresterà la fisiologica eruzione che procede nel corso degli anni risultando, con la crescita, più corto dell'analogo dente controlaterale.Con distinta cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

Cara Susanna senza vedere il tipo di frattura di sua figlia non si può dare un consiglio valido. tuttavia il suo dentista sembra preparato in pedodonzia quindi le consiglio di seguire quello che le dice distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)