Menu

Domanda di devitalizzazione

Risposte pubblicate: 20

Pasta arsenicale fuoriuscita. Quali danni posso aver subito?

Scritto da SABRINA / Pubblicato il

Avrei bisogno di una risposta urgente in quanto sono molto preoccupata.... il fatto e' che il mio dentista ha ritenuto opportuno mettere una pasta arsenicale per un dente da devitalizzare l'ha messa una prima volta ma al controllo avvertivo ancora dolore allora l'ha applicata di nuovo dopo alcuni giorni avevo un forte dolore mi disse quindi che la pasta era fuoriuscita rovinando la gengiva e quindi bisognava togliere la parte lesionata ora la terza volta che sono andata ho trovato con lui un altro medico che mi ha vista e anche se non mi ha detto nulla mi sono accorta che era molto contrariato e dopo avermi tolto parte della gengiva rovinata ha chiesto di rivedermi entro pochi giorni ha poi convocato il mio dentista in un altra stanza non so cosa si siano detti ma e' certo che si trattava di me io non ho avuto coraggio di chiedere cosa stesse succedendo vorrei sapere quali danni posso aver subito e se ci sia rimedio grazie

Pasta arsenicale fuoriuscita. Quali danni posso aver subito?
Vada velocemente a farsi vedere da uno bravo e si prepari ad aprire un contenzioso. Auguri

Scritto da Dott. Maurizio Pedone
Caronno Pertusella (VA)

Concordo con il collega che mi ha preceduto, verifichi anche se il suo "dentista" è veramente laureato. Faccia valere i suoi diritti perché, se è vero quello che riferisce, il comportamento tenuto dal presunto collega è privo di diligenza, prudenza e perizia. Auguri

Scritto da Dott. Tullio Toti
Verona (VR)

Gentile Sabrina, cambi dentista!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Cara Sabrina, non ho parole per definire l'accaduto. Si tratta di un metodo antico, pericoloso e assolutamente bandito dalla comunità scientifica internazionale, proprio per le lesioni gravi che può causare sia alla gengiva che all'osso sottostante con ripercussioni future, ahimè, irreversibili. Ma, a tutto c'è rimedio! Cambi subito dentista. Ne troverà tanti sicuramente all'altezza all'interno del nostro portale di Dentisti Italia. Ci faccia sapere. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Walter Renda
Como (CO)

Non mi risulta che la pasta arsenicale sia ancora in comercio in italia. Si tratta di un metodo già ritenuto obsoleto e bandito da più di 20 anni. Se è certa che si trattasse davvero di tale pasta... non le resta che cambiare dentista. Si accerti però che non sia stato un qui-pro-quo. A volte ci si può capir male.. o si possono usare termini impropri, tipo.. "devitalizzare" un dente già non vitale! :) Cari saluti.. e non si preoccupi troppo... generalmente eventuali danni sono molto limitati, e spesso risolvibili.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Bosco
Sanremo (IM)

Applause.gif
Cari tutti, la pasta arsenicale Ahimè è ancora in commercio e purtroppo chi cerca la strada facile a volte la percorre. Credo che i miei colleghi abbiano detto tutto ciò che c'era da dire. A lei la prossima mossa. Tutti, credo, ci scusiamo per l'accaduto. Cordialmente.

Scritto da Dott. Giovanni Vitale
Zafferana Etnea (CT)

Gent. Sig. Sabrina, la pasta arsenicale si utilizzava molti anni fa quando non si riusciva ad ottenere per qualche motivo un buon effetto dell'anestesia. Oggi è un metodo bandito dalle nostre società scientifiche e dai corsi di laurea universitari, perchè può anche provocare lesioni importanti a livello dei tessuti molli e duri se non utilizzata con perizia. Considerando che il collega ha perseverato in un errore e ha dovuto chiamare un collaboratore per risolvere il problema, verifichi se è veramente laureato o se si tratta di abusivo per poi comportarsi di conseguenza. Comunque Le consiglio di cambiare dentista: all'interno del sito ne può trovare di competenti ed all'altezza del suo problema. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giampiero La Torre
Roma (RM)

Io penso che gli abbia detto questo: speriamo che la paziente non vada subito a denunciarci dai NAS!!! Sennò non possiamo più fare i maialox abusivi come abbiamo fatto finora, e la pacchia finisce, e non possiamo più sganasciare gli stupidi che vengono qui sperando di risparmiare, o perché noi li abbiamo ingannati facendoci chiamare .. dottore!

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sono in accordo con le risposte che mi hanno preceduto. Si tratta di un danno provocato dalla pasta arsenicale e dalla mano e mente del dentista se così possiamo chiamarlo.

Scritto da Dott. Andrea Lorini
Firenze (FI)

La pasta arsenicale è stata bandita; essa non deve venire a contatto nè con le mucose nè con l'osso sottostante perchè può provocarne la necrosi. E' ancora in vendita e c'è chi la usa, ma non tutti sanno che se se ne usa una quantità eccessiva essa può fuoriuscire ledendo i tessuti circostanti o l'osso sottostante. Cerchi di trovare la giusta soluzione restando il più serena possibile, però. Vedrà che tutto si sistema.

Scritto da Dott.ssa Emma Volpe
Siracusa (SR)

Gentile Sabrina, oggi grazie all'affinamento delle tecniche anestetiche l'utilizzo della pasta arsenicale è caduta in disuso, soprattutto a causa degli effetti necrotizzanti che ha l'arsenico qualora inavvertitamente va a contatto con la gengiva e l'osso. L'arsenico rimane un presidio solo in alcuni pazienti affetti da cooagulopatie gravi, quali l'emofilia. Ma non credo sia il suo caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Pasquale Venuti
Mirabella Eclano (AV)

Cambi dentista al più presto e si informi se è veramente un dentista o un abusivo, se non fosse quest'ultimo mi vergogno di avere dei "colleghi" di questo genere! saluti e ci faccia sapere

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Il toxavit è ancora in commercio (guardate il catalogo Krugg): questo per smentire i miei colleghi troppo facili alla fucilizione. in secondo luogo la pasta arsenicale è un presidio medico usato per decenni senza che nessuno ne sia morto o sia stato sfregiato gravemente. signora quello che deve valutare è quanto segue: la gengiva si rigenera con una velocità di circa 500 micron ( mezzo millimetro) al giorno per cui se la perdita di sostanza non ha intaccato l'osso tenderà ad una restituzione di integrità completa. si accerti comunque delle competenze del collega per cui se non dovesse dimostrarsi tale (cioè laureato) allora proceda legalmente in quanto non è abilitato a usare presidi medici che presuppongono studio per conoscere i pro e i contro per sapere come intervenire. in caso contrario consideri che il medico deve sapere cosa fare in ogni caso e per ottenerlo può usare tutti i mezzi a sua disposizione moderni o antichi che siano con i problemi relativi di caso in caso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pierluigi Avvanzo
Foggia (FG)

Per non ingenerare confusione, considerata l'impossibilità di un riscontro clinico del caso portato all'attenzione e dell'effettivo decorso della cura effettuata, è opportuno che siano recepite le seguenti considerazioni:

 

  1. L'uso della pasta arsenicale va attentamente valutato e seguito sotto lo stretto controllo del curante;

  2. A volte il prodotto può essere usato in alternativa all'impossibilità di poter effettuare l'anestesia al paziente per svariati motivi;

  3. Un “falso dentista” si guarderà sempre bene dall'effettuare un'anestesia;

  4. Un “bravo” dentista”, in casi limite, può ricorrere “con accortezza” all'uso della pasta arsenicale;

  5. Per individuare un “falso dentista” basta cliccare sul seguente link e verificare se il suo nominativo è presente o meno nella banca dati della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri http://application.fnomceo.it/Fnomceo/public/ricercaProfessionisti.ot

 

 

CONTINUA A LEGGERE
Senza parole!

Scritto da Dott.ssa Simona Galiero
Sant'Anastasia (NA)

Sig. Sabrina, probabilmente c'è stata una necrosi gengivale e forse ossea, se la lesione non regredisce in pochi giorni, le consiglio una visita in un ambulatorio di patologia orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Sabrina, concordo pienamente con la puntualizzaione di Dentisti Italia e con le osservazioni del Collega Avvanzo Pierluigi. Sebbene personalmente non faccia uso di questo metodo di cura, Le consiglierei di non dare retta a chi le vorrebbe esacerbare l'animo, ma resti serena come le consiglia anche la collega Emma Volpe e vedrà che parlando con il suo dentista ed eventualmente cambiandolo (se non dovesse essere all'altezza o peggio, non dovesse essere un professionista laureato), tutto si risolverà. Queste tecniche per quanto non modernissime non hanno mai ucciso nessuno. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)

Si tratta di metodiche decisamente obsolete. legga gli articoli sul portale dentisti-italia, quello su "edodonzia" le spiega cosa avrebbero dovuto farle. confronti con ciò che le hanno fatto e potrà capire se il suo dentista ha dimenticato qualcosa... A questo punto cerchi specialisti competenti: il problema relativo al dente può essere efficacemente affrontato da un endodonzista capace (vedi sie, società italiana di endodonzia), quello alla gengiva da un parodontologo (vedi sidp, società italiana di parodontologia).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)

Carissima sventurata Sabrina, sono contrito per l'accaduto e mi auguro che non sia ancora in cura dal "collega". I danni provocati dalla pasta arsenicale consistono in una necrosi (morte) dei tessuti colpiti e cioè una ferita della gengiva e forse nel suo caso anche dell'osso sottostante, non dolorosa e putrescente; non è il caso di andare in panico poichè ripulendo la parte necrotica si riesce a guarire in brevissimo tempo. Si preoccupi di andare da un collega serio che le potrà spiegare in dettaglio il tutto e porrà fine alle sue giustificatissime paure. Cordialità
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scura
Perugia (PG)
San Venanzo (TR)

Gentile Paziente, concordo totalmente con la nota di "Dentisti Italia", e con il parere espresso da altri colleghi. La moderna endodonzia utilizza un protocollo completamente diverso da quello da lei descritto, oltre al sito web della Fnomceo mi sento di consigliarle, dovendo cambiare dentista, il sito della Sie (societa' Italiana di Endodonzia) endodonzia.it  . Auguri

Scritto da Dott. Riccardo Della Ciana
Civitanova Marche (MC)