Menu

Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 15

Sono circa 5 anni che ho problemi ad un molare superiore

Scritto da giampaolo / Pubblicato il
Buongiorno, sono circa 5 anni che ho problemi ad un dente molare superiore, e' stato curato da circa 4 dentisti ma il dolore persiste, il problema e' che almeno 1 volta a settimana comincia a battermi forte, il dolore mi arriva alla testa parte sinistra e mi prende anche un dolore allo stomaco con nausea. L ultimo dentista che mi ha curato con tanto di lastra dice che non c'e' nulla, nessuna infezione, eppure a me il dente fa male da morire, ho fatto la tac massiccio facciale per vedere se avevo qualche fistola e non c'e' nulla. Che posso fare? sono quasi deciso a toglierlo perche' quando attacca il dolore e' veramente devastante. Spero in una vostra risposta. grazie
Caro Signor Giampaolo, buongiorno a Lei, che può fare; deve andare da un Dentista in grado di fare una corretta ed esatta Diagnosi! Non ci vuole puoi così tanto! Purtroppo spesso manca la capacità di fare una visita completa Odontoiatrica che "spazi " su tutte le varie Specialità e che valuti il Dente non come dente a se stante, ma come "UNITA' DENTALE" ossia come Dente e il suo Parodonto e i rapporti Gnatologici coi denti e le unità dentali prossimali ed antagoniste! Il Parodontologo ha questa mentalità! Ma non solo Lui! Anche un qualsiasi Dentista Generico che però sappia fare il Dentista Il Parodontologo o il Dentista quindi, deve avere una "Cultura Odontoiatrica completa con conoscenze altissime di tutte le altre specialità dell’Odontoiatria, supervisionate da questa Mentalità Parodontale" Ecco che la Visita Parodontale, diventa una visita "totale odontoiatrica". È quindi una visita complessa che richiede almeno un’ora/due ore, compreso un Colloquio col Paziente, seguita da una Preparazione Iniziale dell’apparato Stomatognatico, un rilievo di dati ed eventualmente analisi cliniche, che richiedono almeno ulteriori due/quattro ore ed infine una seconda visita detta Visita di Rivalutazione Parodontale, che richiede due/tre ore in cui si emette una Diagnosi, una Prognosi, un Piano Terapeutico non solo Parodontale ma Totale di tutti i problemi e Patologie presenti! Questo è essenziale per arrivare ad una corretta Diagnosi ed emettere una altrettanto corretta Prognosi. Insomma devo poter mantenere viva ed in allerta tutta la mia "Capacità di Clinico Medico e Parodontologo".ad una diagnosi esatta, ad emettere una Prognosi, ed infine ad un ulteriore colloquio col paziente che sarà reso edotto su tutti i suoi problemi (sottolineando complicazioni, tempi, possibilità di recidive etc.) la "terapia parodontale", spesso,per la sua importanza e complessità, coinvolge tutta l’Odontoiatria. Tenga presente poi che esistono dei sintomi detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata Poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certa che si arriva ad una diagnosi. Tenga inoltre presente che la visita Odontoiatrica deve essere totale.Questa plurispecialità, ripeto e non mi stancherò mai di ripeterlo, della visita che comprenda anche un sondaggio parodontale totale e completo, deve essere parte costante in qualsiasi Visita anche solo Generica Odontoiatrica per qualsiasi motivo sia stata fatta e che in genere non viene mai fatta, invece, purtroppo, specie nei centri Low Cost! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Gianpaolo, lei non spiega cosa è stato fatto al suo dente se semplicemente otturato oppure devitalizzato. E' importante fare una giusta diagnosi per una corretta e definitiva terapia. Prima di pensare di togliere un dente è necessario effettuare una accurata visita con test di vitalità, radiografia endorale con centratore ed anche un sondaggio parodontale fondamentali per riuscire a capire la causa dei suoi disturbi. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile Paziente, la risposta fornitale dal Dott. Petti contiene in modo esemplare tutto quello che deve conoscere per risolvere il suo problema. Aggiungerei che una visita completa deve essere fatta pagare, visto la mole di tempo, lavoro e conoscenze che questo atto diagnostico comporta: ecco quindi che se una "prima visita" viene regalata ben difficilmente potrà dirsi accurata e poi essere risolutiva per la sua patologia. Se in 5 anni ha visitato 4 colleghi, adesso deve trovarne uno, forse magari uno dei 4, che faccia diagnosi e terapia corrette. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Gentile Sig. Gianpaolo, bisognerebbe capire come è stato curato il suo dente. Poi bisogna essere sicuri quale sia effettivamente il problema, potrebbe anche non essere il dente che lei indica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Nel suo caso manca la diagnosi, inoltre non dice in che modo il molare è stato curato, se è devitalizzato, con quale materiale è stato chiuso...

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Se quel dente è la causa del dolore, vi è quasi sicuramente ancora nervo all'interno che trasmette lo stimolo dolorifico. Ipotizzo un canale accessorio non sondato o non sondabile che in più è anche fortemente infiammato e settico. Se non si trova il responsabile certo del dolore e non lo si elimina continuerà a sentire male. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Sig. Giampaolo, 5 anni 4 odontoiatri, per cui rischia che dopo l'avulsione potrebbe riferire ancora la sintomatologia, le consiglio una visita neurologica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

E' difficile dire così, senza elementi, cosa possa essere; se ci può dire di piu'..

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Probabilmente c'è una frattura - incrinatura della radice...

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile paziente senza nessun referto e senza sapere se il dente è stato gia devitalizzato è difficile aiutarla. Quindi se il dente è ancora vitale va devitalizzato, se è gia stato devitalizzato va ritrattato endodonticamente in quanto ci possono essere canali nervosi accessori per cui necessita di un endodontista, cioè lo specialista delle devitalizzazioni. Essendo a Roma siamo a sua disposizione per una eventuale visita senza impegno. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Mi sento di concordare con il collega di Bergamo Ruffoni. Da come descriva la sintomatologia l'ipotesi più accreditata e a mio avviso un problema non di pertinenza odontoiatrica. Consulti un neurologo. Saluti dott. Alessandro

Scritto da Dott. Alessandro Sanzullo
Napoli (NA)

Molti anni fa ho avuto una persona di livello intellettuale superiore, alla quale sono stati tolti quattro denti sani, ma perfettamente sani. Anche i dentisti che hanno refertato il caso sono colleghi di grande caratura professionale, espertissimi sia in casi clinici semplici sia in casi clinici confusi. Sui dati accumulati con questa esperienza, le vorrei chiedere se ha avuto cicli almeno settimanali di prurito intenso a livello dell'epidermide del terzo medio della faccia. Se la risposta è positiva o almeno dubitativa, si può ipotizzare una nevrite di origine virale a carico del secondo ramo del nervo trigemino. Nel caso che ho studiato, lo specialista infettivologo ha agito con il formidabile carico farmacologico di Aciclovir (o simile) x 1200 mg x 2 volte die x 3 settimane. Ematologico primo livello e transaminasi a inizio e fine ciclo. Il dolore è regredito, con i 4 denti perfetti perduti per sempre. Ci faccia sapere. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Signor Giampaolo, le rispondo con alcune domande. 1) Le sono stati fatti, i test termici ( caldo-freddo )? 2)ed il test di percussione ? 3) e quello di pressione masticatoria ? 4) i sondaggi parodontali? 5) le radiografie endorali in più proiezioni? 6) ha eseguito una valutazione funzionale della masticazione in toto con test muscolari ed articolari? 7) il dente è stato già devitalizzato e se sì da quanto tempo? 8) Ha fatto vedere ad un dentista la sua TAC? 9) quali sono le circostanze di insorgenza del dolore e quali le modalità ? 10)Soffre o ha sofferto di qualche forma di sinusite? 11) quanto dura questo dolore? 12) sente la gengiva gonfiarsi ( in corrispondenza del molare )? Ce ne sarebbero altre di domande ma a queste bisogna rispondere subito almeno per cominciare. La fistola se c'è si vede anche senza tac. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)

Caro Giampaolo, i colleghi hanno già dato risposte soddisfacenti. Per poter fare una corretta valutazione, bisognerebbe avere una radiografia alla mano. La diagnosi è importante perché se c'e' dolore le cose sono due: ho è stata fatta una cura inappropriata al dente, oppure c'è qualcos'altro ai denti vicini. Non possiamo escludere comunque che ci possano essere anche dei carichi masticatori sbagliati. In tutti i modi, caro Giampaolo, devo dirle che esistono casi in cui, anche se le cure odontoiatriche vengono fatte a regola d'arte, i dolori persistono senza motivi apparenti. Sarei comunque lieto di riceverLa senza nessun impegno Dott.Giglio Andrea
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Canale dimenticato o una incrinazione, in ultimo metterei un dolore riferito in quella zona a partenza da altro distretto. Quindi buona diagnosi, buon dentista che si facci pagare la visitia. Auguri Dott Fausto perrone - Catanzaro

Scritto da Dott. Fausto Perrone
Catanzaro (CZ)