Menu

Domanda di denti del giudizio

Risposte pubblicate: 10

Pericoronite al dente del giudizio inferiore

Scritto da Adelia / Pubblicato il
Buonasera a tutti. Per la prima volta 4 anni fa ho avuto un episodio di pericoronite al dente del giudizio inferiore a destra curata con antibiotico e antinfiammatorio. Il dentista che mi visito quel giorno mi fece anche una panoramica e mi disse che entrambi i denti del giidizio inferiori erano inclusi e messi in posizione sbagliata e il destro molto molto vicino al nervo per cui mo disse che estrarlo non era consigliato e in ogni caso non poteva occuparsene lui ma un chirurgo maxillo facciale. Mi disse anche però che se gli episodi dolorosi erano rari forse avrei fatto bene a tenerlo là. A quel punto ho lasciato perdere l'idea dell'estrazione. Nel corso degli anni il dente, sempre a destra, è leggermente spuntato fuori, solo una punta, senza darmi grandi fastidi. Quest'anno a novembre ho avuto il mio secondo caso di pericoronarite ancora una volta curato con augumentin e brufen. Questa volta il dentista che mi ha visitato, un altro non lo stesso della prima volta, ha eseguito una nuova panoramica e mi ha detto che il dente andava tolto ma vista la vicinanza tra radice e nervo, mi ha suggerito di eseguire una dentalscan. Purtroppo per problemi personali sono riuscita a fare questo esame solo pochi giorni fa, dopo aver avuto il mio terzo episodio di pericoronarite, sebbene con dolori meno forti del solito, ma curato come al solito. Dal referto dentalscan pare non ci sia vicinanza tra radice e nervo cosi mi sono decisa a eseguire l'estrazione. Ora vorrei chiedere, secondo voi, considerando che ad agosto, il 16 ho un viaggio prenotato già da tempo, conviene aspettare e eseguire l'estrazione al mio rientro o è il caso di trovare un buon dentista che me lo estragga nell'arco di una settimana cosi da avere circa 3 settimane per il recupero? E se non dovessi trovare un dentista pronto a toglierlo in breve tempo rischio di nuovo una pericoronarite o se sto attenta all'igiene orale potrei scongiurare il problema? Devo anche dire che dall'ultimo episodio di pericoronarite sono passati 10 giorni ma il fastidio e il dolore non ci sono quasi piu ma è rimasta la guancia gonfia esteriormente e una sensazione di dente che tira. È normale?
La decisione non la possiamo prendere noi via internet, ma lei e il collega che la potrà visitare e definire esattamente che tipologia di estrazione e ipotetici tempi di recupero, per valutare se intervenire prima o dopo le sue vacanze. I sintomi che descrive fortunatamente sono normalissimi.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

E' difficile dire se in vacanza il dente si farà ancora sentire... Eventualmente portandosi dietro antibiotici etc, si potrebbe superare di nuovo temporaneamente la "crisi". Però se trova un dentista (in ospedale?? in università??) che si sente di toglierlo in breve, in un mese circa tutto dovrebbe essere guarito. Probabilmente si tratta di una estrazione un po' difficile, ma forse poi per un dentista specializzato non lo sarà: il decorso successivo è anche questo poco prevedibile, ma tanto migliore è la tecnica del dr, e tanto meno sarà traumatica l'estrazione, tanto più breve sarà la convalescenza, ed in ogni caso, sarà via via ogni giorno meglio. Il decorso post estrazione di un dente che peraltro è già parecchio "fuori" (visto che dà queste pericoroniti, non è poi così incluso, credo) è sempre molto poco prevedibile, ma alcune settimane potrebbero essere più che sufficienti per guarigione soddisfacente. Quello che voglio dire è che tutto potrebbe essere molto meno traumatico di ciò che si teme..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Sig.ra Adelia, per darle un consiglio dovrei visionare il dentalscan. Senza non ho parametri per capire la complessità dell'estrazione. Comunque il 16 non è così vicino, dovrebbe recuperare in tempo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Cara Signora Adelia, buongiorno. Personalmente, visto che deve partire tra slo tre settimane e che una Pericoronite non è un evento drammatico se facesse una copertura adeguata antibiotica, preservando opportunamente il dismicrobismo intestinale (disbiosi) e farmaci analgesici ed antinfiammatori e colluttori particolari che la aiutino a mantenere un controllo della formazione di placca batterica e quindi di infezione a meno che non ci fossero altre patologie come carie che allora andrebbero curate subito! Direi di rinviare l'intervento, visto che sembrerebbe complesso e quindi con possibili anche se rare complicazioni che potrebbero prolungare i tempi di guarigione rovinandole le vacanze. Porti in valigia Antibiotici e quanto altro facendoselo prescrivere dal Suo Dentista. Non è detto che la patologia flog istica si presenti nuovamente proprio in vacanza ma, nel caso, avrebbe tutto il necessario per dominarla velocemente senza "rovinarsi" la vacanza! Cari saluti e stia Serena e Tranquilla, curi molto bene l'Igiene e, una settimana circa prima di partire si faccia fare una Igiene Orale Completa Professionale ed un curettage e Scaling e Root Planing del molare in disodontiasi dove insorge la Pericoronite per rimuovere il tessuto di granulazione che si forma nelle false tasche parodontali delle Pericoroniti, diminuendo così, drasticamente e seriamente, la possibilità di una recidiva a breve scadenza, estendendola a tutta la bocca se ci fossero tasche Parodontali che poi andrebbero comunque curate! Cari saluti e Felice e Gioiose Vacanze :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Adelia, queste non sono decisioni da prendere in internet, ma le deve discutere con l'odontoiatra che le ha prescritto l'ultima cura farmacologica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Le consiglio di rimandare a settembre, e continuare come ha fatto fino ad ora, per essere ben assistita, anche perché il post operatorio può essere lungo, auguri

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Gentile Adelia, premesso che l'estrazione del dente del giudizio è una questione di tecnica e di esperienza, pertanto migliore tecnica e migliore esperienza possono risolvere qualsiasi ottavo incluso; il problema va solo gestito con perizia.
1)Ci sono tecniche di mantenimento per gli ottavi a rischio di pericoronarite.
2)un antibiotico mirato da portare con se è la regola
3) L'estrazione va programmata e va eseguita una terapia farmacologica di preparazione se si vogliono ridurre al minimo i fastidi post operatori.
4)Essendo una proiezione, anche molto poco precisa,nessuna ortopantomografia può dare indicazioni certe circa la vicinanza dell'ottavo alla 3°branca trigeminale.
5)Benissimo il dentalscan, ma le assicuro che due rx endoorali, ben fatte e posizionate le danno indicazioni certamente attendibili.
Personalmente pratico di routine estrazioni di ottavi inclusi, e le assicuro che è un intervento che non dà preoccupazioni, ovviamente correttamente eseguito.
Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Gentile Sig.ra Adelia,
io personalmente rimanderei a settembre, porti con sè una scatola preventiva di antibiotico e si goda la sua vacanza! Al suo rientro consulti il collega che l'ha visitata e programmi la sua estrazione.
Saluti

Scritto da Dott.ssa Fabiola Renda
Como (CO)

Gentile Adelia, purtroppo questi casi estivi di mal di denti non sono rari. Normalmente spiego, se c'e' un evento ripetuto come il suo, di togliere il dente, non quando fa male, ma quando non fa male e' meno traumatico e spesso meno doloroso. Nel suo caso consideri che lei parte con una piccola bomba in bocca ( mi scuso per l'eccessivita' del paragone ) che se si acutizza in vacanza puo' veramente rovinargli il soggiorno e  chiaramente in quel caso potra'avventurarsi in un nuovo dentista sconosciuto????? lei ha due opzioni , 1) partire con scatola di antibiotici, antinfiammatori e cortisone in borsa per un uso all'occorrenza 2) oppure visto che ha un tempo relativamente lungo in attesa delle vacanze circa 25 giorni si deve far estrarre il dente il prima possibile , considerando che in circa una settimana la sintomatologia (tranne rari casi ) si riduce notevolmente, e questo e' indipendente dalla vicinanza con il nervo alveolare inferiore
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

L'unica frase condivisibile del suo racconto è che deve trovare un buon Dentista, che le toglierà ogni dubbio ed anche il dente del giudizio qualora fosse necessario. Consultando diversi specialisti, otterrà diverse opinioni e aumenteranno i suoi dubbi, senza poter scongiurare il rischio pericoronite, se di questo si tratta, infezione, dolore, antibiotici. Professionisti onesti e non esosi esistono in ogni città.

Scritto da Dott. Enrico Cauli
Roma (RM)