Menu

Gravidanza a prevenzione

Poche e buone regole di prevenzione in gravidanza

by Dott. Cosimo Andrisano 02-03-2017 591 visualizzazioni

«Gentile dottor Andrisano, ho letto la sua intervista sul Corriere, a proposito della prevenzione dei problemi odontoiatrici nei bambini, a partire già dalla gravidanza. Sono incinta di quattro mesi e la mia alimentazione è completamente cambiata, in risposta ad un aumentato appetito. Mangio molti carboidrati, carne bianca e rossa e poco frutta e verdura. Questa dieta può influire negativamente, e in che modo, nei confronti del bambino? E come dovrei correggerla, eventualmente? Ma, soprattutto, sono ancora in tempo per mettermi a regime?»

Agnese, da Taranto. 

 Risponde il dottor Cosimo Andrisano, medico odontoiatra con studio a Manduria.

«Intanto, auguri sinceri per la gioia che si appresta a vivere. Badi bene all’aumento ponderale che la gravidanza già le riserva. Eviti gli zuccheri raffinati (biscotti e merendine) e preferisca la verdura cruda, per soddisfare il suo appetito. Molto validi sono i finocchi crudi (ma attenzione a lavarli bene, onde evitare la toxoplasmosi), che riducono il senso di fame e detergono la superficie dentale.

Riguardo alla carne, preferisca quella bianca (pollo, tacchino e coniglio) a quella rossa, che dovrebbe mangiarla al massimo due volte a settimana. Nel caso in cui le capitasse di vomitare, non spazzoli immediatamente i denti: li usurerebbe a causa dell’acido cloridrico contenuto nello stomaco. Piuttosto, sciolga un cucchiaino di bicarbonato in mezzo bicchiere d’acqua; faccia degli sciacqui per un minuto (per alcalinizzare l’ambiente ad un Ph meno aggressivo) e, a quel punto, potrà spazzolare i denti. Si rivolga, comunque, al suo odontoiatra di fiducia, perché un controllo nel secondo trimestre di gravidanza è consigliabile. Infine, si goda il prodotto del concepimento!»

Scritto da Dott. Cosimo Andrisano
Manduria (TA)