Menu

Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 7

Granuli di Fordyce

Scritto da Davide / Pubblicato il
Gentilissimi dottori ho eseguito varie visite in queste settimane perché mi son trovato dei puntini bianchi sulle guance, che dopo essere stato visitato sia ottorinolangoiatra e dermatologo sono risultati essere granuli di fordyce. Ho un molare scoperto che devo rimuovere e ho notato che la gengiva di questo dente e più bianca rispetto alle altre e che ha come delle bollicine bianche. Cosa potrebbero essere? Vi ringrazio tantissimo
Granuli di Fordyce Granuli di Fordyce Granuli di Fordyce Granuli di Fordyce
Sig. Davide, sarebbe molto più semplice sottoporsi a visita odontoiatrica, dove le possono essere prestate le migliori cure, oltre una corretta diagnosi specialistica delle lesioni ai tessuti molli. L'otorino, dermatologo sono professionisti generici non strettamente specializzati nel cavo orale, l'odontoiatra è il vero specialista.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caro signor Davide buongiorno. Premesso che i granuli di Fordyce sono piccole ghiandole sebacee che non hanno nessuna importanza patologica e quindi non richiedono nessuna terapia specifica e premesso che si localizzano in genere sulle labbra, mucosa orale, glande del pene (vulva nella donna), si interviene terapeuticamente solo se si manifestasse un inestetismo con cui il paziente non intende "convivere" :) Riguardo alla gengiva più bianca intorno alle radici mesiale e distale del molare, è solo una lieve ischemia gengivale dovuta all'alterato trofismo locale per la presenza delle radici infette stesse! Stia tranquillo, sono tutte cose da "niente"! Si affidi al Suo Dentista! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Caro signor Davide buongiorno. Premesso che i granuli di Fordyce sono piccole ghiandole sebacee che non hanno nessuna importanza patologica e quindi non richiedono nessuna terapia specifica e premesso che si localizzano in genere sulle labbra, mucosa orale, glande del pene (vulva nella donna), si interviene terapeuticamente solo se si manifestasse un inestetismo con cui il paziente non intende "convivere" :) Riguardo alla gengiva più bianca intorno alle radici mesiale e distale del molare, è solo una lieve ischemia gengivale dovuta all'alterato trofismo locale per la presenza delle radici infette stesse! Stia tranquillo, sono tutte cose da "niente"! Si affidi al Suo Dentista! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Come hanno scritto molto bene e chiaramente i colleghi, i granuli di Fordyce non sono "niente" di rilevante (si interviene su questi solo se creano un marcato inestetismo) e anzi è pronto ormai per effettuare l'avulsione delle radici residue.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gentile Sig. Davide, i granuli di Fordyce, sono ghiandole sebacee ipertrofiche che si rinvengono di solito sulle mucose, come quella orale e genitale e generalmente non necessitano di alcuna terapia. La gengiva di aspetto bianco attorno alle radici del molare è data dal fatto che le radici sono infette. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Gentile paziente, a parte il fatto che lo specialista in questione da consultare è solo il dentista, le consiglio di asportare le radici dell'ottavo e di mantenere la bocca in stretta igiene, con attenzione ai farmaci che potrebbe assumere, da valutare le implicazioni sulla mucosa. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

I granuli di Fordyce sono delle ghiandole sebacee ectopiche, che si presentano come papule giallognole. Sono frequentissime nella popolazione e non hanno alcun carattere patologico.
Le macchie bianche che nota vicino alle radici potrebbero essere molto probabilmente delle cheratosi frizionali, banalizzando sono come una sorta di callo, legato all'assenza della corona del dente, ed al conseguente traumatismo masticatorio sulla gengiva.
E' comunque importante rivolgersi ad un odontoiatra, meglio se specializzato di patologia delle mucose della bocca, per confermare questo sospetto, in base a dati anamnestici ed un accurato esame obiettivo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Martin Giorgio Campolongo
La Loggia (TO)

Sullo stesso argomento