Menu

Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 4

Ho notato un pò di distaccamento della gengiva dai denti inferiori

Scritto da Barbara / Pubblicato il
Buonasera, da qualche giorno ho notato un pò di distaccamento della gengiva dai denti inferiori, non c'è dolore; siccome porto l'apparecchio sono andata dal dentista per la classica visita e facendo la panoramica si è notato che l'osso si è ritirato. Mi ha detto di fare 3/4 pulizie dei denti all'anno e di prendere due antibiotici: amoxicillina e metronidazolo. Secondo voi è giusto rischiare prendendo due antibiotici, col rischio che i batteri facciano resistenza?
Ho notato un pò di distaccamento della gengiva dai denti inferiori

Cara Signora Barbara,buongiorno. L'associazione di due antibiotici fa parte delle terapie antibatteriche ed antinfettive. Non può dare "resistenza" batterica se gli antibiotici venissero assunti a dosi alte e per molti giorni. Il rischio si crea quando si assumono antibiotici per breve tempo e a dosi basse. In altre parole, la cosiddetta resistenza all'antibiotico è più facile che si manifesti se assume l'antibiotico per periodi troppo brevi! L'antibiotico o non si prescrive o lo si prescrive bene perché se no i batteri "figliano" generazioni resistenti. Questa è la cosiddetta "sensibilizzazione" o resistenza"!

Il punto è un altro: sinceramente non vedo il motivo di prescrivere antibiotici. E' stata fatta una visita Parodontale? Se ci fosse Gengivite, è sembrerebbe dalle foto che ci fosse, bisognerebbe fare una Igiene Orale Professionale un Curettage e Scaling e Root planing per escidere l'eventuale tessuto di granulazione presente nelle eventuali tasche parodontali (si parlerebbe allora di parodontite) che abbatterebbe la carica batterica, del 98,99%! E' perso il normale aspetto a buccia d'arancio della Gengiva Sana. L'aspetto a buccia d'arancio che ha la gengiva sana è dovuto alla compenetrazione bilaterale dell'epitelio (dall'esterno all'interno) con il connettivo (dall'interno all'esterno). Le zone elevate corrispondono a proiezioni connettivali, e zone depresse a proiezioni epiteliali. Poiché in una gengivite sono proprio le fibre connettivali a "soffrire" e quindi a "rompersi", si ha la perdita dell'aspetto descritto e si forma un aspetto lucido che è il primo sintomo di gengivite. Come abbiamo visto, quindi, c'è una strettissima relazione di forma ed armonia tra Denti, Gengive, Linea di Giunzione Mucogengivale ed osso sottostante. Tutti questi organi devono essere in equilibrio.Aggiungo che è un Argomento molto complesso per poter essere affrontato solo via Web e senza una Visita Clinica Parodontale.Essa consiste in due visite cliniche strumentali, semeiologiche e anamnestiche, intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e Root Planing e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente oltre alle prove termiche descritte! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Il significato principale del Curettage e Scaling che oltre ad essere Diagnostico è anche terapeutico ( cura le tasche di 4-5 mm, in genere, quelle più profonde no!) e di Profilassi per le malattie Focali e per l'infarto del miocardio.
Oltre alle malattie Focali che hanno il loro Fucus di partenza "in cavità dell'organismo comunicanti con l'esterno", in questo caso le Tasche Parodontali! E' stata dimostrata una strettissima relazione tra le tasche parodontali e l'infarto del miocardio (in particolare nel sesso femminile è stata dimostrata una relazione inconfutabile tra presenza di tasche parodontali e infarto del miocardio con incidenza maggiore che nel sesso maschile) non trascurando l'Organismo Sistemico con Anamnesi Clinica e Visita semeiologica(malattie autoimmuni, Diabete etc)
La "terapia parodontale", spesso, per la sua importanza e complessità, coinvolge tutta l'Odontoiatria.
Mi raccomando, mi capisca bene: è solo un sospetto diagnostico che ho il dovere di precisarle, visto che si è rivolto a noi e quindi anche a me! Faccia la visita Parodontale da un bravo Parodontologo di chiara Notorietà!

Vedo poi un fornice molto baso (ossia insufficiente) e una insufficienza di gengiva aderente e la formazione di recessioni gengivali e la presenza di un tavolato osseo ridotto al minimo! Deve sapere che la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari è un processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia Ortodontica e meglio è. Anche intorno ai 5 anni. Certo, Esistono dei Compromessi, per cui si può intervenire anche da adulti (come in Lei) ma legga bene quanto le dico ora: E' importante perché se fosse una Disgnazia Dento Scheletrica e non Dento Dentale, lo spostamento dei denti sarebbe non "Corporale" ma "Rotatorio" che sarebbe un "Compromesso" che però, in presenza di un Tavolato osseo Sottile, potrebbe portare alla formazione di pericolose deiscenze ossee con gravissime recessioni, oltre che decapitazione delle papille interprossimali, spesso affrontabili terapeuticamente sia funzionalmente che esteticamente in modo molto complesso e con plurinterventi per evitare la formazione di gravi inestetismi, visti troppo spesso, da me Parodontologo, in questo tipo di terapie, per non metterle in rilievo ed in ogni caso da decidere solo dopo un eventuale esame cefalometrico completo, non tralasciando l'importante valutazione fisiopatologica della lingua e dei suoi movimenti e disarmonie anche logopedistiche e soprattutto una Visita Parodontale come ho descritto sopra.

Ha una gengiva aderente sottile, insufficiente in senso corono apicale (troppo vicina alla linea di giunzione mucogengivale) ed un tavolato osseo troppo sottile e poco rappresentato. In queste condizioni, volendo fare per forza una terapia ortodontica, si sarebbe dovuto intervenire parodontalmente prima con un aumento della gengiva aderente ed un approfondimento del fornice e un aumento dello spessore osseo del tavolato dopo averlo accertato con la palpazione, la visita clinica e soprattutto con una Rx cone beam 3D! Che dirle, si faccia visitare da un bravo Parodontologo io leggo tutto questo dalla foto postata ma la clinica è un'altra cosa e deve essere confermato clinicamente e radiologicamente questo mio sospetto Diagnostico! Sospetto motivato, mi creda. Lei si è rivolta e noi dobbiamo rispondere al meglio, nel Suo interesse e così, nel mio "piccolo", cerco di fare! Le lascio un poster di un approfondimento del fornice l'Intervento di Edlan Mejchar che però è molto complesso e bisogna saperlo fare. Poi ci sono tantissimi altri interventi e metodiche e di GTR (Guided Tissue Regeneration = Rigenerazione tissutale guidata) per aumentare la quantità di gengiva aderente ed anche la cresta ossea! Questo in linea di massima! Tutto questo si attua in un semplice Studio Dentistico Privato. Quello che è importante è la "mano" di chi opera e solo dopo che sia stata fatta una accurata Diagnosi e programmata la terapia più idonea per la sua situazione Clinica! Legga nel mio profilo L'intervento di approfondimento del fornice di Edlan Mejchar (in una situazione completamente diversa ma adatto a farle comprendere il problema) e non è detto che debba fare quest. Sicuramente potrebbe aver bisogno di interventi molto meno cruenti ed aggressivi e tranquilli ma l'ho postato per richiamare la sua attenzione a titolo di esempio affinchè capisca li problema!! Legga le mie pubblicazioni ed articoli sulle recessioni gengivali e tanto altro sulla Parodontologia e come faccio io una visita Parodontale che poi che poi non è altro che la Visita Odontoiatrica completa che io e mia figlia Claudia facciamo sempre per qualsiasi motivo un paziente fosse venuto in Studio da noi, anche se fosse venuto per una semplice carie!
La Visita Odontoiatrica è la massima espressione della Cultura Odontoiatrica. Non è banale. E' complessa e richiede Conoscenza Medico-Odontoiatrica, capacità e tanto tempo. Ecco perché bisogna diffidare di chi fa visite gratis, veloci, incomplete come nei centri low-cost ed anche purtroppo in tanti studi dentistici Privati! Il sospetto diagnostico e la diagnosi differenziale che portano alla diagnosi nascono dalla conoscenza. Se non si conosce, non si può sospettare una data patologia e quindi fare la giusta Diagnosi con relativa terapia! Ho dedicato molto tempo a parlare di cosa sia una visita odontoiatrica perché è quasi sempre sottovalutata da tutti! Una Visita Odontoiatrica ben fatta non dura meno di due ore tra visita e informazione! Cari saluti

CONTINUA A LEGGERE
dr.g.petti-ca-interv-di-edlan-mejchar-27.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Concordo con il collega, la terapia antibiotica combinata come se soffrisse di parodontite mi sembra eccesiva.
Ovviamente è necessaria una attenta valutazione parodontale, da effettuare possibilmente precedentemente alla terapia ortodontica stessa, e non dopo.
Allo stato attuale sicuramente importanti le sedute ripetute di igiene orale e le relative istruzioni, e poi sarà compito del collega seguirla anche parodontalmente.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Non sembra che ci sia infiammazione o infezione (va valutato bene con visita parodontale), quindi gli antibiotici potrebbero non essere necessari. Invece come le dice ad un certo punto della sua bellissima risposta il dr. Petti, i movimenti ortodontici nell'adulto alle volte fanno si che i denti si spostano, ma l'osso attorno, e la gengiva, seguano male questi spostamenti.. Questo perchè in un adulto. In un bambino è tutto diverso. Ma questo non vuol dire affatto che nel complesso non ci sia un vero miglioramento della situazione. Cioè il bilancio può essere del tutto favorevole: ad esempio, per dirne una, i denti "storti" sono molto più difficili da pulire, e se raddrizzati, è proprio la situazione parodontale gengivale ed ossea che nel tempo trae giovamento dalla ortodonzia! Nei decenni successivi,, anche se ora c'è qualche retrazione, la gengiva sarà più igienizzabile e la situazione sarà favorevole più di prima. Per non parlare degli altri vari, svariati e grandi benefici che un corretto allineamento e una buona occlusione porteranno nel tempo. Il pericolo di disturbi articolari dovrebbe diventare minore (se il trattamento è stato ben progettato e ben eseguito). E i denti lavorando nel modo giusto dureranno molto di più che se lavorano (semplificando) "storti". Quindi fatte debite considerazioni ed approfondimenti diagnostici, questo "effetto collaterale" non la deve spaventare più di tanto..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Circa l'opportunità o meno di assumere degli antibiotici non mi posso pronunciare non avendola visitata. Sicuramente questa associazione si è dimostrata efficace nei casi di parodontite avanzata. Il rischio di resistenze c'è, nella intera popolazione, quando si assumono troppo spesso ed ingiustificatamente antibiotici. Non è il suo caso.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Sullo stesso argomento