Menu

Domanda di odontoiatria

Risposte pubblicate: 6

Potete farmi capire cosa dice la TAC?

Scritto da SARA / Pubblicato il
Cari dottori ho bisogno di vostri pareri al riguardo vi prego sono agitatissima! dal referto del dentalscan dice "focolaio flogistico periapicale di 16 che appare indovato nel seno mascellare destro e mostra una perdita di continuità della parete del focolaio proprio all''interno del seno, ove concomitano alcune bollicine aree e materiale a bassa densità , configurando un quadro di flogosi. flogosi del seno mascellare destro" sono stata presso un importante ospedale odontoiatrico a Roma e il chirurgo mi ha detto che non è nulla di preoccupante non si tratta di ciste ma è dovuto a delle cure canalari fatte in precedenza (tanti hanni fà) ma nulla e che non devo fare nulla, mi ha anche fatto un rx in quella zona, mi sono rivolta ad un chirurgo maxillo facciale (privato)il quale mi dice che la situazione è preoccupante e che si tratta di ciste e mi propone di estrarre il molare(dente devitalizzato), pulire la zona e fare un innesto di osso autologo e fare in futuro inserire un impianto se si potrà farlo...è possibile???A chi devo dare retta ho 23 anni vi prego consigliatemi non ho mai avuto problemi dolore o altro sono venuta a saperlo solo oggi e sono disperata! È possibile avere due pareri così diversi?potete farmi capire cosa dice la tac, grazie mille.
Comunicazione Oro Antrale (2).jpg
Cara Signora Sara...capisco la sua ansia...ma si calmi e si tranquillizzi...si risolve tutto...quello che le capita non è eccezionale...sono normali patologie curabilissime...da quel che dice il referto lei ha una infezione nell'osso intorno all'apice di probabile provenienza dalla radice del dente, questa infezione si è estrinsecata all'interno del seno mascellare dx, ...ora la cosa certa è che non è vero che non si deve fare nulla...bisogna anzitutto valutare se è in atto una sinusite mascellare dx...questo può farlo oltre che un bravo Dentista...o Chirurgo orale o Chirurgo Maxillo Facciale, un Otorino...perchè non è detto che l'infezione abbia superato la mucosa del seno mascellare che costituisce una barriera importante alle infezioni...quindi la prima cosa è stabilire se c'è o no una sinusite in atto...se non c'è...allora si cura il dente per via ortograda...si curano le radici ed il focolaio infettivo...e tutto torna a posto ...se ci fosse una sinusite con "stravaso" nel seno del materiale infetto allora vorrebbe dire che è in atto una perforazione del seno mascellare (ma avrebbe altri sintomi quale uscita dalla narice destra di acqua quando beve)...per esempio...allora bisognerebbe estrarre il dente...fare una plastica di chiusura del pavimento del seno mascellare curando anche la sinusite e chiudendo con un lembo trapezoidale la comunicazione oro antrale...faccio questi interventi da 32 anni...e la garantisco che in buone mani sono tranquillissimi e "normali"...quindi sia in un caso che nell'altro ... si risolve...ora stia tranquilla e cerchi un bravo Otorino che chiarisca se c'è o no la sinusite...poi se non c'è cerchi un eccellente endodontista e si faccia curare il dente...se invece la sinusite ci fosse ...cerchi un otorino che la curi e un chirurgo maxillo facciale o un Parodontologo che la tratti chirurgicamente...poi sconsiglierei moltissimo..per la scarsa qualità dell'osso di sostituire il dente con un impianto (ma lo si deciderebbe dopo in ogni caso)...preferirei un classico e tradizionale ponte in oroplatino porcellana, di tre elementi...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig.ra Sara, non deve stare in ansia perché questi sono problemi che possono essere trattati. Purtroppo in medicina, sono possibili pareri diversi, un professionista probabilmente reputa la lesione asintomatica cronicizzata e consiglia controlli e poi eventuali terapie, l'altro professionista consiglia di evitare di attendere ulteriore probabile perdita d'osso e procedere con l'avulsione. Come vede così interpretati, i due pareri non sono completamente discordanti. Non avendo visionato la tac e senza visita clinica non posso permettermi di giudicare quale dei colleghi sta dando il miglior consiglio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La cosa davvero giusta è sentire un terzo parere.. Da un punto di vista statistico matematico, il terzo dirà necessariamente che bisogna intervenire oppure no. In questo modo si sommeranno i pareri e vedremo ciò che prevale.. Non sto nè scherzando, nè tanto meno facendo ironia, non mi permetterei mai. Consiglio un parere all'università. Se vuoi ti procuro io un appuntamento giusto. Io, a naso (gli elementi che ci dai sono quasi nulli...) sono d'accordo col primo dr. Lasciar perdere.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sig.ra Sara, certo bisognerebbe vedere almeno la Rx per darle una risposta sicura e obiettava, per giudicare le discordanti terapie che le hanno prospettato, bisogna capire qual'è la simtomatologia che accusa e perchè ha fatto un dental scan. Il prime responso tranquillizzante, è perchè il collega in fondo, non ha ravvisato una grave patologia, che si può contenere al più con terapia antibiotica; il secondo invece è interventista ed anch'io lo sono, prospettandole una soluzione definitiva. Una retrograta è difficile che si possa fare perchè il dente in questione è indovato nel seno, per cui esiste poco osso tra gli apici delle radici ed il pavimento del seno, pertanto è molto probabile che il chirurgo che attuerà l'apicectomia, sfondi il pavimento del seno complicando ulteriormente il quadro clinico. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Risponderle è difficile senza conoscere i sintomi, esame clinico, senza vedere un rx...se soffre di sinusite la faccia curare da un otorino...chi le ha richiesto il dental scan? Se decide di non intervenire é consigliabile tenere sotto controllo l'eventuale evoluzione.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Gentile Sara, bisognerebbe fare una visita per appurare il tutto. Probabilmente provando a ridevitalizzare il dente, se possibile, si risolve il tutto senza grossi problemi. Mi permetto di lasciarle il mio numero di telefono per un consulto gratuito e senza impegno presso il mio studio. Cordiali saluti. Gentile Alessandro 3384169353.

Scritto da Dott. Alessandro Gentile
Tivoli (RM)