Menu

Domanda di odontoiatria

Risposte pubblicate: 5

Ho notato che un dente è diventato scuro

Scritto da PAOLO / Pubblicato il
Buon giorno. Premetto che è da diverso tempo che non faccio un controllo dal dentista e non ho ancora sistemato alcune carie, ma il periodo economico mi impone di pensare prima alla famiglia e poi alle mie cose. Ho notato che un dente è diventato scuro, non so il motivo, chiedo chiarimenti in merito. Mi sono accorto perchè negli ultimi mesi almeno una volta al giorno mi crea un piccolo dolore piccole fitte pulsanti come fosse una micro scossa elettrica sul dente. Tenendo i denti più puliti questo tende a non accadere o accadere di rado, se mangio qualcosa di dolce e non pulisco subito i denti è più probabile che accada nel giro di un'oretta, con una o più fitte. Sinceramente non so se posso andare avanti così per molto o se è prudente farlo, non so se le fitte avvengono per un discorso di acidità della saliva che permette di far condurre maggiormente sulla parte "metallica di rivestimento" del dente, o perchè è nero ed ha qualcosa da sistemare. Grazie di ogni risposta che mi possa far capire in che situazione sono, e Vi chiedo scusa se ho fatto un discorso un pò "campato in aria" o poco chiaro, ma ovviamente non sono esperto in materia.
Il fatto che il dente si sia scurito nel tempo potrebbe dipendere solo dalla otturazione in amalgama che ha lasciato un pigmento che ha pervaso il dente. Oppure ha dei problemi che sulla foto non si capiscono ma si vedrebbero su una rx. Invece i sintomi potrebbero provenire dal dente del giudizio che sta proprio lì dietro. Oppure la malposizione di questo potrebbe aver intaccato proprio il dente scuro che dice lei. Ci vuole visita e rx. Ma riguardando meglio, il dente scurito, si intravede una opalescenza che fa pensare proprio ad una carie dovuta alla posizione infelice del giudizio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

dr.gustavo-petti--parodontologo-cagliari-289.jpg
Caro Signor Paolo, buongiorno. Dice bene il bravo Dottor Passaretti! Le cause possono essere tante anche se penso che si tratti di una infiltrazione cariogena avvenuta nel punto di passaggio tra una pessima amalgama e lo smalto della corona dentale che forse è anche fratturata o infiltrata da carie mesio vestibolarmente. In ogni caso è normale routine odontoiatrica fare una corretta e veloce e sicura diagnosi: bastano una Rx endorale e soprattutto una Diagnosi sulla Vitalità Pulpare! La Sofferenza Pulpare va valutata clinicamente e con Rx Endorale (la panoramica non serve a niente), con stimoli termici con il caldo e con il freddo, esistono liquidi che spruzzati su un batuffolino di cotone con cui toccare il dente abbassano la temperatura improvvisamente da 37° a -4° e le garantisco che se c'è patologia pulpare, la si scopre, il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo, il processo è reversibile perché si tratta di semplice iperemia attiva come spiegato più sotto e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite perché si tratta di iperemia passiva e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito spesso , a seconda della situazione clinica e dell'operatore, sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa, qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente va devitalizzato. LE SPIEGO QUALCHE COSA: Nella iperemia attiva il dolore è dovuto semplicemente ad un maggior afflusso di sangue nel dente tramite l'arteria che lo porta, dovuto ad un meccanismo di difesa nei confronti dello stimolo irritativo, questo maggior afflusso causa una pressione dentro il dente che è inespandibile e comprime le terminazioni nervose causando dolore esacerbato dagli stimoli termici, in questo caso il processo è reversibile, la polpa si abitua ed in qualche giorno o settimana tutto scompare!Se invece il danno causato dalle tossine dei microbi continua si ha una alterazione della vena che fa uscire il sangue dal dente e succede che il sangue arriva con l'arteria e non esce più con la vena danneggiata, si ha pressione che può anche scatenare dolori forti, tipici della Pulpite acuta o essere talmente leggera da non causare dolori in questo caso anche molto lenta, le cellule della polpa del dente, arterie, vene, linfatici e tessuto nervoso, muoiono = necrosi e si può formare una zona di osteolisi periapicale (pallina nera alla Rx endorale) intorno all'apice della radice = granuloma, cisti.IL DOLORE DA NECROSI è invece sordo profondo e non pulsante. Potrebbe avere delle sinalgie, infatti esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata. Per valutare il Parodonto basta fare un sondaggio Parodontale con un sondino parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti (senza limitarsi a quello in causa apparente)Per le patologie Endoparodontali, esse sono un sovrapporsi o un "misto" delle due descritte! Il confine tra iperemia attiva e passiva non è a volte così ben distinto e distinguibile e si può diagnosticare una iperemia attiva mentre invece la polpa si trova in un momento di passaggio tra la attiva e la passiva ed ecco che si può allora fare una otturazione come è stata fatta ed avere poi il dolore per l'esplosione immediata o a distanza di tempo della iperemia passiva e quindi della pulpite che porta alla terapia endodontica del dente! Chiaro? Tutto questo è normalissima routine Odontoiatrica ed Endodontica! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Probabilmente, come specificato dai colleghi, si tratta di una infiltrazione cariosa relativa al dente che lei nota come molto scuro e dove è presente una vecchia otturazione in amalgama. È opportuno comunque recarsi dal dentista, in quanto i sintomi potrebbero peggiorare.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig. Paolo, la famiglia è importante, ma l salute non è da meno, ora lei dovrà recuperare tutto ciò che non ha fatto nelle visite semestrali, in poche parole non ha risparmiato nulla, anzi le verrà addebitato tutto con gli interessi con un costo biologico maggiore. Avrebbe risparmiato molti più soldi per la sua famiglia, se avesse aderito a un programma di prevenzione con visite semestrali. La foto non è male e vedo che a un buon accesso a internet, computer e telefonini sistemi fotografici possono venire prima della famiglia e della salute? Dopo questa paternale che sicuramente non si aspettava, le dico che occorre al più presto una visita odontoiatrica completa, non solo dei denti ma anche dei tessuti molli e speriamo che trovi delle buone mani che la possano curare, senza distruggerle la famiglia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile sig. Paolo, confermo quanto detto dai miei colleghi, potrebbe esserci una carie sul dente e potrebbe partecipare al problema anche il dente del giudizio. E' necessaria una visita accurata, anche con radiografie e, soprattutto, è necessario che lei pensi anche alla sua salute altrimenti trascurandosi spenderà molto di più e potrebbe rischiare di perdere dei denti che invece si possono preservare curandoli.

Scritto da Dott. Mario Zannella
Roma (RM)