Menu

Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

Da un mese ho un problema all'incisivo superiore sinistro

Scritto da Marika / Pubblicato il
Salve ho 26 anni e da un mese ho un problema all'incisivo superiore sinistro. Ho il palato stretto e i miei denti tendono a sporgere un po in avanti nella parte superiore quindi gli incisivi oltre ad essere storti sono anche più esposti. Il problema è che li sento indolenziti e siccome sono una persona ipocondriaca vado spesso davanti lo specchio per vedere se ho qualcosa ma niente. Ho notato però che facendo pressione avanti e indietro a quel l'incisivo si muove di circa 1 mm e mi stavo per sentire male dalla paura.la mia paura è quella che possa cadere allentandosi sempre di più tant'è che con gli incisivi non mordo mai nulla per paura. Ho una visita dentistica a febbraio nella ASL della mia zona ma nel frattempo sto molto in ansia. Cosa può essere? Devo preoccuparmi? Mille grazie per l'attenzione. Marika.
Dalla rx non si capisce bene, almeno da quello che vediamo qui. Forse fotografandola meglio... Però forse si intravedono delle infezioni. Ha avuto mai un trauma??? Anche tanto tempo fa, da bambina, perchè questi incisivi spuntano a 6-7 anni e forse non si ricorda. Comunque se ci sono infezioni, si possono curare senza troppe difficoltà e spesa. Speriamo che alla asl facciano queste prestazioni, e le facciano a regola. Quanto ai denti sporgenti, anche a 26 anni si può ipotizzare un trattamento ortodontico. Bisogna fare prima una diagnosi ortodontica ben precisa, con impronte e forse altre rx necessarie ad effettuare un esame cefalometrico (legga nei miei articoli in questo sito cosa sono), e se si capisce PRIMA dalla diagnosi accurata che si può risolvere con ortodonzia, sarà un investimento importantissimo per la sua salute, in termini sia di estetica, ma anche di salute generale della bocca, e dei tessuti di sostegno dei denti, osso e gengiva, e vista la giovanissima età, avrà dall'apparecchio dei benefici che dureranno per tutta la vita, avendo corretto la malocclusione. Non solo per l'estetica, appunto...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Marika, la panoramica non è indicata per questo tipo di problematiche e la mobilità di un dente non si determina con un esame soggettivo e perciò impreciso come le sue dita. La diagnosi si effettua con strumenti rigidi come il manico di 2 specchietti. Solo in questo modo si può rilevare una mobilità dentale. Considerando la sua età ritengo che sia difficile che il dente su muova, possibile ma improbabile. Le consiglierei pertanto di stare tranquilla e non fissarsi su di un problema quasi sicuramente in esistente. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Cara Signora Marika, buongiorno. Anzitutto, ha sbagliato a postare la OPT scambiando il lato sinistro col Destro e viceversa (l'ha messa sullo scanner o sul diafanoscopio, capovolta, per di più la OPT non è la lastra corretta per valutare il periaspice, il parodonto e la radice di una unità dentale intendendo con Unità Dentale, il Dente col suo endodonto, parodonto, osso, rapporti coi denti viciniori ad esso mesiali e distali ed antagonisti! In questi casi serve una semplice Rx endorale! Più dettagliata, non deforma le immagini e più precisa! Nonostante ciò, sembrerebbe che il suo incisivo in questione abbia una zona di osteolisi periapicale! Basta confermarla con una Rx endorale e con prove termiche che faranno diagnosticare un dente in necrosi! Insomma ha quello che si chiama "granuloma". in senso lato e comprensibile! La terapia è curare endodonticamente il dente (devitalizzazione "Volgarmente parlando")! Badi che c'è la "moda sconfortante di vedere procedere alla Avulsione (estrazione) di denti così per procedere a "lucrosi" impianti tra l'altro più veloci e che "rendono di più al Dentista!". Stia quindi attenta e lo faccia curare ad ogni costo! E' normalissima routine odontoiatrica! Questo sempre che la Visita Clinica e gli stimoli termici portati sul dente e la Rx endorali confortino il sospetto Diagnostico fatto! Le spiego: Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi. Tolti i microbi con la terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda, se fossero presenti ostacoli insormontabili come perni non rimovibili etc (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Per dovere di Precisione sempre Culturale le dico che le osteolisi periapicali non sono solo batteriche, però, ma possono anche non avere origine solo da una necrosi endodontica, ma hanno origine, parlo di cisti, anche dai residui epiteliali del Malassez, rete cellulare embrionale deputata alla formazione di cementoblasti che formano a loro volta le cellule del cemento della radice. Queste cellule dette del Malassez prendono origine dalla guaina di Hertwig e stabilisce il limite inferiore dell'organo dello smalto e della futura corona del dente, tra i due si forma la zona del colletto. Da queste cellule possono prendere origine le cisti o più in senso lato le zone di osteolisi periapicale. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Lei non deve vedere mai più film del terrore. Madre Natura è più saggia di lei, e riesce a trattenere un dente pure vacillante per un lunghissimo periodo, e poi recuperarlo spontaneamente malgrado le feroci cure sbagliate. Vada da qualsiasi dentista, che la visiterà gratis, come d'uso in questa stagione di crisi. Se preferisce aspettare, febbraio è vicino. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Sig. Marica, si preoccupa del dente che vacilla e non delle radiazioni assorbite, senza un sospetto diagnostico? L'ansia la perseguiterà fino a febbraio, perchè lei non si sottopone alle corrette visite odontoiatriche semestrali. Le consiglio di dormire tranquilla e di attendere la visita di febbraio, che fortunatamente non ha una brutta malattia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La mobilità per un dente è normale perché ha un legamento che possiede una sua elasticità. Forse la dolenzia è collegata alla malposizione/malocclusione. Niente di cui preoccuparsi. Faccia una visita ortodontica.

Scritto da Dott. Ernesto Bruschi
Frosinone (FR)

Gentile Marika, per poter rispondere alla Sua domanda è necessario effettuare una visita accurata per valutare il problema e le possibili soluzioni. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Alessandro Gentile
Tivoli (RM)