Menu

Domanda di morso inverso

Risposte pubblicate: 7

Mio figlio ha 14 anni e ha una terza classe e morso inverso

Scritto da Cinzia / Pubblicato il
Buongiorno, mio figlio ha 14 anni e ha il morso inverso, l'arcata superiore sta troppo indietro. Anche se ha fatto ortodonzia il problema è stato sottovalutato e mai risolto quando era più piccolo. Nessuno mi ha mai parlato di terza classe e delle possibili conseguenze. Insoddisfatta ho portato mio figlio da un dentista il quale mi ha spiegato le varie problematiche accennando ad un intervento maxillo-facciale nella più remota delle ipotesi in età adulta. inoltre è emersa da un orto panoramica una ciste mandibolare con un canino incluso. È stato necessario un intervento in sala operatoria con tanto di anestesia generale. Risolto questo problema venerdì scorso il dentista ha montato un apparecchio per allineare i denti dell'arcata superiore. Secondo lui adesso l'intervento maxillo facciale in futuro è quasi una certezza: riduzione della mandibola e avanzamento mascellare. L' intervento non è una passeggiata da quello che ho capito. Non mettendo in dubbio la professionalità' del dentista, la mia domanda è questa : volendo avere un altra opinione da un professionista chi è lo specialista che dovrebbe fare una valutazione, studiare il caso, e sulla base di quali esami diagnostici? E quando vista l' età di mio figlio?
Cara Signora Cinzia, buongiorno. Evidentemente è stata fatta una Terapia Ortodontica senza aver fatto prima una Corretta Analisi Cefalometrica e Ceck Up Ortodontico che abbia portato ad una Seria Diagnosi tenendo anche conto del'età scheletrica reale che non coincide spesso con quella anagrafica! La "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia espansiva e meglio è. Anche intorno ai 5 anni. Detto questo avendo suo figlio 14 anni, potrebbe non essere più nei tempi giusti a seconda dell'età scheletrica reale, tuttavia lo si può affermare solo dopo seria cefalometria! Per il resto, non basta postare una teleradiografia ed una OPT e devo quindi ribadire per l'ennesima volta che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica oltre ad una valutazione fisiopatologica della postura e funzione della lingua, oltre che della postura in generale della colonna vertebrale! Bisognerebbe come minimo fare una verifica della corrispondenza tra Età Scheletrica ed età Anagrafica. Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche! Non dimenticando il metodo della Maturazione Vertebrale Cervicale in particolare per l'identificazione del picco puberale nel tasso di crescita cranio-facciale e le correlazioni tra gli indici carpali come l'SMS e quelli vertebrali come il CVS, il CVMS e il CS dove quest'ultimo indica il picco di crescita mandibolare! Come vede, non basta una "occhiata e via"! La Visita Odontoiatrica ed una pianificazione terapeutica sono Atti Medici importanti e Colti! ATTENZIONE però al voler raggiungere risultati con compromessi: Spiego: trattandosi di una Disgnazia Dento Scheletrica e non Dento -Dentale e/o venisse fatto spostamento non "corporale" di compromesso, ma rotatorio degli incisivi o di altri denti, in presenza di un Tavolato osseo Sottile, si potrebbero formare pericolose deiscenze ossee con gravissime recessioni, oltre che decapitazione delle papille interprossimali, spesso affrontabili terapeuticamente sia funzionalmente che esteticamente in modo molto complesso e con plurinterventi per evitare la formazione di gravi inestetismi, visti troppo spesso, da me Parodontologo, in questo tipo di terapie, per non metterle in rilievo ed in ogni caso da decidere solo dopo un eventuale esame cefalometrico completo, a tavolino e tanti altri accertamenti ortodontici. Gnatologici e naturalmente Parodontali. Spero di essere stato chiaro ed esaustivo.Ne parli col suo Dentista! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Da quello che descrive temo che non ci siano alternative all'intervento. Ma non si crucci, il risultato può essere ottimale se eseguito da mani esperte sia per ciò che riguarda l'intervento sia per quello che è la preparazione ortodontica. Purtroppo questa è la nota dolente in quanto sarà necessario reintervenire con una terapia ortodontica di preparazione alla chirurgia un paio di anni prima dell'intervento che potrà eseguirsi dopo i venti anni. Si rivolga pertanto a persone qualificate che lavorino in tandem. 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

In effetti, se la III classe ha una componente scheletrica alla base, cioè della struttura ossea, a 14 anni è difficile modificare molto. Ma associando una cosiddetta Maschera di Delajere all'apparecchio fisso (cosa che il suo dentista sicuramente vorrà utilizzare) ci sono speranze di miglioramento. Tutto ciò va studiato e progettato con le analisi di cui parla il dr. Petti che servono a verificare, appunto, la parte scheletrica... I maschi crescono più lungamente delle femmine e quindi finchè c'è crescita c'è qualche possibilità di migliorare. Poi si dovrà vedere in età adulta per l'ipotetico intervento. L'importante è ora fare il possibile adesso. Altro dettaglio importantissimo è visita logopedica per verificare la postura linguale: questa può essere causa di III classe, a parte la genetica, e se non corretta espone sempre a recidive di qualunque trattamento, compreso quello chirurgico..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Sig.ra Cinzia, la persona più adatta per curare suo figlio è un odontoiatra e/o medico specialista in ortodonzia. 14 anni sono tanti per curare una terza classe senza avvalersi della chirurgia, dipende se è a fine crescita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Può soltanto cnsultare un altro Ortodontista specialista, e un altro ancora, portando tutti gli esami radiogtafici a sua disposizione (modelli di atudio e fotografie incluse), e sentire il loro parere a riguardo. L'età è al limite, ma, entro certi parametri, è ancora possibile in diversi casi clinici fare qualcosa ed ottenere discreti risultati in maniera non così invasiva. Ma dipende dal caso clinico, e solo uno specialista che visita direttamente può dirlo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig. Cinzia, occorre mettere una pietra sul passato e occuparsi dello stato attuale; la terza classe non è una brutta malattia, molte persone ci convivono tranquillamente evitando interventi invasivi. In linea di massima quello che è possibile fare ora a livello chirurgico osseo è possibile ottenerlo anche in età adulta per cui avete il tempo per una scelta ponderata. Per il canino mancante, non conoscendo il caso non è possibile darle un risposta corretta. I professionisti corretti sono: l'odontoiatra che si occupa di ortodonzia con la collaborazione del chirurgo maxillofacciale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Cinzia, le consiglio di seguire il saggio e come sempre sapiente consiglio del collega DR: PETTI. Giustamente le terze classi debbono essere intercettate molto presto e quando non è ancora avvenuta la crescita completa. A 14 anni è estremamente difficile risolvere il problema con la semplice terapia ortodontica senza ricorrere alla chirurgia E' comunque necessario fare uno studio accurato per rispondere in maniera adeguata. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)