Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 14

Osteoporosi e implantologia

Scritto da Ilana / Pubblicato il
Salve, ho 57 anni e dall'eta' di 39 anni che sono in menopausa (chirurgica), di conseguenza ho l'osteoporosi. 6 anni fa ho fatto un impianto nel arcata superiore frontale, da qualche giorno sento che il dente traballa e vedo che la gengiva si e' ritirata di tanto, ho la sensazione che l'osso non tiene piu' l'impianto (a breve faro una panoramica per vedere cosa sta succedendo). vorrei sapere, in caso di mancanza di osso cosa si puo' fare? e' possibile ricostruire l'osso? avendo l'osteoporosi non impedisce la ricostruzione dell'osso? vorrei precisare che malgrado tutto sono una bella donna e dimostro almeno 15 anni meno della mia eta' e sono disperata al pensiero di rimanere senza dente/i!!
Gentile Ilana, alle sue domande si può rispondere in maniera esauriente solo dopo una attenta analisi del problema consistente in una corretta visita con analisi delle radiografie. Le consiglio di recarsi con urgenza dal suo dentista che potrà valutare la sua situazione e verificare se la mobilità possa derivare da un problema dell'abutment cioè del perno su cui si fissa la corona oppure da un problema proprio dell'impianto. Eviti di prendere iniziative spontanee ed autonome(la panoramica infatti potrebbe non essere indicata nel suo caso) e si affidi ai consigli ed alle cure del suo dentista. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile Ileana, per rispondere in maniera professionalmente corretta alla sua domanda bisogna conoscere il suo caso clinico e se assume bifosfonati. Alle sue domande sarà lieto di risponderle il suo dentista di fiducia che le consiglio di contattare per una visita e sul da farsi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

la radiografia endoorale ed il sondaggio sono più importanti per la valutazione implantare nel caso di perdita ossea la rigenerazione o ricostruzione del distretto interessato solitamente possibile anche in persone che come lei riferiscono di avere l'osteoporosi permette la riabilitazione implantoprotesica cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Ilana031011.JPG
Cara Signora Ilana, come dicono i colleghi, dipende da tanti fattori clinici e di laboratorio la sua situazione reale attuale. Dipende dal grado di osteoporosi, dal fatto che assuma o no certi farmaci e soprattutto dalla qualità del suo osso perchè è vero si che si può ricostruire l'osso mancante, la gengiva aderente mancante, alzare creste ossee e fare rialzi del seno mascellare, ma è anche vero che se la sua qualità ossea non è buona e se per esempio si sovrapponesse una Parodontite grave, allora l'implantologia è bene non farla! E poi, scusi, non ha già avuto un segno di come risponde il suo osso? L'impianto che si muove, si muove per il semplice fatto che si è formata una peimplantite che ha le cause proprio in una cattiva qualità ossea, principalmente ed essenzialmente, oltre che altre che non sto qui a descrivere! Si faccia visitare da un Parodontologo che faccia anche implantologia e troverà le risposte che cerca!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

E' necessario fare una visita clinica per essere precisi

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Fatta salva la Sua bellezza e anche il fatto che la perdita dei denti è un problema anche se lei fosse brutta; l'osteoporosi è una malattia con effetti distrettuali, vale a dire che posso avere parti del mio scheletro colpite e parti no, solitamente l'apparato stomatognatico è, da questo punto di vista, fortunato. E' di ovvietà assoluta che la cosa va verificata ed accertata con tutte le visite e gli esami del caso. In conclusione si faccia vedere da persona esperta poichè è probabile che lei possa effettuare tutto quanto è possibile fare per il suo caso. Cordialità gustavo de felice.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Gentile Sig.ra Ilana, la panoramica non è l'esame più indicato. Per rispondere al suo quesito bisogna essere sicuri che il problema sia una perimplantite. Se si bisogna valutare il grado di osteoporosi, se assume farmaci ed altri fattori. Ormai la moderna odontoiatria fa miracoli, però non sempre sono possibili. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Gentma Sigra Ilana, a prescindere dall'età anagrafica che si dimostra, le terapie odontoiatriche vanno rese a chiunque ne abbia necessità. Il suo caso, prima di una risposta, richiede uno studio accurato. La moderna odontoiatria può fare veramente tanto. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Gentile signora, chiaramente qualcosa nel suo osso non è al meglio: quello che è importante stabilire se il problema è zonale o interessa altri distretti. Lei dice di avere l' osteoporosi, ne desumo che sia in cura con farmaci ad hoc. Una risposta si può dare valutando oltre che la situazione locale anche quella generale e l' eventuale terapia antiosteoporotica che lei sta seguendo.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Innanzi tutto, più che fare una panoramica è meglio che faccia una visita accurata con il suo dentista, perché a volte le panoramiche dicono poco o nulla per il problema che ha. Spesso sono meglio le radiografie endorali. Per quanto riguarda l'osteoporosi, questa non è una controindicazione assoluta all'implantologia o agli interventi di aumento di cresta, purché non si assumano bifosfonati (per la cura dell'osteoporosi). Se così fosse bisogna valutare la cosa non solo con il dentista, ma anche con il suo curante.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)

Consigliata visita odontoiatrica con sondaggio parodontale ed rx endorale, l'osteoporosi non è una controindicazione assoluta per gli impianti o per la rigenerazione ossea; relativa se si è in terapia con bifosfonati.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Cara signora, l'osteoporosi non è una controindicazione assoluta all'implantologia. ci sono sicuramente livelli di gravità differenti ma non sarà questo ad impedirle di poter subire un intervento. Si accerti solo di non assumere farmaci quali bifosfonati (farmaci prescritti per l'osteoporosi) che possono metterla a rischio di gravi complicanze dopo un intervento chirurgico. Vedrà che affidandosi ad un bravo ed esperto collega, le restituiranno il sorriso che merita. Cordiali saluti, Daniele Moretto, Roma
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Daniele Moretto
Roma (RM)

Sarebbe interessante sapere COME il dente mancante era stato perduto, perchè se esso era mobile fino a che non è poi caduto, questo può significare parodontite, la quale è un fattore prognostico negativo per il mantenimento degli impianti se prima non viene completamente debellata. Potrebbe darsi però, come è stato già detto, che si tratti solo di una mobilità dell'abutment rispetto all'impianto; quindi prima una diagnosi precisa, poi la cura; ma io mi occuperei più del controllo della situazione batterica orale piuttosto che dell'osteoporosi. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Sig.Ilana, oggi esistono molti sistemi per evitare che lei rimanga dente.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)