Menu

Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 16

A seguito dell'estrazione del 46 ho eseguito un impianto

Scritto da Fabio / Pubblicato il
Salve. Ho 45 anni e nel mese di aprile 2010 a seguito dell'estrazione del 46 ho eseguito un impianto. Da fine giugno ho avvertito che l'impianto "dondolava" leggermente e subito mi sono recato dal dentista seguendo anche i vs. consigli che ho letto a risposta su altri quesiti simili. Il dentista, che già  si è scusato per non aver serrato adeguatamente il tutto (non ha usato la chiave dinamometrica), mi ha già  fatto passare dal suo Studio per rimuovere la capsula che però non ne vuole sapere di uscire. Quello che mi ha fatto riflettere è che sono già  2 volte che mi reco nello studio e la prossima settimana devo ripassare per la terza per dare "qualche colpetto" per staccare la capsula e francamente non credo che non ci siano altre soluzioni per riuscire a sistemare il tutto, voi quali suggerimenti mi potete dare? Grazie per i vostri consigli.
Caro Signor Fabio....non è chiaro se si muove l'impianto o il moncone su di esso o la corona sul moncone...se è l'impianto ci sono problemi seri e le consiglio di farlo vedere da altro implantologo...se fosse il moncone o la corona ...bisogna tagliarla e rifarla a spese ovviamente del Dentista!...............continuare a battere con l'estrattore per rimuovere la corona è nocivo all'impianto e all'osso che lo contiene....................….......................... Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE
impcefaem.JPG

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Salve Fabio, il consiglio è poco utile visto che il suo dentista le vuole giustamente disinserire la corona per poi serrare meglio il moncone. Abbia pazienza perchè lui sà bene cosa deve fare.. cordialmente, Gianluigi Renda

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Purtroppo è un evento di discreta frequenza ( e spesso dipende dal tipo di metodica implantare impiegata ), ma allo stato attuale non è preoccupante per la sua salute e per la salute del suo impianto. Ciò che non va è nella vite di serraggio. La corona però va rimossa in tempi brevi per evitare problemi alla stabilità dell'impianto (probabilmente "tagliata") e sostituita, così come il pilastrino ( la chiave dinamometrica è importante, ma quando la vite di serraggio si allenta in tempi così brevi c'è probabilmente incongruenza nel sigillo )
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)

Gentile Fabio, se il movimento è dovuto all'insufficiente serraggio della vite che fissa l'abutment all'impianto di solito basta fare un foro sulla corona per evidenziare la vite e stringerla.Se questo non è possibile l'unica soluzione è quella di tagliare la corona.Martellare continuamente può essere controproducente, la vite potrebbe spezzarsi e rimanere all'interno dell'impianto ed allora sarebbe piuttosto difficile rimuoverla e a quel punto l'impianto potrebbe essere non più utilizzabile.Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Consigli da dare sono praticamente impossibili, ma uno banale che do a chi partecipa ai miei corsi è quello di cementare le protesi sugli impianti con cementi reversibili (tipo implacem, cemento fatto apposta per le protesi implantari). Nel caso il collega abbia usato un cemento di questo tipo basta prendere delle normali pinze per estrazione, proteggere la corona con del cotone (vanno benissimo i rulli salivari divisi a metà) e facendo un movimento di estrazione e rotazione diventa facile rimuovere le corone anche in presenza di allentamenti della vite di serraggio. Nel caso il collega avesse usato un cemento definitivo l'unica alternativa e il taglio della corona e al sostituzione della vite e del moncone. Ne parli col suo dentista e mi faccia sapere. saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Martellare serve a poco o niente. Sarebbe utile sapere se il collega ha usato un pilastro in Titanio fornito dalla casa oppure ha usufruito di un moncone calcinabile. In questo caso è possibile che la connessione moncone-impianto non sia perfetta provocando il disserraggio della vite.

Scritto da Dott. Piercarlo Marengo
Alba (CN)

Escluso prima che si tratti di mobilità dell'impianto, per il quale ovviamente non resterebbe altro da fare che rimuoverlo, non resta altro che la mobilità del moncone che non è stato serrato adeguatamente all'impianto (oppure è stato serrato ma una errata occlusione può determinare lo svitamento della vite di serraggio). Paradossalmente è molto più difficile rimuovere una corona dal moncone quando questo è lento che non quando tutto il sistema è stabile. Senza stare tanto a traumatizzare osso e gengive io taglierei la corona, serrerei con la chiave dinamometrica il moncone e rifarei la corona. Salvo Zaffarana
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Zaffarana
Catania (CT)

Sig. Fabio, dalle tempistiche sembrerebbe che si tratta di un carico immediato, per cui i colpi di estrattore non sono il massimo. Non conosco il caso e non capisco se il movimento è dell'impianto o della corona, che sono due cose ben differenti con approcci diversi. Meglio sarebbe avere una descrizione scritta da parte dell'odontoiatra che ha operato su di lei che forse potrebbe farmi capire il significato dei colpi a distanza con l'estrattore.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Signor Fabio, i "colpetti" non vanno bene.........se la corona è cementata definitivamente, bisogna tagliarla per rimuoverla, per poi serrare bene il moncone e infine rifare una nuova corona (chiaramente non a sue spese). Buon week end

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Se la capsula non viene via, bisognerà tagliarla. Si affidi al suo dentista. Cordialmente

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Non sappiamo on-line se c'è ancora la possibilità di martellate più forti o meno. Non possiamo essere li a "toccare", ma si può applicare anche una notevole energia. Dipende anche dai sistemi implantari: alcuni sono più "robusti" verso queste manovre, altro meno. In linea di massima o viene via o non viene via. Se viene via, nessun problema: si cambierà la vitina con una nuova, e si serrerà più efficacemente. Che sia con il cricchetto dinamometrico o meno non è determinante: l'importante è che sia "efficace", e che la superfice masticante sia "giusta" e non abbia momenti di forza che possano spingere verso una derotazione della vitina. Se non viene via... non resta che tagliarla e rifarla.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)

Gentile sig Fabio, solitamente un impianto in posizione 46 consente di avere un moncone verticale, e quindi la vite di fissaggio del moncone potrebbe trovarsi più o meno al centro del tavolato occlusale della capsula. Se tale ipotesi verrà confermata dal curante, con pazienza e una buona dose di fortuna si potrebbe riuscire a forare la capsula per arrivare a serrare il moncone senza rimozioni e traumatismi ulteriori su di un impianto inserito 2 mesi fa. E' chiaro che in caso di insuccesso, non rimane che tagliarla e rifarla. Cercate però di arrivare a capire perchè si sia allentata così repentinamente, altrimenti, con una leggerissima rinuncia all'estetica, sarà più conveniente eseguire una nuova corona avvitata e non cementata. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Se la corona si muove bisogna rimuoverla quanto prima per non danneggiare l'impianto su cui si ancora. Se non si stacca la faccia tagliare e poi rifare, se il suo dentista riconosce l'errore o la dimenticanza nel serrare bene il moncone, come lei dice nella domanda sarà altrettanto nesto da rifarle una corona nuova

Scritto da Dott. Massimo Orefice
Triggiano (BA)
Massafra (TA)

Assolutamente concordo con tutti quei colleghi che assolutamente non userebbero il martelletto anche se la coroncina fosse stata cementata con un cemento provvisorio in quanto troppo alto e' il rischio di sfilettare la filettatura interna dell'impianto . Una soluzione e il taglio della corona a cui si fa seguire il serraggio del moncone e se fosse possibile passerei a una ricostruzione avvitata in questo caso rispetto alla cementata la facilita di reintervento sono enormi.

Scritto da Dott. Gianfranco Paolini
Milano (MI)

Tagliare la corona, serrare il moncone e rimettere il provvisorio(se c'era)in attesa della nuova corona

Scritto da Dott. Leopoldo Maini
Rovereto (TN)

Sig Fabio non riesco a capire se si muove impianto o corona e quindi il moncone avvitato su impianto. Sono due problemi diversi il suo dentista sicuramente riuscirà a risolvere. Buona sera.

Scritto da Dott. Marco Pellegrini
Cesano Maderno (MB)