Menu

Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 7

Ho 33 anni e gli antagonisti sono completamente scesi e si sono inarcati

Scritto da Anna Maria / Pubblicato il
Salve, io ho un grosso problema e non so se è possibile risolverlo, per via della trascuratezza di esso: all'età di 17 anni mi vennero estratti molare e premolare inferiori, in più non mi è mai uscito il dente del giudizio. Ho 33 anni e gli antagonisti sono completamente scesi e si sono inarcati. Esiste una soluzione? Allego 2 foto. Grazie. Anna
Ho 33 anni e gli antagonisti sono completamente scesi e si sono inarcati Ho 33 anni e gli antagonisti sono completamente scesi e si sono inarcati
Gentile ANNAMARIA, la foto non è sufficiente per definire un quadro clinico e cioè effettuare diagnosi certa di fondamentale importanza per una corretta terapia. La diagnosi è il coronamento di una serie di manovre come una accurata visita con test di vitalita', sondaggio gengivale ed analisi di radiografie di vario livello. E' ovvio che la sua situazione è ciò che si ravvisa in persone che rimangono per tanto tempo senza denti dopo aver effettuato delle estrazioni. La mancanza prolungata anche di un singolo elemento dentale provoca spostamenti dei denti adiacenti e dell'arcata antagonista tali da provocare squilibri occlusali importanti e a volte difficilmente risolvibili se non dopo lunga terapia preliminare. Le consiglio di rivolgersi ad un buon dentista, rinomato e referenziato che potrà trovare col classico passaparola od anche su questo sito alla voce CERCA DENTISTA alla home page. La sua sarà sicuramente una terapia multidisciplinare che coinvolgerà ortodontista, implantologo, protesista.. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Cara Signora Annamaria, buongiorno. Si tranquillizzi, certo che esistono le "soluzioni" di patologie coma la Sua! Bisogna ovviamente fare una Visita Gnatologica ed Odontoiatrica completa ed eventualmente Cefalometrica e stabilometrica per valutare quale sia la miglio terapia per intrudere i denti estrusi. Non esiste solo l'Ortodonzia per questi problemi :) ci sono altre metodiche per riportare in occlusione, secondo la curva di Spee che fotografa i giusti rapporti occlusali posteriori, intrudendo i denti estrusi dopo un allungamento della corona clinica con un semplicissimo interventino di chirurgia Parodontale Gengivale (in presenza di adeguata banda di gengiva aderente) o mucogengivale (in assenza di tale gengiva o se la corona clinica (la parte che emerge dalla gengiva) fosse stata così profonda da coinvolgere la cresta ossea, superandala, magari, anche)! Bisogna poi valutare anche il Parodonto e la Sua Situazione Gnatologica, in particolare presenza o no di precontatti nelle tre disclusioni incisiva, canine e Relazione Centrica)! Stia Serena e Tranquilla, si risolve! Si faccia visitare. Sono A Sua Disposizione, se crede. Non mi propongo mai ma, essendo palese la Sua "Disperazione", mi rendo disponibile per Lei dato che il Suo è , per me, normale Routine, salvo eccezioni, naturalmente, non avendola Visitata Clinicamente e Semeiologicamente! :)Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE
riabilitazione-gnatologica-e-parodontale--266.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

La soluzione, anzi le soluzioni ci sono. Un'accurata visita ortodontica riuscirà agevolmente a trovarle. Cordialmente..................................................

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

Bisogna vedere innanzitutto se si può ottenere un posizionamento migliore (ai fini di creare lo spazio ed una buona anatomia occlusale per rimpiazzare finalmente i denti di sotto) di quei denti scesi così tanto. Io temo che si possa ottenere non molto, perchè è l'osso che è sceso tanto (detta con semplificazione) ma l'unica strada secondo me sarebbe un apparecchio funzionale. Se la strada della ortodonzia non è praticabile, si può fare con impronte ben fatte consegnate all'odontotecnico, un moke-up. Ovvero uno studio preliminare, una SIMULAZIONE SU GESSO, se capsulando i denti sopra, abbassandoli tramite le corone, si crea uno spazio adatto per rimpiazzare gli inferiori mancanti. Anche a costo di devitalizzare i superiori per ottenere una nuova linea che sia adatta. Ma anche attenzione all'estetica. Tutto ciò si studia PRIMA di agire, a tavolino, con uno studio congiunto fra dentista e tecnico.. Questo ha un costo modestissimo e ovviamente non presenta rischi, perchè è il modo di determinare se si può seguire questa strada o no. Poi ci sono strade più complesse forse, che implicano chirurgia anche parodontale le il livello della gengiva nella simulazione rimane esteticamente insoddisfacente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Il suo caso è semplice nella motivazione, e complicato nella soluzione. L'interruzione della dentatura in età molto giovanile accentua lo stato di deformazione grave come si presenta attualmente. Le soluzioni sono solo due, e non più di due. Prima soluzione sarebbe l'intrusione ortodontica, impresa molto ardua e realizzabile perfettamente solo in via teorica. Seconda soluzione: la via protesica. I denti superiori si accorciano quanto basta, anche a costo di una devitalizzazione intenzionale. Dunque abbiamo un ingente costo biologico. I denti accorciati vengono ricostruiti con un battente occlusale in oro che si chiama intarsio. Oggi l'oro è fuori moda e la plastica imperversa, e poi costa meno. Lei comunque si ricordi un avvertimento quasi mafioso, che solo una fusione in oro perfetta le darebbe l'occlusione stabile per i prossimi cento anni. Sotto infine si dovrebbe rifare l'autostrada interrotta con ponte o impianti veda lei. Il costo è ingentissimo se vuole le cose a regola d'arte. Quando avrà un figlia, per lei cerchi un dentista carissimo che curi e ritardi almeno il più possibile le amputazioni dentali. Costo un centesimo di quelle che spenderà lei, salute cento volte in positivo la sua salute della bocca. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Sig. Annamaria, bello il brillantino, ma il disastro funzionale esiste, perdere i denti in fase di crescita porta anche a delle modificazioni delle basi ossee. Questo caso non è affatto facile da risolvere, occorre valutare il tutto anche da un quadro generale posturale, altrimenti ci sono rischi di andare contro un adattamento del suo corpo alla mancanza dei denti. Occorre visita odontoiatrica al più presto con i corretti accertamenti diagnostici, prima di qualunque cura.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La strada per risolvere il suo problema ovviamente esiste, ortodontica e implanto - protesica oppure dento - gengivale e implanto - protesica. Si tratta di un percorso lungo, complesso e piuttosto dispendioso, ma fondamentale in una bocca così compromessa come la sua. Si affidi ad un bravo e preparato collega della sua zona, che possa gestirla con un approccio multidisciplinare mirato al suo caso clinico.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sullo stesso argomento