Menu

Domanda di devitalizzazione

Risposte pubblicate: 15

Ho un dente devitalizzato di cui è rimasta soltanto la radice

Scritto da roberto / Pubblicato il
Ho un dente devitalizzato (+ di 5 anni ) cui è rimasta soltanto la radice, 20 giorni fà avevo la gengiva gonfia con fuoriuscita di pus; dopo aver preso antibiotico il gonfiore-dolore-pus è passato. ho notato però di avere un ematoma (indolore) sulla gengiva. cosa potrebbe essere ??? grazie
Ho un dente devitalizzato di cui è rimasta soltanto la radice
Caro Sig. Roberto, si rechi al più presto dal suo dentista che provvederà alla risoluzione del suo problema programmando l'avulsione della radice. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Caro Roberto,probabilmente il gonfiore è da riferire alla formazione di una fistola con gemizio di pus regredita momentaneamente a seguito di terapia antibiotica. Le consiglio di consultare al più presto il suo dentista per le cure del caso. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Roby41romma.jpg
Caro Signor Roberto...se ho capito bene, si è curato da solo...male molto male...il tipo di antibiotico e la durata della terapia, dopo però accurata visita lo deve stabilire il Dentista!!! O il Medico in mancanza di uno specialista!!! .....EMATOMA...è un termine che forse usa impropriamente perchè il termine indica una raccolta ematica sottomucosa o sottocutanea per trasudazione o rottura di vasi sanguigni!!! = cosa aspetta a farsi visitare da un Dentista...e mi raccomando...per SALVARE la radice, non per estrarla...le lascio a titolo dimostrativo una foto con radici che "chiunque" avrebbe estratto e che invece sono state salvate.............cordialmente suo Gustavo Petti Gnatologo e Parodontologo, Implantologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Signor Roberto prenoti una visita dal suo Odontoiatra, il quale le farà una radiografia endorale e le consiglierà il trattamento adeguato. Potrebbe esser possibile recuperare la radice facendo un ritrattamento endodontico come dover estrarre l'elemento se fratturato....non si preoccupi tutte cose che il suo dentista saprà risolverle. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Alessandro Aglietti
Firenze (FI)

E' solo il raggiunto limite di sopportazione del suo organismo.Deve estrarre la radice.

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)

Si rechi dal suo dentista per una visita accompagnata da radiografie per poter inquadrare il suo caso. La radice che le è rimasta ha un'infezione che, se l'elemento si può recuperare con un ritrattamento endodontico, può essere curata, altrimenti si renderà necessaria un'avulsione. Cordialmente

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Gentile Roberto, una radiografia la aiuterà a trovare la risposta. Molto probabilmente si tratta di un granuloma che nella rx comparirà come un'area radiotrasparente. Si rechi quanto prima dal suo dentista per gli esami del caso e l'eventuale estrazione della radice infetta. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)

Sig. Roberto, potrebbe essere di tutto, occorre subito visita odontoiatrica con diagnosi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Roberto, per poter rispondere alla sua domanda bisognerebbe effettuare una visita ed eventualmente una radiografia che lei può effettuare in modo del tutto gratuito e senza impegno presso il mio ambulatorio di Roma. Per qualsiasi informazione mi può contattare al numero 3384169353. Cordiali saluti. Dottor Alessandro Gentile.

Scritto da Dott. Alessandro Gentile
Tivoli (RM)

Deve farsi controllare dal suo dentista e se non più revuperabile, estrarre il residuo radicolare. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Egr.sig.Roberto, se bastasse la sola terapia antibiotica a controllare il riacutizzarsi di un processo infettivo di un dente con dolore gonfiore e pus, ai dentisti non sarebbe necessario operare all'interno di studi con complesse attrezzature come quelli odierni. Và ancora detto che il reiterato impiego di antibiotici senza il controllo medico porta al pericolosissimo sviluppo del fenomeno della resistenza batterica, in seguito al quale anche una banale infezione di un dente può risultare fatale (ancora oggi.....!) per non parlare delle possibili complcanze di organi distanti come il cuore ed i reni. Se dunque tiene alla salute dell'intera sua persona si rechi al più presto dal suo dentista che saprà consigliarle la cosa migliore da fare. Cordialità

CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luigi Russo
Torre del Greco (NA)

Potrebbe essere la fistola di un granuloma ormai cronicizzato o semplicemente una proliferazione gengivale. Bisogna valutare se è possibile salvare la radice o toglierla.....

Scritto da Dott. Massimiliano Trubiani
Roma (RM)

Caro sig Roberto si rechi subito dal suo dentista per fare una radiografia endorale e valutare la situazione della radice. Non aspetti perchè molto probabilmente la radice è ancora salvabile con un ritrattamento, altrimenti sarà necessario estrarla, che non è mai una soluzione auspicabile. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Gilberto Urbinati
Pesaro (PU)

Gentile Sig. Roberto il suo problema andrebbe valutato con una visita specialistica ambulatoriale, ma molto probabilmente la soluzione più risolutiva è quella dell'estrazione della radice con una successiva riabilitazione implanto-protesica, prima che l'infezione causi danni difficilmente reversibili alla struttura ossea sottostante che dovrà mantenere il più possibile le sue dimensioni per accogliere adeguatamente l'impianto endoosseo. Cordiali saluti Dott. Mario Baviera
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Mario Baviera
Roma (RM)

Caro Roberto sicuramente lasciare una radice devitalizzata in bocca non è una soluzione molto felice. comunque a mio avviso si sarà instaurato un granuloma od una cisti di origine endodontica dalla colonizzazione batterica del canale radicolare o di canali laterali della radice. la soluzione è semplice: o eliminare la radice o, qualora sia possibile ritrattarla eliminando i batteri fonte d'infezione ed eseguire una ricostruzione con perno e successiva corona protesica. Vada dal suo dentista che provvederà a eseguirle una rx e consigliarla sul da farsi distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)