Menu

Domanda di Conservativa

Risposte pubblicate: 8

Ho notato una macchia nera/marrone su un canino

Scritto da Teresa / Pubblicato il
Gentili dottori, ho notato una macchia nera/marrone su un canino -- vi allego una foto. Al tatto, lo smalto in quel punto sembra anche ruvido/danneggiato. Ho fatto da poco una visita dal dentista, che pero' non ha segnalato nessuna carie sul quel dente e purtroppo io ho dimenticato di chiedergli che problema potessi avere su quel canino. Temo che sia una carie. Potete dirmi se potrebbe essere solo una macchia/pigmentazione oppure piu probabilmente una carie? Grazie in anticipo
Gentile Signora Teresa, buongiorno. Attraverso una foto on line non è possibile fare una Diagnosi. Occorre una visita Clinica e Semeiologica oltre che Anamnestica. Non si vede bene da una foto bisogna valutare se scompare con l'igiene orale o no. Con la Visita clinica bisogna fare diagnosi differenziali con altre patologie come displasie dello smalto, alterazioni cromatiche per patologie batteriche, di miceti (funghi), fluorosi, tartaro e tanto altro e la visita comporta tante cose e tante domande. Possono essere solo macchie sui denti. Tutto sta proprio qui. Macchie sui denti. Sono solo macchie causate da fattori estrinseci o intrinseci. Macchie da farmaci, in particolare tetracicline, fluoro in eccesso (fluorosi), e tante altre che compenetrano i prismi dello smalto, la sostanza amorfa interprismatica e si integrano nel suo interno alterandone il colore. Ci sono poi cause sistemiche Mediche generali. Detto questo focalizzerei l'attenzione su displasie e carie ma come posso dirlo con certezza via Web? Esistono Carie Secche e Floride. carie secche "nerastre", non si approfondiscono quindi nello smalto tra i prismi, nella sostanza amorfa di esso. Hanno una evoluzione molto lenta, spesso di mesi od anni! Ovviamente non basta il colore scuro (nerastro) e la localizzazione (nei solchi e nelle fossette delle superfici occlusali e del termine del solco intercuspidale vestibolare e palatale dei molari dei denti posteriori e palatali di quelli anteriori). Occorre anche che lo specillo, passato su esse, non penetri e non senta una superficie rugosa, che indicherebbe che le carie si sarebbero "attivate" e starebbero per diventare "floride" e quindi andrebbero curate! Quindi, come vede, ci sono carie Secche nerastre in cui lo specillo non penetra, Carie secche e nero-brunastre in cui lo specillo penetra, carie floride, visibili Clinicamente anche solo per una diversa traslucentezza diversa dello smalto, tutte carie, specialmente le secche, che devono essere valutate nel contesto della salute della bocca e dell'intero organismo in cui si trovano. Per esempio, una persona che soffre di Parodontite o ha patologie Gnatologiche od Ortodontiche od occlusali, spesso bisogna curare anche le carie Secche. In bocche perfettamente sane no! E così via! Nei Diabetici, si. E come bisogna tenere in considerazione il Diabete, così bisogna tenere in considerazione e valutare le carie in relazione a qualsiasi patologia locale e sistemica. La Diagnosi di Carie da curare, va quindi al di là della semplice constatazione che c'è una carie (o più carie)! Ecco che le Valutazioni diventano Soggettive! E' il Dentista che Decide se una Carie deve essere curata o deve essere tenuta sotto controllo! E' chiaro questo discorso? Quindi, ogni Dentista interpellato ha "Ragione" se ha Visitato e Valutato tutto con Cura! Tra l'altro, se ci fossero patologie parodontali in atto o Gnatologiche serie o Disgnazie non corrette Ortodonticamente, di regola e salvo eccezioni, si devono curare anche le carie "secche" perché trattenendo placca batterica con quella che per noi è una semplice "rugosità" ma per i batteri sono "caverne enormi dove si moltiplicano e diventano anaerobi e scatenano "aggravamenti" delle patologie dette ed anche ovviamente della carie! Ecco perché nella stessa bocca, un Dentista può non trovare carie ed un altro trovarne molte! Esponga il problema al Suo Dentista!!! Per concludere, la Diagnosi di Carie da curare, va quindi al di là della semplice constatazione che c'è una carie (o più carie)! Ecco che le Valutazioni diventano Soggettive! E' il Dentista che Decide se una Carie deve essere curata o deve essere tenuta sotto controllo! E' chiaro questo discorso? Il discorso non è facile, è complesso e non semplicistico ma spero di averle dato tutte le nozioni principali per un Suo Sereno Giudizio! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Teresa, nella mia sfera di cristallo vedo che le era stato applicato un apparecchio ortodontico con attacchi adesivi e vedo anche che il suo odontoiatra non è mancino. Quelle tracce non si vedono solo su quel dente, ritorni dal suo odontoiatra e faccia ricontrollare il tutto.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La foto concerne un problema minimo che dimostra l'impreparazione culturale di chi la ha respinta sulla piazza globale di internet. Esiste una macchinetta che soffia sabbia sulla macchia, come avrà visto fare sulle facciate delle case, e il piccolo difetto dello smalto si schiarisce. Esiste una resina di core incredibile perché uguale al colore del suo dente nel punto fotografato. Spalmato un micrograno di resina, esiste una lampada speciale che la fa indurire. Incredibile, la resina non si stacca mai più. Sotto diga, tempo di lavoro meno di cinque minuti. Senza diga, tre minuti. Prezzo vile, il minimo per un dentista che deve circondarla di cose sterilizzate anche per una lacrima di resina. Adesso (e alzo la voce!) lei deve cercarsi il dentista più caro nei paraggi casa sua, e di affidarsi senza perdite di tempo, e suo e nostro. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bianca Carpinteri
Torino (TO)

Buonasera Signora Teresa. La sola immagine a bassa risoluzione e la mancanza di un riscontro oggettivo consentono solo la formulazione di una discromia potenzialmente cariogena. Sospetto che però andrebbe approfondito con indagini in vivo come l'osservazione anche ad ingrandimento e tutti i test essenziali volti ad escludere patologie demineralizzanti o addirittura cariogena. Cosa che ovviamente è fattibile solo con la visita specialistica. Però due cose sembrano assodate. La negatività sintomatologica depone per una prognosi ottimale e ...la distrazione del collega che si dimentica di spiegarle cosa fare per il canino, posto che la visibilità della macchia è fuori discussione. Ripeto il trattamento sarà possibile e banale. Un saluto.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)

Lo stesso difetto, forse residui di adesivo composito o effetti sullo smalto di debordamenti, si nota dalla foto sul suo premolare in basso a sinistra. Il suo Dentista può aiutarla, basta che glielo faccia notare.

Scritto da Dott. Enrico Cauli
Roma (RM)

E' sufficiente pulirla, senza anestesia (c'è qualcosa anche sul premolare inferiore) e, in caso di piccola cavità residua, eseguire una altrettanto piccola ed estetica otturazione. Sono sicuro che, di fronte alla sua richiesta, il collega le risolverà subito il problema.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Cara signora,
Il collega Ruffoni ha centrato esattamente il suo problema, complimenti al collega!
Lei ha dei residui di cemento ortodontico che al termine del trattamento le è stato lasciato e non solo sul camino in oggetto! Cambi dentista!

Scritto da Dott. Michele Calavalle
Viadana (MN)

Si tratta di una piccola carie venuta nei pressi dell'attacco ortodontico. C'è ancora della "colla" in giro che non è stata rimossa completamente, almeno sembra. Si può curare senza nessun problema, neanche estetico, sembra piccolina davvero. Non desta preoccupazione. Almeno vista da qui..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)