Menu

Domanda di chirurgia

Risposte pubblicate: 7

Mi è venuta una cisti gengivale

Scritto da Ale / Pubblicato il
Buongiorno Dottori vi scrivo perché ho un po'di ansia. Sono stata mercoledì scorso dal mio dentista perché mi è venuta dall'oggi al domani una ciste gengivale lato sinistro vicino al canino. I primi due giorni, prima della visita, avevo dolore e un rigonfiamento sulla guancia, mercoledì giorno della visita nessun dolore tranne se schiaccio la guancia ma mangio senza nessun problema. Cmq venendo al dunque il mio dentista tramite radiografia ha stabilito che si tratta di una ciste, mi ha dato cura antibiotica 1 settimana e questo giovedì 25 maggio per verificare e per effettuare apicectomia (credo si scriva così). Ho letto un po' qua e un po' la e sembra un intervento chirurgico invasivo ma indolore. Ora la mia domanda è questa avendo letto che alcuni dott mandano tutto ad un controllo istologico ma lui non me ne ha parlato. Ho il terrore che possa essere un tumore. E nel caso posso chiedere se lo fa analizzare??? Grazie scusate ma fino a giovedì è lunga inoltre ho smesso l'antibiotico sabato xké mi creava agitazione. Forse anche al pensiero di questo piccolo intervento. Grazie e scusate il disturbo.
Lei probabilmente ha una lesione peri-apicale di tipo cistico (la diagnosi istologica differenziale fra granuloma e cisti è appunto competenza del laboratorio, anche se di fatto non si fa mai perché inutile), che il collega ha optato per trattare via retrograda (con l'intervento chirurgico anche chiamato di apicectomia anche se non è il termine più corretto) piuttosto che per via ortograda. L'intervento, nelle mani di chi lo sa eseguire, ha una buona percentuale di successo ed è indolore (con un modesto post-operatorio); nessun tumore, nessun rischio, infezione cronica di natura odontogena e stop (una volta rimossa, problema risolto, quindi l'istologico è superfluo).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno, non deve agitarsi ma non prenda iniziative nel variare le cure: se le hanno dato 6 giorni di antibiotico li faccia tutti! per le lesiono odontogene normalmente non viene eseguito esame istologico, anche perché la maggior parte possono essere curate senza intervento chirurgico, semplicemente con un buon ritrattamento endodontico per via ortograda (cioè togliendo la "vecchia cura" e ripetendola meglio). ovvio che se la cura è già stata eseguita ad arte dal suo dentista, sotto diga e con i giusti tempi per far agire gli irriganti nei canali, sono magari presenti un perno ed una corona protesica che ricostruiscono il dente, la via chirurgica potrebbe essere l'ideale...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)

dr-gustavo-petti-cagliari-retrograda-235.jpg
Cara Signora Ale, buongiorno. Con rammarico vedo che la Fiducia e la Stima nel Suo Dentista è praticamente inesistente e non è una "bella cosa"! In ogni caso stia tranquilla, se fosse stato un tumore, il Suo Dentista lo avrebbe sospettato: i "segni" sono molto semplici da individuare per fare una Diagnosi differenziale. Si tratta quindi di una osteolisi periapicale che come le ha spiegato molto bene il Dottor Sbarbaro, può essere stata una Cisti odontogena o un Granuloma periapicale e si curano allo stesso modo! Presumo e spero per Lei, che l'apicectomia non sia tale ma sia invece una Retrograda con apice sigillato, che di regola fa l'Endodontista o l'Odontoiatra generico (dato che l'endodonzia e la chirurgia endodontica sono parte integrante dell'Odontoiatria)!L'Apicectomia è retaggio del passato e di alcuni Chirurghi Maxillo Facciali od Orali che non si "intendono" di Endodonzia e chirurgia endodontica, perché non permette il sigillo apicale, accorcia, indebolendola , la radice del dente e non solo non serve a niente ma è causa di recidive per reinfezioni per mancanza del sigillo apicale che non può essere indiscutibilmente realizzato se l'apice non è preparato in modo particolare (a becco di flauto e ritrattato per via retrograda) o appunto una Retrograda.Non bisogna confondere l'Apicectomia con la Retrograda!!!La Retrograda si fa arrivando chirurgicamente all'apice del dente, aprendo l'apice a becco di flauto, lavorando endodonticamente in zona iustapicale e soprattutto concludendo con un Sigillo dell'apice stesso con MTA od Amalgama d'argento chirurgica e quindi sterile e priva di zinco affinché non sia idroscopica e non una inutile e nociva apicectomia e rimozione del granuloma o della Cisti che molto probabilmente se non certamente, si riformerà! Le spiego : di regola basta ed avanza una buona terapia canalare e rifarla se succedesse quello che è successo a lei. Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi. Tolti i microbi con la terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda, se fossero presenti ostacoli insormontabili come perni non rimovibili etc (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Le osteolisi periapicali non sono solo batteriche, però, ma possono anche non avere origine solo da una necrosi endodontica, ma hanno origine, parlo di cisti, anche dai residui epiteliali del Malassez, rete cellulare embrionale deputata alla formazione di cementoblasti che formano a loro volta le cellule del cemento della radice. Queste cellule dette del Malassez prendono origine dalla guaina di Hertwig e stabilisce il limite inferiore dell'organo dello smalto e della futura corona del dente, tra i due si forma la zona del colletto. Da queste cellule possono prendere origine le cisti o più in senso lato le zone di osteolisi periapicale. Nella Apicectomia, la sola Guttaperca endocanalare non può "sigillare"!!! Cosi è! Le lascio una Retrograda affinché capisca meglio. Stia serena e ne parli col Suo Dentista in cui dovrebbe avere molta più Fiducia e Stima, altrimenti che ci andrebbe a fare da Lui? Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Lei non si preoccupa di inviare una radiografia endorale, il suo dentista l'ha eseguita ma lei non si è sentita di chiedergliela, la sua non è una patologia importante? si fidi del suo dentista non deve cercare un genio dell'odontoiatria

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Gentile Sig.ra Ale, personalmente non considero l'apicectomia una procedura invasiva, è molto semplice da eseguire. Il suo dentista non ha parlato di esame istologico perché non serve. In questo caso l'istologico serve solo a porre diagnosi certa tra cisti, granuloma ed altre patologie simili. Ma saperlo non cambia nulla. Siamo anni luce lontani da una formazione tumorale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Sig.ra Ale, può chiedere tranquillamente perché non verrà analizzata la lesione che verrà asportata chirurgicamente e riceverà la corretta risposta. L'importante che lei si sia rivolta a un odontoiatria iscritto all'ordine dei medici, che è responsabile delle sue cure

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Ha tutto il diritto di avere un esame istologico, anche se perfettamente inutile, contenta lei, da me avrebbe una spesa aggiuntiva di circa € 200, decida lei..........

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)