Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 15

A 19 anni ho ancora i canini decidui e dietro, in corrispondenza di questi, mi sono cresciuti quelli permanenti

Scritto da Valentina / Pubblicato il
Buonasera come ho anticipato ho 19 anni e 4 canini, nel senso che oltre a quelli da latte che non mi sono ancora caduti, dietro in corrispondenza di quest'ultimi sono cresciuti ormai del tutto i canini nuovi. Il problema è che risulta insufficiente lo spazio affinchè estraendo i denti da latte, i canini nuovi (di dimensione leggermente + grande) si posizionino regolarmente. Dalla panoramica inoltre risulta la presenza dei denti del giudizio non ancora visibili a occhio nudo, per tale motivo lo spazio non si può recuperare spostando i premolari indietro. Adesso ciò che vorrei sapere è se è possibile recuperare lo spazio ricercato per l'inserimento dei canini nuovi indossando un apparecchio che mi allarghi il palato, il quale è molto stretto, in quanto non vorrei mai che per recuperare il medesimo si facciano sporgere gli incisivi i quali già a causa della forza impressa dai canini dietro sono diventati lievemente sporgenti. Anche se la mia occlusione non presenta anomalie. Quindi la mia domanda è dati questi presupposti si può recuperare spazio allargando il mio palato dato che comunque la differenza di grandezza tra i canini da latte e quelli nuovi è di qualche millimetro o occorre ricorrere all'estrazione di qualche premolare per soddisfare i miei bisogni?? Attendo le vostre risposte. Grazie.
Sig. Valentina, le sue proposte possono essere tutte valide, ma per conoscere la più opportuna, occorre una visita clinica, con rilievo delle impronte dentali e accertamenti radiografici, da cui può nascere uno studio del suo caso. Darle dei consigli senza queste basi ci può essere il rischio di non applicare la giusta terapia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Le confermo quanto detto dal collega che mi ha preceduto. Dopo la visita lo specialista in ortognatodonzia eseguirà un completamento diagnostico sui modelli in gesso della sua bocca con l'analisi dello spazio e sulla teleradiografia del cranio con l'analisi cefalometrica e sarà così in grado di proporle una valida terapia.

Scritto da Dott. Pio Attanasi
Venezia (VE)

E' assai difficile poter pianificare un trattamento ortodontico in tali condizioni. Il piano di cura deve fondarsi su una attenta analisi degli spazi e della tipologia scheletrica facciale. Per questo è necessario effettuare una visita clinica ed esaminare radiogrammi e modelli di studio. Solamente in liena di massima, per quanto ho capito dalle sue parole, posso anticipare che appare improbabile che lei possa trovare tutto lo spazio che le manca in arcata solamente espandendo il palato, a patto che sia necessario fare questo e che ancora sia possibile ortodonticamente. Lei ha ormai 19 anni e potrebe essere necessario procedere con una espansione mascellare chirurgicamente assistita. Si rivolga ad una persona esperta sia che sia una che pratica l'ortodonzia da anni, sia che sia specialsita od esclusivista.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Pradella
Padova (PD)

Cara Valentina, credo tu abbia necessità di un buon ortodontista che ti prenda le impronte, che tu faccia oltre rx opt anche due rx cranio laterale e frontale dopo sviluppare un tracciato cefalometrico. Infine il tuo ortodontista di fiducia attraverso dei calcoli precisi potrà valutare gli spazi e quindi determinare il piano di trattamento che potrebbe prevedere anche l'espansione palatale e se ciò non dovesse essere sufficiente procedere valla avulsione terapeutica di denti premolari anche se perfettamente sani. Per quanto attiene i denti del giudizio sappi che normalmente, in base alla posizione ed agli spazi nonchè ai sintomi, si procede molto spesso alla rimozione degli stessi denti del giudizio in disodontiasi. Certamente nessuno senza impronte rx crani modelli di studio potrà suggerirti cosa fare: se rimuovere o meno i denti premolari. Sarebbe un consiglio scorretto ed incompetente. se vorrai, potrai fare queste cose e, poi, dopo che tu farai visionare in rete il tuo tracciato cefalometrico i colleghi potranno pronunciarsi correttamente. Credo che il tuo problema sia la scelta dell'odontoiatra di fiducia, giacchè hai le idee confuse. In Calabria io non ho conoscenze, ma invece conosco un grosso centro odontoiatrico, tra altro convenzionato con il sistema sanitario nazionale e molte prestazioni si possono fare semza onere economico. Tale centro si trova in Crotone e si chiama calabrodental.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Francesco Inchingolo
Barletta (BA)

Sig. Valentina, ha ragione il Prof. Inchingolo, senza tracciato cefalometrico non è possibile dare un consiglio.

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Concordo con le risposte dei colleghi, con una visita specialistica ortodontica il collega potrà proporle tutti i possibili piani di trattamento, valutandola sia clinicamente che attraverso l'ausilio di rx ed impronte!

Scritto da Dott. Marcello Scafidi
Agropoli (SA)

Cara Valentina prima di effettuare un piano di trattamento è necessario fare uno studio del caso tramite la valutazione degli esami rx: ortopanoramica e telecranio, dei modelli.

Scritto da Dott.ssa Alessandra Schirripa
Roma (RM)

In una tarepia ortodontica spesso ci possono essere più strade giuste per arrivare allo stasso risultato, sia l'espansore rapido del palato che un distalizzatore (nonostante i denti del giudizio si deve valutare) possono essere validi ci vuole la visita e tutta la trafila della progettazione siamo sempre là. Saluti

Scritto da Dott. Carlo Del Deo
Napoli (NA)

Cara Valentina l'unica cosa da fare è farsi visitare da uu ortodonzista che le descriverà il piano terapeutico migliore da attuare. Avremmo bisogno di foto e rx per esserle di aiuto. Saluti

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Signorina, il suo problema non sembra essere particolarmente complicato. Lo spazio mancante può essere recuperato, e per farlo ci sono varie tecniche, ma non può avere qui una risposta davvero esauriente. Deve recarsi presso uno studio dentistico e farsi visitare da un ortodontista che le prenderà delle impronte, le farà fare delle radiografie, eseguirà uno studio dettagliato del suo caso (cefalometria, set-up ortodontico, ecc.) e poi le illustrerà un piano terapeutico, mostrandole al computer o con dei modelli in gesso, come potrebbe migliorare la sua dentatura dopo la cura. Scelga con fiducia un professionista specialista in ortodontia, magari anche tra quelli presenti su questo portale. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia