Menu

Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 18

SEGUITO ALLA DOMANDA: Ho 19 anni e devo fare un ponte dentale

Scritto da Rosy / Pubblicato il
Buonasera, sono la ragazza di 19 anni che ha postato recentemente il proprio problema e in quest'altra domanda vi allego anche la foto attuale dei miei denti. Voglio chiarire che il mio dentista mi ha sconsigliato l'impianto dato che c'erano le radici dei denti tra l'incisivo centrale e laterale destro troppo vicine e quindi non è stato possibile aumentare ulteriormente lo spazio. Vi ripropongo il mio problema: non mi è nato proprio un incisivo laterale e all'inizio avevo optato per l'impianto, ma il mio dentista notando le radiografie mi ha consigliato il ponte dato il problema delle radici. Mi ha consigliato un ponte a 4 denti sui 4 incisivi anteriori, due centrali e i due laterali. Mi ha suggerito di fare un ponte a 4 denti anche perchè ho un incisivo laterale al lato opposto da ricostruire. Io sono un pò preoccupata per il ponte:avendo 19 anni, ho paura del lavoro estetico che possa farmi il dentista ed ho paura che non siano abbastanza resistenti o che mi possano dare fastidio. Confido in voi, sono molto insicura su cosa fare. Vi ringrazio per le risposte già date nella domanda precedente,molto gentili ed esaurienti. Vi ringrazio inoltre per la pazienza. Cordiali saluti.
SEGUITO ALLA DOMANDA: Ho 19 anni e devo fare un ponte dentale
Gentile Rosy, purtroppo una foto non è dirimente. Non si possono esprimere pareri solo sulla base di un racconto e di una foto. La diagnosi è frutto di una serie di eventi quali una visita accurata ed analisi di radiografie appropriate. Il consiglio che posso darle è quello di consultare un buon implantologo per sostituire il dente mancante poichè 4 corone in ceramica a 19 anni mi sembrano francamente troppe per sostituire un dente. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Io consiglio due cose Rosy. Di cambiare completamente rotta per l'igiene personale. Dalla foto si vedono (almeno sembra) accumuli di placca antichissimi. In pratica si può forse sostenere che tu non riesci a lavare i denti.. Per la sostituzione dei denti mancanti consiglio Maryland Bridge. E' una tecnica molto meno invasiva del ponte, facile e dà effetti estetici ottimi davvero.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Cara Signora Rosy. Non sta a noi sindacare sull'operato del suo Dentista. Se il suo Dentista ha deciso che la soluzione migliore per lei è questa, si affidi a lui. Non possiamo noi via web dire è giusto o e sbagliato, faccia un impianto o altro. I casi sono due o ha fiducia nel suo Dentista e ne segue le direttive terapeutiche o non l'ha ed allora chieda un parere ad un altro Professionista e scelga poi in base alla fiducia che le esprimono! Una sola cosa dovrebbe chiarire col suo Dentista: parla di ponte a quattro elementi, questo significa che il laterale dx che manca lo vuole fare pensile (appeso) o si è sbagliata lei e voleva dire quattro pilastri e 5 elementi? Partendo dal canbino dx fino al laterale sinistro. Questo perchè il dente pensile è altamente sconsigliato perchè crea una leva fisica sfavorevole con futuri problemi e patologie qualsiasi sia il materiale usato. Se invece è appoggiato anche sul canino, non ci sono problemi. Per l'estetica coi materiali di oggi, come lo zirconio porcellana e la tecnologia CAD - CAM non ci sono assolutamente problemi. Anche con l'oroporcellana non ci sono problemi estetici o funzionali, dipende dalle preferenze del Dentista e dala situazione clinica! Le ho già risposto e questa è la seconda volta. Legga sul mio profilo:"Le protesi dentali fisse Excursus su i vari tipi di protesi fisse. Consigli e suggerimenti per i pazienti" Scritto da me e da mia Figlia Claudia per voi pazienti. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Dalla sola foto non è possibile stabilire se sia possibile posizionare un impianto, è necessaria una OPT per valurare la posizione delle radici dei denti adiacenti e lo spazio in altezza dell'osso, si potrebbe posizionare un impianto di diametro ridotto, ma con una buona lunghezza, in alternativa concordo per un Maryland-Bridge(Ponte incollato), la soluzione del ponte è a mio avviso troppo invasiva per sostituire un unico dente. Cordialmente Dr. Paolo Formenti

Scritto da Clinica dei dottori Molinari W. e Formenti P
Monza (MB)

Il consiglio e' quello di insistere con l'implantologia magari facendo un "sacrificio" di tipo ortodontico per migliorare la posizione delle radici. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Paolo Vavassori
Stezzano (BG)

Gentile Rosy, dall' immagine poco chiara non si riesce a farsi un 'idea dellospazio tra l'incisivo ed il canino e senza la visione della lastra è difficile stabilire se è possibile o meno mettere un impianto. La soluzione che lei ha riportato sembra poco praticabile: ponte di 4 elementi significa che l'incisivo laterale destro verrebbe a sbalzo cioè sospeso e questo non va MAI fatto. Le consiglio pertanto, viste le sue perplessità di richiedere un altro parere ad uno specialista in implantologia. Siamo disponibili ad esaminate il suo caso ed a farle il nostro parere. Le ricordo che la visita presso il nostro centro è gratuita. Cordialmente, dott.Stefano Squillante CENTRO INMED Viale degli Astronauti 8 80131 Napoli Tel. 0817419148
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Stefano Squillante
Napoli (NA)

Gentile Rosy, concordo col consiglio del collega a proposito del Maryland bridge: nella mia precedente risposta le avevo consigliato un ponte (CBW) CROWNLESS BRIDGE WORK, che come concezione è analogo al Maryland, ma leggermente diverso per gli attacchi posteriori. Ne parli col suo dentista..si faccia anche fare una detartrasi e si faccia consigliare sull' igiene domiciliare. Auguri

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Premesso che una singola foto senza una analisi ed uno studio approfondito non basta a programmare un piano di cura, il consiglio che le posso dare è di riposizionare correttamente i denti in modo da ricreare lo spazio per l'incisivo laterale mancante e poi raggiunta la maturità scheletrica fare un impianto.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Gentile Rosy, prima di farmi limare i due incisivi a 19 anni ci penserei molto molto bene....ci rifletta!!!! è chiaro che per mancanza di elementi di valutazione(modelli studio, ceratura diagnostica, lastre) non posso aggiungere altro. Buon pomeriggio

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Qualcuno mi deve ancora spiegare se sia più difficile fare un ponte in zona fortemente estetica come la sua, fatto come si deve e che duri un minimo di anni sufficiente a controbilanciare la perdita biologica della limatura dei denti o se lo sia eseguire un impianto nella medesima zona dove la gestione dei tessuti molli (indispensabili per la riuscita estetica) è considerata unanimemente una delle cose più problematiche e non predicibili. Sinceramente ci chiede una cosa molto difficile, ovvero dirimere tra una e l'altra soluzione. Che dire? sulla carta entrambe le soluzioni potrebbero essere giustificate o giustificabili, io sceglierei la cosa meno "menomante" ovvero l'impianto, ma è chiaro che è necessario prima recuperare un pò di spazio. A voi la scelta.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Sig. Rosy, per riabilitare la mancanza dell’incisivo laterale DX, ci sono metodiche più o meno invasive, se la proposta arriva da un odontoiatra iscritto all'ordine, non ci sono grossi problemi, se cosi non fosse ricerchi una soluzione meno invasiva.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Rosy, la soluzione implantare e/o del maryland bridge per la sua giovane età mi sembra la più conservativa. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile Sig. Rosy, e certo che una radiografia ci farebbe molto comodo per valutare meglio gli spazi di un eventuale impianto, che le darebbe la possibilità  di escludere la monconizzazione di denti sani. Anche nel caso in cui non ci fosse lo spazio necessario, valuterei un' approfondimento ortodontico ai fini di poterlo ricercare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Gent.ma Rosy, non la starò ancora a tediare sulla igiene dal momento che è già stata giustamente “strapazzata” da molti Colleghi che mi hanno preceduto nella risposta. Purtroppo manca una OPT (Radiografia Panoramica) o almeno una semplice radiografia diretta che si può fare in qualunque Studio Odontoiatrico che sarebbe/sarebbero importanti per decidere il tipo di intervento più appropriato per Lei. Però si può notare come la “mezzeria” (la linea verticale tra i due incisivi centrali superiori) sia spostata verso destra di due-tre millimetri che sono quelli che hanno chiuso lo spazio per il Laterale Destro; può notare anche come questo spostamento (ovvero lo spostamento a destra di entrambi i centrali) abbia comportato la generazione di un diastema tra il centrale di sinistra e il laterale di sinistra. Orbene, come hanno sottolineato alcuni Colleghi, la terapia corretta per Lei (anzi secondo me l'unica corretta) è di fare una semplicissima terapia Ortodontica e spostare il complesso dei due incisivi centrali verso sinistra cercando di eliminare lo spazio a sinistra tra 21 e 22 (centrale Sx e laterale Sx) recuperando lo spazio a destra per il laterale (12). Se farà così vedrà che nello spazio per il laterale ci entrerà anche....il Dentista. A quel punto fare un bell' impianto non presenterà alcun problema. Consideri che si possono fare aumenti di osso qualora fosse in quantità modesta per un risultato ottimale, peraltro oggi sono in commercio impianti molto sottili. Non da sottovalutare la possibilità di metter impianti e monconi in Zirconia (Ceramica bianca di colore identica al dente). Quello che mi sento di raccomandarLe di cuore è di rifletterci bene prima di accettare soluzioni che coinvolgano i suoi bei denti (sporchini ma belli) delle quali si potrebbe pentire amaramente. Resto a Sua disposizione per eventuali altre domande e/o chiarimenti. La saluto cordialmente. Distinti saluti 09-06-2011 Dott. Sandro Lazzeri Medico-Chirurgo Odontoiatra Via V. Emanuele, 1 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) Implantologia e Chirurgia Orale
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sandro Lazzeri
Castelnuovo di Garfagnana (LU)

Gent.ma Sig.na Rosy, approfondirei il tema del trattamento ortodontico per ridistribuire lo spazio disponibile per i 4 incisivi , e nel contempo centrare le linee mediane. Dopo l' ortodonzia non ci dovrebbero essere problemi di spazio tra il centrale di destra e il canino per posizionare un impianto, tranne che per eventuali problemi di sottigliezza eventuale della cresta ossea (peraltro oggi solitamente risolvibili chirurgicamente). Optando per questa scelta alla fine non dovra' "toccare " i denti limitrofi....... Ci sarebbe poi un altra opportunita' da valutare attentamente con un esame obiettivo completo, teleradiografia, panoramica e una serie di fotografie intra ed extraorali che sarebbe quella di ottenere la chiusura dello spazio di agenesia(dove non è nato il dente) tramite ortodonzia in modo che non si debbano fare nè impianti nè protesi.......Cordiali saluti Maria majolino
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Majolino
Genova (GE)

Gentile signora, "il ponte a 4 elementi" rappresenta la terapia riabilitativa che il suo dentista sintetizza al termine di un percorso diagnostico che passa attraverso una serie di esami, di cui quello obiettivo e quello radiografico ne rappresentano solo alcuni. Dai dati da essa inviatici mi sento di poterle così dare solo un consiglio in termini generali, per il quale prima un trattamento ortodontico e poi la sostituzione del solo incisivo mancante con implantoprotesi, maryland bridge o quant'altro potrebbero rappresentare una più che valida alternativa a quanto suggeritole dal collega. Cordialità, dr Luigi Russo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luigi Russo
Torre del Greco (NA)

Purtroppo la foto non è utile per una diagnosi precisa. Consideri che se la mancanza di spazio è legata alla convergenza delle radici dei denti prossimi alla sede dell'agenesia, si potrebbe aumentare tale spazio con un trattamento ortodontico preimplantare. Valuti attentamente tale possibilità se vuole evitare una riabilitazione protesica più estesa e complessa, Cordialmente Prof. Dott. Russo Ciro Specialista in Ortognatodonzia.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

Gentile Sig. Rosy, la solo foto no è dirimente per valutare gli spazi, credo sarebbe utile un trattamento ortodontico per creare lo spazio e quindi potere mettere l'impianto, comunque non è facile fare un piano terapeutico senza fare la visita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Saverio Leone
Cinisi (PA)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.