Menu

Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 3

Sono donna e ho 31 anni. In passato ho trascurato i denti

Scritto da Anna / Pubblicato il
Gentili Dottori, Sono donna e ho 31 anni. In passato ho un po' trascurato i denti ma, da circa 6 anni, mi reco ogni 6 mesi dal dentista per la pulizia dei denti in quanto ho una produzione di tartaro abbastanza pronunciata. Mia madre ha perso molti denti a causa della parodontite (trascurata) e io sono abbastanza spaventata per questo motivo. Il mio dentista di fiducia mi ha sempre tranquillizzata dicendo che svolgiamo un'ottima prevenzione e che attualmente non vi è segno di parodontite. Vi sono però due problemi che mi destano preoccupazioni su cui però il mio dentista ha cercato più volte di tranquillizzarmi: Circa 3 anni fa ho messo un impianto a causa di un dente cariato, il suddetto impianto si è osteointegrato perfettamente e non mi ha mai dato alcun problema, se non che la gengiva intorno al dente è sparita. Mi sono molto preoccupata della cosa ma il mio dentista mi ha assicurato che capita e che non c'è nulla di prologico. Secondo problema: la scorsa settimana, seguito pulizia dei denti, ho individuato un puntino tra i due incisivi inferiori. Spaventata, mi sono recata dal mio dentista che mi ha comunicato che non c'è malattia parodontale ma che probabilmente c'era già ma non si vedeva per via del tartaro che spesso si accumula in quella zona. Il mio dentista è un ottimo professionista ma ho come la sensazione che voglia minimizzare o non dirmi tutto. Mi ha aggiunto che se si tratta di estetica, mi manderebbe da un parodontologo per effettuare un innesto gengivale ma PURAMENTE per un fatto estetico e non perché vi sia qualcosa. Chiedo a questo punto un parere da voi allegando una foto. Grazie Un saluto
Sono donna e ho 31 anni. In passato ho trascurato i denti
Cara Signora Anna, Buongiorno. Mi fa fare una "parte" antipatica ma, dato che Lei chiede io ho il dovere di risponderle al meglio, nel Suo interesse! anzitutto mi preoccupa il sentire da Lei che sia "sparita" la gengiva intorno all'impianto. Cerchi di inviare una foto fatta bene a fuoco per capire meglio. Dato che mostra la gengiva aderente e libera e la linea di giunzione muco-gengivale frontale inferiore, ritengo che questa sia la zona in cui si dovrebbe fare l'innesto libero di gengiva: bene, anzi male. Ha una quantità di gengiva aderente più che sufficiente e quindi non deve essere aumentata con chirurgia mucogengivale di qualsiasi tipo perché le piccole recessioni che ha a livello degli incisivi, non creano patologia, non raggiungendo la linea di giunzione mucogengivale che separa la gengiva aderente dalla mucosa alveolare più scura ed elastica che si trova apicalmente (più in basso) a formare il fornice che si riflette sulle labbra. Recessioni così piccole si possono trattare con semplcissimi interventini di chirurgia muco-gengivale parodontale estetica tipo lembi semilunare, lembi di tarnow,Innesto bilaminare e sue varianti come un lembo coronale posto a copertura di una membrana secondo i principi della GTR (Guided Tissue Regeneration = Rigenerazione tissutale guidata)! Imperativo è fare questo intervento prima di eventuali terapie di erosioni dello smalto cervicali per non alterare l'attacco epiteliale al dente! Queste sono tutte nozioni che un buon Parodontologo conosce bene! Stia tranquilla, sono "routine di tutti i giorni"! Badi che bisogna fare diagnosi differenziale tra erosione e recessione perché purtroppo non pochi odontoiatri si confondono, a volte, in situazioni in cui le una si sovrappongono e coesistono con le altre! Le lascio un Poster di alcuni interventi mucogengivali. Gli innesti liberi che vedrà tra essi sono avvenuti per la presenza di una recessione gengivale con una banda insufficiente di gengiva aderente o necessità, come l'ultimo in basso a Dx per un approfondimento del fornice,(cosa che lei, ripeto, gentile Signora, non ha!). Questo per darle una idea della miriade di interventi e quindi di Diagnosi Differenziali che un parodontologo deve fare!Legga nel mio profilo "VISITA PARODONTALE" e tutto quello che vorrà leggere delle mie pubblicazioni sulla Parodontite e soprattutto sulle Recessioni Gengivali! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE
petti-gustavo-parodontologo-ca-recessioni-203.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Anna, la certezza che lei rimanga con questo difetto alla papilla non l'abbiamo, forse con delle corrette manovre di igiene dentale domiciliare, dettate da un igienista dentale il tutto è recuperabile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Una singola fotografia non è di grande aiuto ai fini diagnostici, e sicuramente è giusto mantenersi controllati semestralmente.
Il consiglio che le posso dare è di recarsi, magari con una maggiore insistenza, dal suo dentista per avere una diagnosi clinica diretta e precisa su eventuali problematiche parodontali in atto.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sullo stesso argomento