Menu

Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 6

Il dente continua a farmi male, è super sensibile al freddo e sta cambiando colore

Scritto da Maria josefina / Pubblicato il
Salve, Io uso un apparecchio interno, non so se esiste un nome, ma per intenderci quel filo metallico che si mette dopo aver usato un apparecchio.. Il cinque settembre, ho avuto un incidente e ho colpito un dente davanti che si è spostato di millimetri più internamente. Sono andata il giorno dopo dal dentista che ha solo guardato e ha detto che non si è mosso nulla. E mi ha liquidata. Ma ora dopo una settimana e mezza il dente continua a farmi male, è super sensibile al freddo e sta cambiando colore, e si vede che si è mosso più internamente, tra l'altro il mio dentista aveva detto che anche l'apparecchio interno era giusto e tutto, ma due giorni fa mi è saltata via una parte di colla dal dente affianco... È in situazioni "gravi" il mio dente ? Devo magari andare da un altro denstista ? Purtroppo ora mi trovo una settimana in Svizzera, e torno il 24, devo sospendere e tornare in Italia o una settimana fa poca differenza? Grazie mille per la vostra disponibilità Buon weekend
Cara Signora Maria Josefina, buongiorno. Il filo metallico di cui parla è una contenzione fissa di fine Terapia Ortodontica, evidentemente! Il dente di cui parla probabilmente ha subito una lussazione per il trauma. Non sarebbe bastato "guardare ma si sarebbe dovuta fare una valutazione della mobilità, una Rx endorale e soprattutto una Diagnosi sulla Vitalità Pulpare! Infatti sembrerebbe che il Suo dente stia "andando in necrosi pulpare" probabilmente per sofferenza del peduncolo vascolo nervoso a causa del trauma. La Sofferenza Pulpare va valutata clinicamente e con Rx Endorale (la panoramica non serve a niente), con stimoli termici con il caldo e con il freddo, esistono liquidi che spruzzati su un batuffolino di cotone con cui toccare il dente abbassano la temperatura improvvisamente da 37° a -4° e le garantisco che se c'è patologia pulpare, la si scopre, il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo, il processo è reversibile perché si tratta di semplice iperemia attiva come spiegato più sotto e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite perché si tratta di iperemia passiva e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito spesso , a seconda della situazione clinica e dell'operatore, sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa, qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente va devitalizzato. LE SPIEGO QUALCHE COSA: Nella iperemia attiva il dolore è dovuto semplicemente ad un maggior afflusso di sangue nel dente tramite l'arteria che lo porta, dovuto ad un meccanismo di difesa nei confronti dello stimolo irritativo, questo maggior afflusso causa una pressione dentro il dente che è inespandibile e comprime le terminazioni nervose causando dolore esacerbato dagli stimoli termici, in questo caso il processo è reversibile, la polpa si abitua ed in qualche giorno o settimana tutto scompare!Se invece il danno causato dalle tossine dei microbi continua si ha una alterazione della vena che fa uscire il sangue dal dente e succede che il sangue arriva con l'arteria e non esce più con la vena danneggiata, si ha pressione che può anche scatenare dolori forti, tipici della Pulpite acuta o essere talmente leggera da non causare dolori in questo caso anche molto lenta, le cellule della polpa del dente, arterie, vene, linfatici e tessuto nervoso, muoiono = necrosi e si può formare una zona di osteolisi periapicale (pallina nera alla Rx endorale) intorno all'apice della radice = granuloma, cisti. IL DOLORE DA NECROSI è invece sordo profondo e non pulsante. Potrebbe avere delle sinalgie, infatti esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata. Per valutare il Parodonto basta fare un sondaggio Parodontale con un sondino parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti (senza limitarsi a quello in causa apparente)Per le patologie Endoparodontali, esse sono un sovrapporsi o un "misto" delle due descritte! Il confine tra iperemia attiva e passiva non è a volte così ben distinto e distinguibile e si può diagnosticare una iperemia attiva mentre invece la polpa si trova in un momento di passaggio tra la attiva e la passiva ed ecco che si può allora fare una otturazione come è stata fatta ed avere poi il dolore per l'esplosione immediata o a distanza di tempo della iperemia passiva e quindi della pulpite che porta alla terapia endodontica del dente! Chiaro? Tutto questo è normalissima routine Odontoiatrica ed Endodontica! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Il suo splontaggio rigido ha presumibilmente avuto qualche problema, e probabilmente la visita di controllo è stata un pò superficiale, ma una settimana non cambia nulla. Certo che è il caso comunque di tornare dal suo dentista, che credo valuterà meglio il problema (forse il dente traumatizzato deve essere devitalizzato) e correggerà lo splint...si tratta di routine non di diagnosi e terapie complesse.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

I traumi vanno visti proprio immediatamente. Dal 5 settembre ad oggi è passato tanto tempo, e a questo punto, forse può aspettare ancora fino al 24 senza troppi problemi spero. Non saprei come valutare, ma se ci manda una foto molto ben fatta forse si capisce di più. Faccio due osservazioni: lo splint (la legatura) può averla protetta da maggiori conseguenze del trauma. Lo spostamento invece potrebbe essere forse non la conseguenza del trauma (sarebbe serio) ma una recidiva ortodontica, ovvero si è staccato lo splint e il dente si è spostato perchè non stabile ancora ortodonticamente. Cioè è tornato un po' storto perchè non più bloccato. Questo sarebbe meno grave di uno spostamento dovuto al trauma. Le mie sono solo ipotesi di fantasia. Non tardi a farsi vedere
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sig. Marina ora il dente deve essere rivisto con una corretta diagnosi al più presto; poi nell'occasione è possibile stabilire se le cure si possono rimandare. Le consiglio non trascurare la situazione.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caso Clinico Semplicissimo. La botta ha causato una piccola lussazione, e in tempi brevi non se brevissimi va fissato ortodonticamente. Poi bisognerà eseguire la terapia canalare, che in mani esperte ha il 99 per cento di probabilità di riuscire perfettamente. Il 100 per 100 non esiste mai, neanche se io e lei camminassimo in una via trafficata senza scendere dal marciapiede. Stia tranquilla. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Gentile signora, dal quel che riporta credo che il suo dente, molto probabilmente, stia andando in necrosi...detto questo dovrà essere il suo dentista con opportune ed adeguate verifiche a fare diagnosi ed attuare il giusto piano terapeutico.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)