Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 14

Tre anni fa ho fatto due impianti nell'arcata inferiore e ho applicato tre denti in ceramica

Scritto da chantal / Pubblicato il
Tre anni fa ho fatto due impianti nell'arcata inferiore e ho applicato in un blocco unico tre denti in ceramica. Da venti giorni il blocco si muove ma gli impianti sono fissi. Il mio dentista dice che non si può rimuovere il blocco perchè è stato fissato con una lega in titanio che rovinerebbe l'attacco dell'impianto stesso e quindi di aspettare. Se si stacca da solo lo reincolliamo altrimenti devo tenere questa cosa che si muove che mi fa anche parlare male. Cosa ne pensate, come mai si è allentato a causa della pulizia? Cosa può succedere ora? visti i costi che ho sostenuto non vorrei che tutto il lavoro fosse da rifare anche perchè non ho dolore. Cordialmente ringrazio fin d'ora
Se si muove meglio rimuoverlo definitivamente e riposizionarlo in modo stabile in quanto muovendosi possono rovinarsi le componentistiche e infiammarsi i tessuti. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Sig.ra Chantal, occorrerebbe il parere del suo odontoiatra per poterle dare una corretta risposta, inviti il suo odontoiatra a pubblicare il suo caso nel forum a lui riservato che trova su questo sito.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara Signora Chantal, le corone protesiche vanno rimosse assolutamente a costo di "tagliarle". A parte la sua spiacevole sensazione descritta soprattutto nel parlare e con la quale NON DEVE, assurdamente convivere, si creano danni gnatolgici, precontatti nelle disclusioni canine, incisive e in relazione centrica nocive per l'occlusione e per la salute delle ATM, nonché per il tessuto gengivale , gli impianti stessi e l'osso in cui essi sono integrati! Chiaro? :) Cari saluti

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile signora Chantal le corone protesiche andrebbero rimosse anche per evitare quella sensazione spiacevole di movimento che lei avverte. Il rischio è quello di un eventuale frattura della ceramica ma purtroppo questo rischio va corso per risolvere la situazione, buona fortuna e cari saluti

Scritto da Dott. Roberto Bosio
Brescia (BS)

Cara signora sicuramente, se non esiste dolore, si tratta di un allentamento delle vitine di fissaggio moncone/impianto deve rimuovere solo il ponte, stringere le viti e rifare il ponte che, sicuramente, il suo dentista dovrà tagliare, ma sono sicuro che troverete un accordo per un lavoro in garanzia. Saluti

Scritto da Dott. Edoardo Agrillo
Roma (RM)

Gentile Paziente, credo che si siano allentate le viti di fissaggio che serrano i monconi agli impianti. Perché può avvenire questo inconveniente? Se ne vuole sapere di più cerchi su google "A proposito di connessione impianto moncone" Gustavo de Felice, Il Dentista Moderno UTET. Leggerà un mio articolo sull'argomento. Se fosse una mia Paziente, smonterei la protesi provvedendo al rifissaggio; l'allentamento delle viti di connessione potrebbe causare danni agli impianti, oltre al fastidio che è costretta a sopportare. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Gentile Sig.ra Chantal, la protesi va rimossa e non aspettare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Concordo al 100% con quanto esposto dai colleghi. Le sue corone protesiche devono assolutamente essere rimosse, per evitare danni importanti agli impianti - gengive - parodonto in generale oltre che gnatologici. Capisco che probabilmente la protesi sarà irrimediabilmente rovinata. Dovrebbe trattarsi, da quello che scrive, di una protesi cementata (se fosse avvitata, non ci sarebbero problemi) e quindi probabilmente si è scementata oppure si sono parzialmente svitate le viti dei pilastri, e, se risulta impossibile rimuoverla con il classico martelletto, andrà segata e ri-fatta (a spese del collega). Purtroppo può capitare, per svariate motivazioni (la protesi su impianti è complessa tecnicamente e più soggetta a complicanze rispetto alla tradizionale) e nel caso sarà compito di chi l'ha operata intervenire e non attendere ulteriori sviluppi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gent.ma Chantal, la rimozione delle corone e la garanzia sul lavoro eseguito, Le proveranno la serietà del suo dentista. Buona giornata

Scritto da Dott. Luigi Piola
Legnano (MI)

Gent.ma Sig.ra Chantal, il suo dentista conosce esattamente quello che ha fatto, noi possiamo solo andare per deduzione. Il problema dovrebbe essere dovuto ad un allentamento delle viti che fissano agli impianti i perni moncone su cui sono cementati i denti del ponte. E' un'eventualità possibile e spiacevole delle protesi cementate su perni avvitati sugli impianti. Se la loro cementazione è provvisoria (ossia fatta con cementi non troppo aderenti e solidi) è possibile decementare il ponte e stringere bene di nuovo le viti dei perni (eventualmente cambiarle per sicurezza). Se il cemento è di tipo "definitivo" purtroppo non rimane altro che bucare le corone alla ricerca del foro d'accesso alla vite del perno per poi svitare il tutto e provare a rimuovere le corone dai perni con un particolare procedimento. Se dopo tale operazione le corone sono ancora sufficientemente integre si possono riavvitare insieme ai perni sugli impianti chiudendo poi i fori d'accesso con composito. Se invece il rivestimento ceramico è troppo danneggiato purtroppo è necessario rifare il lavoro protesico, conservando i perni moncone e la struttura metallica del ponte (se possibile). Si faccia consigliare dal suo dentista ma il mio consiglio è di non convivere assolutamente con una tale condizione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)

Faccia rimuovere il ponte, fissare i monconi, se si sono allentate le viti, e rifissare sopra il ponte. Il rischio è che se si stacca del tutto, potrebbe anche ingoiarlo o inalarlo, se continua a muoversi, trattiene più placca, e diventa dannoso per gengive e osso che sostengono gli impianti. Aspettare non è la scelta ideale. Staccarlo potrebbe provocarne il danneggiamento della ceramica, ma si può sempre riparare. Saluti.

Scritto da Dott. Enrico Cauli
Roma (RM)

Gent.ma Sig.ra Chantal, la mobilità come espresso dai colleghi apporterebbe ulteriori problemi. Gli impianti come i suoi di larga maggioranza bifasici, hanno la qualità che in caso di traumi nella masticazione, si allentano nelle viti di connessione per poter salvaguardare la natura dell'impianto stesso. Il ripristino deve essere svolto nel più breve tempo possibile, dopodiché bisogna intervenire apportando miglior serraggio delle viti con il controllo della masticazione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Talvolta è la vite di connessione del moncone che si allenta, e per fissarla, cioè riavvitarla deve essere tolto il ponte, è un po' noioso rimuoverlo, ma è più rischioso tenerlo così poiché si può avere la frattura della vite e da un problema noioso si passa ad un problema più rischioso

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

I colleghi hanno perfettamente ragione: rimuovere le corone rifissare i monconi, magari con accessori antisvitamento forniti da alcune marche di impianto e sopratutto CALIBRARE bene la masticazione ( eqiulibratura). Spesso i problemi di instabilità sono da ascriversi a piccole incongruenze occlusali complicate da parafunzioni ( digrignamenti etc) Cordiali saluti

Scritto da Dott. Roberto Rigano
PAVIA (PV)