Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 16

L'uso di questi impianti in ceramica è sicuro?

Scritto da stefania / Pubblicato il
Buongiorno. Devo sottopormi ad un intervento di implantologia relativamente a denti classificati con i numeri 11, 21, 22 (come da preventivo), e ho saputo che esistono anche gli impianti in ceramica al posto del titanio, e tali impianti sono usati in casi clinici particolari o su richiesta stessa del paziente (come sarebbe nel mio caso). Vorrei sapere se l'uso di questi impianti in ceramica è sicuro e collaudato, dal punto di vista del risultato, esattamente come avviene per gli impianti in titanio, o ci sono possibili controindicazioni? Grazie.
Sig.Stefania, sicuramente questi impianti sono certificati secondo le normative vigenti, il successo implantologico e il risultato non possono essere garantiti perchè sono influenzati da molti fattori. Le consiglio di non eseguire richieste personali da persona non competente, proponendole di parlarne con il suo odontoiatra lasciando a lui ogni responsabilità di scelta.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

L'utilizzo degli impianti in ceramica pur essendo presente da molti anni presenta una casistica infinitesimale rispetto a quella in titanio senza reali vantaggi. A tutt'oggi la maggior parte degli operatori preferisce gli impianti in titanio, impianti che hanno alle spalle un numero nettamente maggiore di studi scientifici con ne comprovano l'efficacia. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Cara Signora Stefania, buongiorno. Guardi su richiesta del paziente, no! Il materiale sia degli impianti che delle corone protesiche lo sceglie il Dentista in base alla situazione clinica. I vari materiali si integrano nelle varie situazioni cliniche e si può dire che per ogni bocca c'è il materiale più idoneo per durezza, elasticità, rigidità. Non mi dilungo ma fare implantologia e fare protesi è un atto Medico-Chirurgico Odontoiatrico serio e le caratteristiche dei materiali le conosce solo il Dentista, non certo il paziente. Il paziente può avere dei desiderata che però poi devono essere "vagliati" dal Dentista che spiegherà ed informerà il paziente di tutto! Non è che perché lei si sia irrazionalmente o per pubblicità o per sentito dire o per il "girovagare" su internet, innamorata degli impianti in ceramica, debbano essere fatti in ceramica. Il Dentista valuterà la sua clinica, la qualità del suo osso e tanto altro, dalla gnatologia alla parodontite (che andrebbero ovviamente prima curate) e deciderà poi quale sia la pianificazione terapeutica migliore e più adatta a Lei! Tutto questo glielo avrebbe dovuto spiegare il Suo Dentista. Ne parli con Lui. Chieda a Lui. Egli deve informarla e lei deve solo dare o non dare il consenso! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gli impianti in ceramica possono essere utilizzati nei casi di pazienti con biotipo gengivale sottile in aree della bocca a forte valenza estetica (come nel suo esempio, zone anteriori delle arcate dentarie). La scelta su quale tipo di impianto utilizzare spetta al dentista, in base al quadro clinico e alla sua esperienza perchè ottimi risultati estetici si possono ottenere solo con una corretta gestione delle estrazioni per prevenire dannosi riassorbimenti ossei, corretto posizionamento degli impianti (quindi è necessaria una pre-valutazione protesica del risultato che si vorrà raggiungere), corretta gestione e maturazione dei tessuti molli, corretta esecuzione del manufatto protesico finale. Consideri anche che gli impianti in ceramica, rispetto a quelli in titanio, presentano studi clinici e follow up multicentrici a livello internazionale meno numerosi e con meno anni di controllo sulla loro sopravvivenza.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Buongiorno, gli impianti dentali in ceramica non sembrano avere avuto un grosso successo anche alla luce del fatto che il materiale usato, la zirconia, inserito nell'osso, non sembra essere il più indicato. Si ricorda che in ortopedia le protesi in zirconia sono state abbandonate perchè ci si è accorti che il materiale ceramico, inserito nel tessuto osseo, dopo pochi anni subiva dei cambiamenti strutturali. Per ora il Gold Standard rimane il titanio. Altro discorso è la sovrastruttura, cioè il materiale con cui sono costruiti i denti che vanno posizionati sopra gli impianti; questi possono essere in zirconia-ceramica o metal-ceramica etc., materiali assolutamente biocompatibili e sicuri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Amato
Borgoricco (PD)

La scelta del tipo di materiale da utilizzare deve essere discussa e valutata con chi la opera. Tenga conto che: impianti in Titanio = casistica 100; impianti in Zirconia = casistica 1. Si possono trovare indicazioni per questi impianti in zone ad altissima valenza estetica e con biotipo gengivale estremamente sottile, anche se in realtà le indicazioni di fatto sono molto limitate e sopperibili con altre metodiche parodontali per risolvere eventuali inestetismi residui. Per non parlare dei costi, decisamente più elevati.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno Stefania, come spesso accade per effetto della pressione dell'industria l'utente è indotto a pensare che un materiale sia superiore ad altri senza che ci siano dati che garantiscano il successo. Il problema non è il materiale con cui è fatto l'impianto ma il posizionamento dell'impianto che, in caso di errore, può provocare problemi estetici molto difficili da risolvere.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Buongiorno: personalmente uso solo impianti in titanio, non avendo sufficiente casistica positiva per quelli in "ceramica".

Scritto da Dott. Luca Bolzoni
Milano (MI)

I miei colleghi hanno già detto tutto. Mi permetto di ribadire data la mia esperienza trentennale in implantologia, avendo sperimentato di tutto e di più, tra cui anche impianti in ceramica, impianti in zirconia etc, Le mie conclusioni sono che a tutt'oggi l'impianto in titanio è il miglior tipo di impianto che c'è, adatto in tutte le situazioni. Eventualmente, in casi di esigenze particolari di estetica, si può mettere, al posto di un moncone metallico, un moncone in zirconia, ma l'impianto resta sempre in titanio. La seconda cosa che vorrei ribadire, è che non è il paziente che può imporre la sua scelta di materiali al dentista, magari dopo avere consultato i vari siti commerciali presenti in internet. No, Non funziona così. E' il dentista, tra l'altro unico responsabile di tutto ciò che fa in bocca al paziente, che può consigliare le varie soluzioni possibili al paziente ed il paziente infine sceglie.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Floriano Petrone
Torino (TO)

Gentile Sig.ra Stefania, non è il materiale dell'impianto che può garantire una migliore estetica, ma il corretto inserimento. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Gli impianti in titanio sono i migliori testati scientificamente da molti anni

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Leggo in ritardo tutte le risposte dei miei colleghi che sono esaustive in modo che non saprei aggiungere altro. L'avverto che il suo atteggiamento è tipico di chi pensa di spendere troppo poco per le sue eccezionali pretese. Le auguro di incontrare un dentista che sia capace di accontentarla a dovere. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Scusi, ma che cosa le cambia se usa impianti in ceramica invece di quelli in Titanio super collaudati?

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Si tratta di OTTIMI impianti e di tecnologia all'avanguardia. Trova una trattazione dell'argomento sul mio sito, che viene approfondita sui due link

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)

Gli impianti in titanio hanno moltissimi studi scientifici con ne comprovano l'efficacia, cosa notevolmente inferiore riguardo gli impianti in ceramica. Il titanio è un materiale assolutamente biocompatibile. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Antonella Scorca
Bari (BA)

Buongiorno attualmente esistono due tipi di impianti quelli in titanio, i più diffusi, e quelli in zirconio. Quest'ultimi sono impianti più estetici di quelli in titanio e vengono inseriti in pazienti con intolleranza al titanio. La biografia e' contrastante sulla presunta radioattività dello zirconio medicale. Gli impianti in zirconio sono monofasici (un solo pezzo) e pertanto un po' più difficili da inserire rispetto a quelli in titanio. I due tipi di impianti si equivalgono e a secondo del quadro clinico del paziente, delle sue esigenze estetiche e funzionale e dalla capacità dell'operatore sarà possibile scegliere la sistematica più appropriata
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Studio Odontoiatrico Dr. David Marri
Firenze (FI)
Riccione (RN)