Menu

Domanda di devitalizzazione

Risposte pubblicate: 17

Ma come è possibile una infezione se il dente era devitalizzato?

Scritto da stefania / Pubblicato il
Salve, circa 10 anni fa il mio dentista ha devitalizzato il mio dente. Ora ho avuto un ascesso e dalla visita e dalla lastra il dottore ha visto che c'era una infezione e mi ha detto che il dente andava tolto. Ma come è possibile una infezione se il dente era devitalizzato? mi ha risposto che capita, capita nonostante le lastre e tutti i metodi per vedere se è stato devitalizzato bene. La mia domanda è: non è che ha semplicemente sbagliato 10 anni fa e invece di ammetterlo mi dice che è normale? non è che avrei diritto ad un trattamento gratuito o ad un risarcimento (dato che il dente ormai non c'è più?)
Ma come è possibile una infezione se il dente era devitalizzato?
Cara Signora Stefania, io non posso valutare la sua situazione clinica reale e quindi non posso rispondere. Ha già avuto la risposta dal suo Dentista. Da noi vuole solo indicazioni aggressive Medico-Legali! Non è deontologico nei confronti di nessuno rispondere a questa sua assurda richiesta! Sia più leale e sincera e piena di fiducia nel suo Dentista se vuole essere ripagata con la stessa moneta da lui! Questo è il mio consiglio.In ogni caso dal punto di vista Medico Legale 10 anni sono una successo terapeutico! I motivi di infezione sono mille e la quasi totalità sono al di fuori delle cause iatrogene, ossia del Medico! Non capisco quindi cosa vuole recriminare ma anzi dubito che stia cercando un modo di "fare soldi" e non mi piace il suo atteggiamento. E' scorretto! Glielo dice uno che ha fatto il CTU (Consulente Tecnico D'Ufficio, ossia il Perito per il Giudice in parole semplici)per il tribunale di Cagliarti per circa 25 anni e che tutt'ora fa perizie di parte! Vuole una Perizia di parte? Allora non scriva qui ma contatti un Perito!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia, e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia ed Endodonzia, la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Stefania, il suo dentista avrà certamente messo in atto tutta la sua scienza e coscienza per salvarle il dente ma, purtroppo, la medicina e l'odontoiatria non sono scienze che garantiscono un assoluto risultato positivo e, soprattutto, se non vengono effettuate le visite periodiche di controllo semestrali. Ritengo, pertanto, che, anzichè, pretendere un risarcimento o quant'altro dovrebbe ringraziare il suo dentista per averle consentito di tenere per 10 anni il suo dente in bocca. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile Stefania, purtroppo non è possibile è poterle dare risposte certe senza alcun elemento oggettivo. Prima di togliere il dente le consiglio un possibile ritrattamento che spesso può risolvere il problema. Solo in ultima analisi si deve ricorrere all'estrazione del dente stesso. Se lei non è soddisfatta del responso può sempre richiedere un consulto ad un endodontista esperto. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Allora: suppongo che 10 anni fa avesse male a quel dente e sia andato dal dentista, che reputò inevitabile la cura endodontica. Poi il male passò suppongo. E' andato dal suo dentista ogni sei mesi per i controlli? In questi controlli non è emerso nulla di anormale? L'ascesso che ha avuto in questo periodo è stato un fatto isolato? Oppure ha avuto dei sintomi? Non credo, tra l'altro, che una cura fatta non approppriatamente possa durare dieci anni, per cui delle due l'una: o il suo dente è stato curato bene e si è ammalato dopo (in modo non necessariamente collegato alla cura eseguita) oppure il dente si è cariato e ammalato ma la mancanza di sintomi, e quindi di controlli ha creato la necessità di estrarlo. In tutti e due i casi credo che un risarcimento o un intervento gratuito (che indicherebbero un errore da parte del curante 10 anni fa) sia fuori luogo, ma preferirei che ne parlasse apertamente al suo dentista. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Gentile Sig.ra Stefania, in medicina e pertanto anche in odontoiatria non esiste mai il successo del 100% anche operando con scienza e coscienza. Pertanto sono effettivamente cose che capitano. I motivi sono molti e per descriverli sarebbe lungo. Comunque come già scritto si può vedere tutta la vicenda sotto altra luce. Per 10 anni il suo dentista le ha salvato il dente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Il dente devitalizzato è suscettibile ad una infezione proprio perché non è più vitale e non può biologicamente resistere ad una infezione

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

A volte un dente devitalizzato può dare reazioni apicali a distanza di tempo per diversi motivi. Ci può essere stata una difficoltà tecnica all'inizio nel sondare i canali oppure ci può essere qualche canale accessorio che non si evidenziava bene in radiografia o altri tipi di difficoltà in cui non mi dilungo. Questi residui di polpa necrotica possono a distanza di tempo indurre una risposta infiammatoria da parte dell'organismo e formare quello che si chiama granuloma, di cui avrà sicuramente sentito parlare. A volte può essere rimosso con un'apicectomia intervento chirurgico che toglie l'apice del dente. Ma occorre sempre valutare la situazione clinica. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabrizio Fiorentini
Roma (RM)

Gentma Stefania, è impossibile risponderle dal momento che non abbiamo nulla su cui basare un giudizio. La medicina non è scienza esatta, impone di agire con perizia, prudenza e diligenza ma non è richiesta certezza di risultato. Sono certo che il Collega ha agito secondo i dettami che ho summenzionato. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

In effetti la risposta del collega è sensata, e non per difesa della categoria ma anche se raramente può capitare che una devitalizzazione eseguita sotto diga a regola d'arte, possa dare a distanza di tempo qualche problema, anche se a rigor di logica non dovrebbe. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Dieci anni non sono pochi. In tutto questo tempo nessun problema? Ci sono stati dei controlli in dieci anni? Credo che se sono passati dieci anni e non ci sono stati problemi le cose all'epoca sono state fatte secondo le regole. Purtroppo il tempo ed il lavoro usurano e rovinano tutto. Poi senza elementi si può dire ben poco. Quel dente dieci anni e stato tirato fuori dalla fossa. Il mio maestro era solito dure che la devitalizzazione e l'unica alternativa all' estrazione. Cordialmente

Scritto da Dott. Massimo Orefice
Triggiano (BA)
Massafra (TA)

Non sono in grado di darle una risposta esauriente, perché non ci fornisce altri elementi (soprattutto delle radiografie) per poterle dare una risposta sensata. Tenga conto che in linea di principio un dente già devitalizzato che produce un ascesso normalmente non viene tolto, ma ritrattato endodonticamente (per via ortograda o retrograda). Se però l'ascesso è secondario ad una frattura della radice allora non c'è altra soluzione. In quest'ultimo caso è vero che può capitare la complicanza senza alcun preavviso e non esiste cura che non sia l'estrazione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)

Sig. Stefania, devitalizzare un dente non significa renderlo eterno; quella devitalizzazione ha permesso a questo dente di affrontare circa 10.000 pasti, ora trova il coraggio di parlare di errori, risarcimenti e trattamenti gratuiti, le sembra giusto? Se la stessa cosa fosse successa alla riparazione dell'auto, avrebbe chiesto un risarcimento?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara signora Stefania, le devitalizzazioni , fatte anche a regolad'arte, con tutti gli strumenti innovativi e tecnologici che ci sono oggi ( e la sua devitalizzazione è stata fatta 10 anni fa) può capitare che il trattamento non raggiunga lo scopo e questo non perchè il medico non sia stato bravo ma per altri motivi che sono tanti che possono dipendere anche dall'anatomia del tuo dente, ma tanti altri. TI CONSIGLIO DI fare prevenzione: controlli semestrali e igiene, al fine di conservare i tuoi denti in salute. Un abbraccio
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Giacinta Ferrulli
Altamura (BA)

La lapidazione avveniva fuori dal campo, nell'epoca nomade, o della città più tardi I testimoni erano tenuti a scagliare la prima pietra . Gesù contesta il diritto di chiunque ad eseguire una simile pena: "E, siccome continuavano a interrogarlo, egli, alzato il capo, disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva in terra. Essi, udito ciò, e accusati dalla loro coscienza, uscirono a uno a uno, cominciando dai più vecchi fino agli ultimi; e Gesù fu lasciato solo con la donna che stava là in mezzo. Gesù, alzatosi e non vedendo altri che la donna, le disse: «Donna, dove sono quei tuoi accusatori? Nessuno ti ha condannata?» Ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neppure io ti condanno; va' e non peccare più»" (Giovanni 8:7-11).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Mininno
Corato (BA)

Cara Stefania, il suo dentista ha eseguito un trattamento che ha permesso al suo dente di rimanere nella sua bocca per dieci anni. Nessun trattamento odontoiatrico come avrà potuto accorgersi dalle risposte dei colleghi è per tutta la vita. Sia contenta dei risultati ottenuti fino ad ora. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Gent. Sig Stefania Ringrazi di aver poturo tenere in bocca un dente ( ma quale dente: monoradicolato, pluriradicolato, con infiltrazione della prima otturazione fatta, con probabile frattura radicolare? Non possiamo saperlo perchè non allega nessun esame radiografico) devitalizzato 10 anni fa, sicuramente bene se è durato tanto senza problemi precedenti. Anch'io come altri colleghi prima di me mi chiedo se ha fatto una prevenzione accurata, visite periodiche e controlli radiografici ogni 6 mesi, come consigliamo ai nostri pazienti: probabilmente i problemi sarebbero emersi prima e, chissà, forse si sarebbe evitata l'estrazione. Pensare di chiedere un riscarcimento è una cosa assurda e lo è ancor di più se non si è fatta prevenzione negli anni. Un dente devitalizzato è un dente sottratto alla " pinza " , sottoposto a rischio di frattura più di un dente vitale, non è un dente " corazzato " per resistere a tutto.. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Graziella Cuccuru
Bosa (OR)

Gentile signora, a chiosa dei ragionevoli e dotti interventi dei Colleghi, vorrei solo dire una cosa: lei ha 29 anni, quindi il dente è stato devitalizzato quando ne aveva 19, pertanto giungere dal dentista per fare una cura che lo obblighi a devitalizzare un dente ad una 19enne significa soltanto che lei ha trascurato molto i suoi denti, allora. Ha seguitato a comportarsi così? Comunque 10 anni sono un periodo molto lungo....per imputare al suo dentista di allora la causa della situazione attuale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)