Menu

Domanda di chirurgia

Risposte pubblicate: 6

Un mese fa ho subito un intervento di rialzo del seno mascellare

Scritto da Mirna / Pubblicato il
Gentile dottore, un mese fa ho subito un intervento di rialzo del seno mascellare. La sera ho avuto un sanguinamento dal naso che si è fermato quasi subito. Il giorno successivo qualche goccia ancora, ma di lieve entità. Il mio problema è che, dall' intervento, avverto un gocciolamento retronasale frequente. A volte dura giornate intere, poi si arresta un giorno per poi ricominciare. Il naso è libero, respiro benissimo, ma la sensazione è molto fastidiosa. Mi sono curata con antibiotici per la sinusite, prima compresse, poi punture. Ho preso anche del cortisone. Il tutto su indicazione dell' otorino. Ora mi sottoporro' a una tac del massiccio facciale per vedere cosa ci sia. Vi chiedo: è possibile che qualcosa non abbia funzionato nell' intervento? Cosa posso fare? Vi allego la lastra immediatamente successiva all' intervento. Grazie per l' attenzione.
Un mese fa ho subito un intervento di rialzo del seno mascellare
Cara Signora Mirna, buongiorno. Che dire senza Visita Clinica e Semeiologica e Radiologica adeguata! Da quanto riferisce si potrebbe sospettare una "comunicazione oro-antrale" ma solo la Visita ed analisi potrebbe confermarlo perché parla di " gocciolamento retronasale frequente" che potrebbe essere dovuto anche ad altre cause "interne" al seno mascellare come possibile ma solo sospetta conseguenza dell'intervento di Rialzo del Seno. Si è pensato all'implantologia ma la Gnatologia della bocca sembrerebbe non essere stata valutata dato che vedo (anche se la Rx OPT non è idonea, una "inclinazione" mesiale degli ultimi molari superiori e dell'inferiore dx! Fare implantologia senza valutare gnatologicamente e riportare in occlusione questi molari è "discutibile"! Vedo anche sospette disarmonie del profilo osseo e mi e le domando se sia stata fatta una visita Parodontale. Le spiego velocemente: Occorrono due visite cliniche strumentali, semeiologiche e anamnestiche, intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e Root Planing e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente, col Curettage e Scaling e Root Planing! Contemporaneamente si fa una valutazione delle tre disclusioni canine, in lateralità ed incisive in protrusiva per valutare la presenza o no di precontatti e il mantenimento delle Curva di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale e la terza curva di compensazione, detta di Monsen. Ed ancora i Movimenti Mandibolari nei Tre Piani Spaziali e l'Angolo e meglio ancora il Movimento di Bennet, il movimento del Condilo Lavorante e di quello Bilanciante. E' opportuno anche valutare con l'arco facciale di trasferimento, la posizione Spaziale della Base Cranica perché la mandibola, rispetto alla mascella ha infinite posizioni e lei potrebbe avere una posizione "viziata" per tanti motivi non ultimo quello disgnatico! Si valuta anche la Postura tramite una analisi computerizzata stabilometrica perché la "disfunzione gnatologica può essere primaria e causa discendente di una patologia posturale o secondaria ascendente da una patologia posturale primaria! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica anche implantologica che è l'ultima cosa! Chiaro? Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Un caso di accanimento implantologico?? Il dr. Petti giustamente mette l'accento sulla parte gnatologica. Comunque è passato solo un mese. Può essere un tempo del tutto normale se c'è qualche fenomeno conseguente al rialzo.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sig. Mirna, che non tutti questi interventi vanno a buon fine è contemplato, le hanno fatto firmare anche un consenso dove veniva spiegato tutto. Cosa può far,e non lo dobbiamo stabilire noi a distanza, ma il suo odontoiatra. Speriamo che tutto si sistemi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Mirna, purtroppo la panoramica non è di nessun aiuto. Bisogna anche capire cosa vuol dire "gocciolamento retronasale", poi di cosa:sangue, muco? Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Dalla radiografia panoramica sembra tutto ok, ma ovviamente questa può non essere sufficiente per una diagnosi completa. Vero è, come sottolineato dal collega, che non è passato molto tempo dall'intervento effettuato, anche se, in ogni caso, è sempre meglio rivolgersi a chi l'ha operata per avere un quadro migliore della situazione.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno Signora Mirna. Non mi è chiaro il ruolo dell'otorino nella sua vicenda visto che l'intervento di grande rialzo glielo avrà fatto il dentista. Per cui le risposte le deve ricevere proprio da lui. Quello che viene da pensare è che ci sia stata una qualche lesione della membrana che separa l'innesto di osso particolato ( che è poi ciò che materializza il rialzo e l'espansione volumetrica cercata previa scollamento della membrana che riveste il seno mascellare ) dalla cavità paranasale residua. Solo il tempo ci dirà se i processi di guarigione permetteranno una completa integrazione ossea dell'innesto con successiva implantologia. Non credo neanche nella utilità attuale di una tac che dimostrerà certamente la presenza dell'innesto ed una infiammazione della membrana o un suo ispessimento o magari un qualche altro danno. Di positivo c'è il fatto che non le fuoriescano i granuli di particolato innestati ciò che non depone , almeno in teoria, per lacerazione della membrana.
Se non insorgono complicazioni, (sinusite) , lascerei passare del tempo prima della tac che posporrei di qualche settimana. Eviti però di esporsi a perfrigerazioni o di farsi contagiare dai virus respiratori che la esporrebbero al rischio sinusite con possibilità di compromissione dell'intervento fatto.
Auguri e cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)