Menu

Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 4

SEGUITO ALLA DOMANDA: PROBLEMI CON PROTESI TOTALE SUPERIORE ED INFERIORE

Scritto da Giusto / Pubblicato il

Dichiarazione di conformità direttiva 93/42 CEE. su protesi superiore ed inferiore. Buongiorno, la direttiva consegnatami non è corrispondente al lavoro eseguito, questo potrebbe comportare dei problemi qualora dovessero verificarsi delle anomalie alle protesi stesse? sulla dichiarazione viene riportato il lavoro eseguito, avendo però un errore sulla descrizione di un impianto, che sia nel preventivo iniziale, che nella dichiarazione stessa riporta un impianto sul dente 43, in realtà l'impianto è eseguito sul 41; questo che cosa potrebbe comportare? si deve solo correggere oppure deve essere rifatta la dichiarazione? ai fini delle garanzia questo errore potrebbe comportare delle difficoltà..grazie anticipatamente.. cordiali saluti Giusto

Domanda Precedente

Caro Signor Giusto, buongiorno. A prescindere da tutto ciò che segue, ne parli col suo Dentista e non On line! Non è corretto verso il Suo Dentista! Primo, non conosco la sua situazione Clinica locale e Sistemica quindi non posso rispondere on line! Posso solo dire che è scorretto e non simpatico, nei confronti del suo dentista, questa sua sfiducia così profonda tanto da chiedere on line un giudizio sul suo operato! Noi non siamo Giudici ma Medici che devono seguire una Deontologia Professionale e Culturale! Siamo qui, almeno io, per dare consigli ai pazienti per alleviare le vostre sofferenze e non per giudicare l'operato dei Colleghi! Per quanto riguarda i suoi "Diritti di Paziente" non rispondo da queste pagine perché non è il "Luogo adatto" alle discussioni di Medicina Legale o meglio di Odontoiatria Legale! Lo dico con cognizione di causa, facendo io Perizie Medico Legali del Massiccio Facciale ed Odontostomatologico ed avendo vissuto in prima persona questa "Specialità" in veste di CTU (Consulente Tecnico del Tribunale di Cagliari) ossia il Perito di Fiducia del Magistrato per oltre 25 anni della mia ultratrentennale Professione! Si rivolga ad un Perito (non ci si inventa Periti!!!) e ad un Avvocato! Senta, Valuti e poi decida! Guardi che "costa" e sarebbe meglio che spendesse questi soldi per una adeguata Terapia anziché "avventurarsi" in una Lunga Diatriba Legale che le farebbe il "sangue amaro per i prossimi 20 anni e con esito molto ma molto incerto! Questo è il mio Consiglio Personale! Poi faccia come ritenesse giusto per se stesso. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig. Giusto lo faccia presente e chiarisca con il suo odontoiatra, forse lei potrebbe non aver chiara la posizione di 41 rispetto alla 43. La posizione 41 non è la prediletta per gli impianti. La dichiarazione di conformità, non è una garanzia, perchè sulle prestazioni mediche non è prevista e non necessitano di garanzia. Le rilasciano forse una garanzia dopo un intervento di appendicite?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Buongiorno Signor Giusto. Sinceramente non capisco se le diano più fastidio le protesi o l'errata formulazione della conformità odontotecnica. Ed in ogni caso possono essere corrette entrambe! Se si è reso conto che la "numerazione" era errata a inizio poteva esprimerlo subito. Ovvio che poi l'errore è destinato a rimanere se non viene banalmente corretto!
La responsabilità professionale e deontologica non si nascondono dietro un documento cartaceo ma si concretizzano nell'operato ovverosia in quel complesso ed articolato processo di atti sequenziali di competenza esclusiva del professionista che agisce su espresso mandato.
L'adeguatezza di un dispositivo protesico su misura si certifica con la conformità nel rispetto della legge 93/42, ma non si esaurisce in essa poiché la legge garantisce il rispetto dei requisiti produttivi non l'abilità dei
"produttori" o la talentuosità del manufatto! Del resto neanche una Laurea Specialistica garantisce l'eccellenza professionale ma solo il possesso dei titoli abilitanti.
Quindi, se nel complesso il lavoro ricevuto risulta soddisfacente e conforme agli accordi basta correggere il documento cartaceo altrimenti bisogna percorrere altre strade. Tenga infine presente che non c'è un termine minimo di decadimento delle garanzie contrattuali circa la durata di una protesi. Ovvio che ad esempio due anni sono pochi e che dieci non lo sono.
Si rivolga quindi con tranquillità al suo dentista che potrà comporre questo equivoco con buona pace di entrambi!
In quanto alla reale posizione di denti ed impianti una semplice ispezione ed una radiografia smascherano l'errore e rendono obsolete le conformità che sono responsabilità del professionista estensore del certificato e non certo sua che non è tenuto a conoscere né la disciplina medica né quella odontotecnica!
Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)

Basta informare il suo Dentista di quanto ha rilevato.
Sicuramente provvederà alla correzione (se è da fare) del Fascicolo contenente tutto l'iter che è stato fatto dal Collega e dal Laboratorio Odontotecnico perché quanto è stato costruito ed applicato nella Sua bocca risulti Dispositivo Conforme come riassunto nella Dichiarazione di Conformità a Lei rilasciata che in tal caso sarà corretta.

Scritto da Dott. Ettore Ferramosca
Vicenza (VI)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.