Menu

Domanda di ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 11

A mio figlio è stata diagnosticata una II classe incisivo scheletrica e I prima classe dentale

Scritto da Sandro / Pubblicato il
Buongiorno, volevo chiedervi un parere su un approccio propostomi per mio figlio di 12 anni. Gli è stata diagnosticata una II classe incisivo scheletrica e I prima classe dentale. Presenza di morso profondo e palato ogivale. Abbiamo avuto diversi pareri, alcuni contrastanti pesantemente tra di loro, specialmente per quanto riguarda il palato ogivale ed il suo trattamento mediante espansore rapido. Alcuni hanno sostenuto che l'espansore, malgrado il palato ogivale, fosse assolutamente controindicato perché in presenza di una I classe dentale, mentre altri hanno sostenuto la necessità dell'espansore per correggere il palato, anche se questo significava perdere la I classe che poi sarebbe dovuta essere ripristinata mediante apparecchio ortodontico. Essendo due versioni abbastanza divergenti, mi piacerebbe avere un parere da parte Vostra. Ringrazio per l'attenzione e porgo cordiali saluti Sandro
Gentile Sandro, è ovvio che se si sentono svariati pareri si avranno diverse risposte che non fanno altro che confonderla ulteriormente. Il trattamento ortodontico deve risultare da una serie di analisi come una accurata visita con studio di impronte e radiografie. Solo in questo modo si potrà avere una giusta diagnosi fondamentale per una corretta terapia. Capirà quindi che tramite web è impossibile fare una giusta valutazione. Posso però sicuramente consigliare di consultare un validissimo professionista che opera nella sua città che è il dott. Petti che sicuramente le saprà dare tutte le giuste risposte. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Impossibile dare consigli con i dati che ci invia. Senz'altro la I classe molare non va persa a causa dell'apparecchio, io credo. Provi una visita dal dr. Petti di Cagliari, vero luminare in odontoiatria, presente qui nel forum, per un parere, senza però collezionarne troppi!

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Innanzitutto non esiste una 2a classe incisiva; SE POI è 1A CLASSE DENTARIA VA BENISSIMO. Importante POTER RESPIRARE BENE COL NASO, NON A BOCCA APERTA. Se respira col naso non usare l'ERP (espansore) perché inutile. La tele poi dimostra uno spazio respiratorio ampio- senza adenoidi. La lingua sembra ben posizionata sul palato. Il sovramorso appare poco aumentato (il normale dovrebbe essere 2-3mm) Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

Caro Signor Sandro, buongiorno. Non posso esprimere pareri via Web, senza una Visita Clinica. Non sono tra l'altro un Giudice delle Diagnosi dei Colleghi! Posso solo informarla su alcuni concetti anatomo-ortodontici importanti: Sappia solo che, l'espansione del palato è più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia espansiva e meglio è. Anche intorno ai 5 anni. Detto questo avendo suo figlio 12 anni, è ancora nei "tempi utili". Per il resto, non basta postare una teleradiografia ed una OPT e devo quindi ribadire per l'ennesima volta che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica oltre ad una valutazione fisiopatologica della postura e funzione della lingua, oltre che della postura in generale della colonna vertebrale! Bisognerebbe come minimo fare una verifica della corrispondenza tra Età Scheletrica ed età Anagrafica. Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche! Non dimenticando il metodo della Maturazione Vertebrale Cervicale in particolare per l'identificazione del picco puberale nel tasso di crescita cranio-facciale e le correlazioni tra gli indici carpali come l'SMS e quelli vertebrali come il CVS, il CVMS e il CS dove quest'ultimo indica il picco di crescita mandibolare! Come vede, non basta una "occhiata e via"! La Visita Odontoiatrica ed una pianificazione terapeutica sono Atti Medici importanti e Colti! Ne parli col suo Dentista! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Buonasera Sandro, premesso che non ho tutti i parametri necessari per poter fare una diagnosi e quindi un piano di trattamento serio, posso dirle che valuterei l'utilizzo dell'espansore rapido solo nel caso in cui il palato ogivale causasse un cross-bite (morso incrociato) destro, sinistro o bilaterale ( in parole più semplici se l'arcata superiore fosse più stretta di quella inferiore) Saluti 

Scritto da Dott. Carlo Aru
Cagliari (CA)

Gentile signora, sarebbe interessante valutare sia l'estetica del viso di suo figlio che una impronta da studio. Quello che mi suggerisce la documentazione che ha postato mi porta a pensare che tutto il problema si incentri sulla forma e posizione della mandibola che appare fortemente ruotata posteriormente tanto da costringere ( mi sembra ) suo figlio a contrarre il mento per tenere unite le labbra dandogli un profilo in cui la "zona naso labbro superiore" risulta fondamentalmente armonica mentre il mento appare molto arretrato. Questa strutturazione, spesso anche indotta da una respirazione a bocca aperta, comporta un affollamento inferiore (rotazione del canino inferiore di sinistra) ed una etrusione degli incisivi che ,nel tentativo di entrare in contatto, creano il falso morso profondo che descrive. Riguardo alla espansione direi che se il rapporto trasversale dentale è buono, non la eseguirei . Devo dirle pero' che purtroppo una eventuale modifica di queste caratteristiche scheletriche potrebbero comportare una correzione chirurgica in età adeguata, opportunamente preceduta da una preparazione ortodontica. Mi spiace di avere forse aggiunto ulteriori dubbi a quanti non ne avesse già ma le consiglio caldamente di rivolgersi ad un ortodontista qualificato che potrà consigliarla evitando di eseguire inutili terapie. 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Sig. Sandro, suo figlio andava intercettato e curato molto prima, ecco l'importanza della visita semestrale. Quando ci sono pareri contrastanti i professionisti devono comunicare tra di loro e voi pazienti vi dovete comportare correttamente con la massima trasparenza. Lei ha sottoposto suo figlio a visita con accertamenti e le è stato rilasciato uno studio del caso da un professionista; nutre qualche dubbio, per cui deve comunicarlo a questo professionista e farselo rilasciare per poi sottoporre suo figlio a un'altra visita a parere. Richiede visita a parere dal secondo professionista, esso rivaluta il caso e scrive il suo parere, poi ritorna dal primo professionista e lo consegna chiedendo spiegazioni, se ci sono pareri contrastanti lo s'invita a contattare il collega per un accordo terapeutico. Questa è una prassi semplice, seria e trasparente che la maggior parte dei pazienti non segue, perchè è abbagliato dalle pubblicità che promettono visite, RX e tant'altro in forma "gratuita", per cui buona parte di poveri pazienti entrano in questo tunnel, dove i regali devono essere pagati da quelli che accettano i preventivi e escono con la confusione che si ritrova lei ora, per poi buttarsi nel mondo di internet dove la confusione verrà elevata a potenza. Le consiglio il collega e amico Dott. Petti che svolge la professione nelle sue zone e che da vecchio amante della materia le darà insieme alla figlia il massimo della sua esperienza.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Dalla teleradiogragia, sembra una Prima scheletrica, non seconda,,,,a 10aa,,in genere non metto il disgiuntore rapido....sono a sua disposizione per una vista, nel mio studio a Cagliari. Cordiali saluti Cristina cortis

Scritto da Prof. Cristina Cortis
Cagliari (CA)

Penso che dalle tante risposte che ha avuto da vari colleghi abbia capito che non si può fare una diagnosi corretta senza prima visitare il paziente, controllando non solo i denti, ma anche i tessuti molli, la respirazione, la deglutizione, l'ATM e il viso nel suo insieme. Fare impronte delle arcate dentali e analizzare il rapporto tra i denti di un'arcata e dei suoi antagonisti, valutare OPT e Teleradiografia con tracciato cefalometrico e, solo dopo aver fatto la diagnosi, poter finalmente decidere la terapia. Se lei si è rivolto ad uno Specialista in Ortognatodonzia, per far visitare suo figlio, perchè non si è fatto chiarire i suoi dubbi? L'espansore a volte è la scelta giusta,ma non si può valutare guardando solo le radiografie che lei ha postato, se lo è in questo caso. Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Marisa Manca
Carbonia (CI)

La diagnosi e il piano di trattamento, come specifichiamo sempre in questo forum, non sono illustrabili via internet, in quanto sono richiesti troppi elementi per poterli formulare. Capisco bene che avere pareri discordanti sullo stesso caso clinico, possa lasciarla molto perplesso, ma soltanto con visite cliniche dirette da Ortdodontisti qualificati puó avere risposta.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Gentile Sig. Sandro, in ortodonzia non è possibile dare pareri via web perché bisogna fare una cefalometria per capire il problema. E' anche una branca della odontoiatria dove le scuole sono molte ed ognuna segue una sua filosofia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)