Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 4

Gonfiore e pallina rosa sopra la ferita fatta per inserire il perno in titanio

Scritto da marta / Pubblicato il
In data 7/7 mi sono recata dal dentista per inserire perno in titanio previa radiografia. In data 17/7 mi sono recata a togliere i punti e il dentista mi disse che si era rimarginato bene. Ieri sento gonfiore e pallina rosa proprio sopra la ferita fatta per inserire il perno. Mi reco dal dentista e mi dice che è un infezione, la incide con una forbicina per farla drenare e mi dice di tornare tra 2 giorni. Premetto che sono in ansia perchè ho scoperto dopo di essere stata in gravidanza il giorno 7/7 ero credo alla 2/3 settimana ho preso augmentin x6gg e synflex per 2 gg. Vorrei capire perchè ho sviluppato questa infezione e se visto che intanto non posso prendere antibiotici rischio qualcosa. Una volta risolto poi il futuro impianto potrebbe avere problemi?
Cara Signora Marta, buongiorno. "perché ho sviluppato questa infezione"?! Può essere tante cose: un ascesso, una Parulide, una Epulide se avesse rapporti col parodonto magari non escisso bene o se fosse già stata presente e non escissa prima dell'intervento implantologico, un Fifbroma o tanto altro! Come posso Diagnosticare io da lontano ed in base ad una sola foto? Basta fare una visita con sondaggio perimplantare e parodontale in tutti gli altri denti, in sei punti intorno all'impianto e in sei punti di ogni dente di tutti i denti ed una Rx endorale dell'impianto e saggiare la eventuale mobilità dell'impianto stesso! Parli col Suo Dentista! Riguardo alla gravidanza ed ai farmaci presi, stia tranquilla: La gravidanza, cara Signora mia è uno stato Fisiologico della donna. Non uno stato Patologico ed in esso può fare tutto se ovviamente prosegue tutto bene! Può fare qualsiasi terapia, anestesia e radiografia endorale, non le OPT o altre Rx grandi per patologie mediche! Ovviamente col grembiule ed il collare di piombo di peso adeguato! Ci ragioni su. Nessuna donna in età fertile può sapere se è iniziata una gravidanza o no ogni volta che va per una cura dal Dentista. Bisognerebbe, se fosse vero che potesse essere pericoloso fare le terapie odontoiatriche, sottoporre al test di gravidanza, sistematicamente tutte le donne che si recano da un Dentista per qualsivoglia terapia od accertamento, dopo che si sono astenute da ogni rapporto sessuale per il numero di giorni in cui il test non può risultare positivo se fosse iniziata una gravidanza! Quindi si rilassi. Anche ai primi giorni di Gravidanza non può accaderle niente né può accedere niente al feto anche se in stato embrionale!Che si parlino il suo Dentista con il suo Ginecologo, eventualmente! E' una "sciocchezza"! Auguri neo mammina :) Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

In linea di massima, con una visita clinica ed una radiografia endorale, si definiscono le cause del problema e la via di risoluzione di questa infezione in corrispondenza del sito implantare. Solitamente questo tipo di problemi si risolvono, e possono accedere parziali infezioni delle ferite chirurgiche anche tardive (chiusura troppo veloce, residui di cibo e quindi batterici etc etc), ma è comunque il collega che la sta seguendo che può definirle.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig. Marta, cestini pure l'ansia che l'antibiotico assunto è proprio quello indicato negli stati di gravidanza. Ora occorrerebbe conoscere una diagnosi certa, l'infezione è solo un probabile sospetto diagnostico, infatti non le viene prescritto altro antibiotico e verrà ricontrollato il tutto tra 2 giorni; se non ci fosse guarigione o recidiva le consiglio una visita presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale dei tessuti molli del cavo orale. Auguri.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Per quanto riguarda i farmaci in questa fase della gravidanza non ci sono problemi concreti. Per quanto riguarda l'infezione sull'impianto, bisogna vedere bene col suo dr di che si tratta. Le rx con la protezione del grembiule di piombo non rappresentano minaccia alcuna per il bimbo.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)