Menu

Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 9

E' proprio necessario fare in anteprima queste Tac?

Scritto da Pasquale / Pubblicato il
Buongiorno. Devo effettuare tra pochi giorni una Tac del massiccio facciale senza mezzo di contrasto, che mi è stata prescritta dall'otorino per una sospetta sinusite odontogena dovuta ad un premolare superiore molto cariato e da estrarre. Il dentista vuole effettuare successivamente all'estrazione un impianto e mi dice che per valutare l'osso ha bisogno non della Tac ma di un Dentalscan. Per la verità prendere tutte queste radiazioni mi preoccupa molto. A quanto ho capito il problema sta nel fatto che estraendo il dente potrebbe restare una comunicazione oro-antrale con il seno mascellare. La mia domanda è questa: E' proprio necessario fare in anteprima queste Tac? voglio dire che se il dente deve comunque essere estratto, l'estrazione potrebbe essere benissimo fatta senza fare prima la tac e l'eventuale foro con il seno mascellare essere suturato seduta stante. Sbaglio? Vale la pena prendere tutte queste radiazioni nocive? Grazie
Caro signor pasquale, buongiorno. Lei si domanda "Vale la pena prendere tutte queste radiazioni nocive?"! Perché non si chiede invece "il dente da estrarre e da sostituire con un impianto è proprio non curabile ed è proprio da estrarre?" In ogni caso se il rapporto col pavimento del seno mascellare è molto stretto, col rischio di provocare una comunicazione oro-antrale come complicazione, la Tac Odontoiatrica (Dentalscan o Cone Beam 3d o 2D) è necessarie proprio per valutare questi rapporti e per fare uno studio preimplantologoco. Caro Signore, non basta una "sutura" per chiudere una comunicazione oro antrale ed essa non è da prendere alla "leggera" e con "superficialità". Legga nel mio profilo "Lembo trapezoidale mucoperiosteo e innesto libero di gengiva per il trattamento di una fistola oro antrale cronica". Le invio in ogni caso una Foto poster di un intervento di plastica del pavimento del seno mascellare perforato. , mi permetto di dirle che trovo molto scorretto da parte sua , nei confronti del Suo Dentista, cercare conferme presso altri ed addirittura nel Web! Parli con Lui! Si Fida e lo Stima o no? Consultare così il Web è molto pericoloso! Che brutta abitudine sta ormai dilagando! Non mi piace e purtroppo è figlia di questi tempi "malsani" che stiamo vivendo! Insomma voglio farle capire che noi, almeno io, non siamo qui per confermare o no pianificazioni terapeutiche di Colleghi. Non siamo Giudici,ripeto, ma Medici Odontoiatri! Il rapporto di Stima e Fiducia Reciproca Medico-Paziente è Fondamentale. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE
comunicazione-oro-antrale-dr.-g.-petti-271.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Pasquale, molto spesso le indagini radiologiche si rendono necessarie per sciogliere i dubbi esistenti e per effettuare una diagnosi corretta per una giusta terapia e questo non per un capriccio del professionista ma soprattutto nell'interesse del paziente. Senza una diagnosi certa non si potrà mai sperare di avere una terapia giusta ed efficace ma si procederà per tentativi che di solito portano a conseguenze disastrose. Quello che mi rende un poco perplesso è questa confusione generata da una possibile spiegazione insufficiente. Il dentalscan non è altro che una tac per la zona di interesse odontoiatrico, qiundi in pratica è la stessa cosa ma magari detta in modo diverso. E' strano che non abbiano fatto cenno ed abbiano suggerito una CONE BEAN in sostituzione della tac che avrebbe dei vantaggi rispetto alla classica TAC e cioè una migliore definizione e una riduzione notevole della dose di raggi erogati. Si faccia spiegare meglio dal suo dentista con un sereno e costruttivo colloquio. Probabilmente c'è stato qualche incomprensione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Buongiorno sig. Pasquale può fare il dentalscan dopo 4/6 mesi dall'estrazione. Faccia l'estrazione ela chiusura della eventuale fistola oro-astrale sarà cura del suo dentista chiuderla con un lembo di scorrimento palatale. Buona giornata

Scritto da Dott.ssa Elisabetta Antonelli
Roma (RM)

Il problema di fondo è questo mix fra otorino e dentista e paziente, senza che leiabbia veramente capito cosa fare (tac e dentalscan sono la stessa cosa, detta in modo diverso). Lei vuole solo fare l'estrazione e null'altro? È sufficiente o una panoramica o ancora meglio una rx endorale. A breve vuole sostituire il dente con un impianto (non subito, se, come dice, è presente una infezione cronica)? Allora serve un esame in 3d, cioè una tac dentale mirata. È necessario che si chiarisca molto bene con il collega che la sta seguendo, il dialogo e la comunicazione sono la prima cosa.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno signor. Pasquale, le suggerirei di mettere in contatto il suo dentista con l'otorino affinché possano concordare una strategia di lavoro che abbia al centro la sua salute e che permetta loro di coordinare le azioni. In linea di massima un dentista deve essere capace di estrarre un dente chiudendo l'eventuale comunicazione oro antrale senza difficoltà, estrazione che è la cura della sinusite odontogena (ammesso che l'estrazione sia l'unica soluzione).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Solitamente la si fa prima dell'impianto e dopo l'estrazione ma evidentemente vi sono dei dubbi clinici per cui il collega la ritiene importante. Via mail difficile dire di più. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Gentile Sig. Pasquale, per chiudere una comunicazione oro-antrale non basta una semplice sutura, ma con un lembo. Il tutto si complica se vi è una sinusite. Ora fare un impianto con una sinusite in atto è molto rischioso. Pertanto risolva il problema al seno mascellare, poi si penserà all'impianto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Sig. Pasquale, perché fa tutta questa confusione? Metta un comunicazione i due professionisti tra di loro e stia alle loro indicazioni. Saranno poi loro, e non lei, che stabiliranno gli accertamenti da eseguire.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Buongiorno Sig. Pasquale. Trovo alcune sue riflessioni motivate da ragionamenti che di solito un paziente normale non può fare a meno che non sia un sanitario. Sembra anzi che il suo disappunto col dentista sia più legato alla scarsa comunicazione ed al tipo di indagine radiologica che dovrebbe eseguire piuttosto che non al reale stato patologico e alle sue modalità di trattamento. Se lei ha questa buona cultura di base dovrebbe anzi essere più facile discutere faccia a faccia il suo piano di cure col dentista piuttosto che on line in Internet ove manca ovviamente l'oggettività dello stato patologico, che è invece preminente in fase di accertamento clinico-diagnostico. Ne deriva quindi che le nostre eventuali considerazioni sono da considerarsi solo come pure e semplici ipotesi. A) La presenza di una sinusite odontogena ( ne esistono di diversa gravità ed evoluzione, ma non ci dice quale )non implica di per sé obbligatoriamente l'estrazione. B) Non conosciamo la natura della compromissione del dente in questione né la certezza della sua irrecuperabilità. C) Qualora si prospetti la possibilità di una fistola oro antrale post-estrattiva questa non sempre si verifica né deve per forza essere grave ed intrattabile. D)Nel caso di fistola di grosse dimensioni con possibile lacerazione della membrana del seno mascellare mi sembra poco proficuo e meno consigliabile procedere ad un impianto postestrattivo immediato per una serie di motivi che comunque lo controindicano . In tal caso la radiografia può essere di aiuto a prendere una decisione preoperatoria ma la reale fattibilità di una tecnica o di un'altra dipende spesso dalla destrezza e dall'esperienza del chirurgo . E) Nessuno le impedisce di chiedere prima l'estrazione ( eventuale )ed attendere la guarigione dei tessuti duri e molli cui poi far seguire l'impianto. Come vede i "se" ed i "ma" si sprecano. Parli a cuore aperto col dentista, chiarisca i suoi legittimi dubbi con lui perché via cavo è ancora difficile far terapia. Buonasera. Massimo Scaramelli.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scaramelli
Pisa (PI)