Menu

Domanda di Fratture dei denti

Risposte pubblicate: 7

Da tempo assisto ad un progressivo e costante deterioramento dei denti

Scritto da ALESSANDRO / Pubblicato il
Buongiorno, da tempo assisto ad un progressivo e costante deterioramento dei denti, si scheggiano e soprattutto si "svuotano" internamente, le parti della corona esterna rimangono e non avendo all'interno supporto, finiscono per rompersi. Il mio Dentista ad oggi non ha una diagnosi per questo "svuotamento", ho richiesto di riempire i denti come se fossero otturati per proteggere la parte ancora presente, questa procedura può avere un senso? grazie
Gentile Alessandro purtroppo senza una visita e senza dati oggettivi come ad esempio delle radiografie è assolutamente impossibile poterle rispondere con certezza basandosi solo su di un racconto. Sicuramente una causa ed una spiegazione al suo problema esiste ma non è certo risolvibile su internet senza il minimo elemento diagnostico. Forse probabilmente la formazione così frequente di carie potrebbe essere dovuta ad una insufficiente igiene orale domiciliare e mancanza di controlli semestrali. Ripeto forse non conoscendo il suo caso. Il suo dentista comunque dovrebbe essere in grado di formulare una diagnosi dopo visita accurata e studio di indagini diagnostiche adeguate. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Caro Signor Alessandro, buongiorno. Bisogna ovviamente valutare tutto clinicamente ed anamnesticamente! All'età di 44 anni direi che la cosa più probabile è che abbia carie molto "distruttive e floride e quindi veloci" che si formano a livello del colletto o parte coronale della radice e quindi sottogengiva che solo un occhio molto attento e capace nel sospettarle può diagnosticarle quando sono iniziali! Il "riempire le cavità lasciando lo smalto fuori, assolutamente no! Almeno in teoria perché non la vedo clinicamente. Questo perché la struttura esterna del Dente (smalto) cederebbe e si fratturerebbe. Valutando la salute delle radici, opterei, dopo eventuali allungamenti delle corone cliniche ( la corona clinica è la parte del dente che emerge dalla gengiva), per una riabilitazione con perni-moncone e relative corone protesiche, prima provvisorie e poi definitive nel materiale più adatto alla situazione clinica! Tutto questo dopo aver escluso la presenza di tasche parodontali (che se ci fossero sarebbero manifestazione di malattia parodontale (parodontite) e che andrebbe prima curata con la chirurgia Parodontale dopo preparazione iniziale con curettage e scaling e root-planing e rivalutazione parodontale per pianificare tetrapia, dato che le carie potrebbero non vedersi se partissero proprio sottogengiva dalla zona dei denti che si trovassero a contatto con le tasche parodontali stesse. Lei ha bisogno di due visite intervallate da una preparazione iniziale con Igiene Professionale della tasca, Curettage e Scaling e Root Planing per rimuovere il tessuto di granulazione dall'interno della tasca stessa che falsa la presa delle misurazioni della sua profondità, le Rx endorali complete, i modelli di studio e che nella seconda visita si riprendono le misure delle tasche che ora saranno quelle vere e dalla differenza tra le prime e le seconde si fa diagnosi sul tipo di Parodontite, sulla sua Aggressività, sulla sua attività e si emette una Prognosi e si pianifica una eventuale terapia se ovviamente ci fosse la Malattia Parodontale o Endoparodontale che fosse!!! Non creda che la Sua situazione sia rara o unica, ne abbiamo viste tante io e mia Figlia Claudia in Studio di queste patologie e si possono e si devono curare con "tranquillità": è normalissima e consueta routine Odontoiatrica dove si esercita una Odontoiatria di qualità, naturalmente. Si tranquillizzi quindi. Cari Saluti e mi saluti Massa Carrara che ho nel cuore perché da bambino vi trascorrevo felici mesi da mia Nonna Materna :) e che conosco molto bene da sempre!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Io ho capito diverso da quello che hanno inteso i colleghi. Probabilmente serra o bruxa i denti. Quindi invece di avere un fisiologico spazio libero tra le arcate superiori ed inferiori ha i denti che serrano sempre. Dato che lo fanno di più alla mattina potrebbero esserci (specie al risveglio) fastidi/dolori, tensione ai muscoli della mascella, masticazione a fatica, ecc. Se il problema fosse come ho inteso io dovrebbe "rialzare i denti" con bite. Talvolta non è semplice modificare una masticazione compromessa e richiede la sapiente mano di uno gnatologo. Sempre che non volesse intendere (ma non credo) che sia affetto da carie ripetute come dicono i colleghi. Saluti 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Sig Alessandro, inviti il suo odontoiatra a portare il suo caso a qualche congresso o di pubblicarlo nel nostro sito; è veramente difficile se non impossibile oggi avere delle lesioni dentali senza una diagnosi certa. Casi come il suo devono essere pubblicati e non trascurarti se vogliamo che la scienza avanzi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Sig. Alessandro credo che il suo sia un caso di bruxismo questa è una ipotesi anche perche solo dalla sua spiegazione è veramente difficile,delle fotografie potevano essere di aiuto .

Scritto da Dott. Gianfranco Tortora
Brescia (BS)

Il suo caso è tipico dell'Ufficio Complicazioni Semplici, per la cui i interpretazione occorrono idee chiare e distinte. Può essere un problema di cario-recettività eccezionale, molto raro a 44 anni. La malattia cariosa è un'infezione che si combatte con la eliminazione dei fanghi lasciati dai residui alimentari in fermentazione ossidativa, e dove non arriva lo spazzolino arriva il dentista con sedute trimestrali nelle quali si possono verniciare i denti con delle lacche anticarie, riempire i solchi che appaiono pericolanti con della plastica adesive, e poi con il cambio radicale delle abitudini dietetiche e igieniche. S lei fosse stato più chiaro, avrei tolto alcune frasi inutili. Seconda ipotesi. Se lei sta distruggendo le lame della sua dentatura - perché le cuspidi sono lame - per effetto di un serramento a vuoto che si chiama bruxismo, abbiamo sotto gli occhi la ricetta perfetta per l'invecchiamento accelerato della sua dentatura. Se i denti fossero una faccia, la sua faccia la presenterebbe come coetaneo di un settantenne. Se l'ipotesi B è giusta, bisognerebbe capire se lei è ridotto a questo modo per la cattiveria dei dentisti che l'hanno curata (causa iatrogena) o per la cattiveria degli dei (causa nativa). Vado avanti a colpi di fulmine. Questa malattia, che si chiama "malattia occlusale", è curabile per mano di un dentista di straordinario talento. Se lo trova, paghi per il merito. Altrimenti metta in conto in un tempo prossimo venturo di avere una bella dentiera da pensionato. Le dentiere accurate rendono felici molte persone nelle case di riposo, e non bisogna avere pregiudizi inopportuni. Non dico altro. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Gentile Sig. Alessandro, non si può dare una risposta senza fare una diagnosi certa, cioè fare una visita accurata. Altrimenti sono solo se, forze, può darsi ecc. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)