Menu

Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 6

Un anno fa mi è stato effettuato un trattamento tricanalare ad un molare superiore

Scritto da monica / Pubblicato il
Buon giorno! Un anno fa mi e' stato effettuato un trattamento tricanalare ad un molare superiore. Durante la pulizia di un canale, si e' rotto un pezzo di quello che viene usato solitamente dai dentisti x fare queste operazioni (mi sfugge il nome!!).Alla fine il dente e' stato chiuso, dalla lastrina si vede questo pezzettino di ferro. Fin'ora non mi ha dato problemi, ora invece sento il freddo. Solo bere o sciacquarmi i denti mi provoca un forte dolore. Potrebbe essere quella la causa? Che fare? Grazie
Cara Signora Monica...lo strumento che si è rotto nel canale serve per alesare e limare il canale stesso = strumentazione del canale, non è di ferro ma di altri materiali "inerti" e non dannosi... il problema è se l'apice sia stato chiuso lo stesso. Se così fosse, di regola non si hanno problemi..se così non fosse...bisogna estrarre lo strumento rotto dal canale...cosa che al momento della rottura si sarebbe dovuta fare...con tanta pazienza e gli strumenti adatti si riesce quasi sempre nell'operazione...in caso negativo si riesce a chiudere l'apice quasi sempre...quindi se tutto è stato fatto bene...non dovrebbe avere grossi problemi...restando inteso che sarebbe bene toglierlo ora...in ogni caso i sintomi che descrive si riferiscono ad una sensibilità pulpare che è probabile che provenga da qualche dente vicino...in ogni caso, fare una diagnosi è semplicissimo per il dentista...ECCO: la terapia deve essere fatta solo dopo avere accertato la diagnosi...: ...le prove termiche si fanno con il caldo e con il freddo...esistono liquidi che spruzzati su un batuffolino di cotone con cui toccare il dente abbassano la temperatura improvvisamente da 37° a -4° e le garantisco che se c'è patologia pulpare...la si scopre...il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo...il processo è reversibile e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa..qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente va devitalizzato...ovviamente si deve fare una Rx endorale in diverse proiezioni se necessaria...ed una visita clinica accurata con percussione assiale e trasversale...una analisi occlusale-gnatologica del dente e stia sicuro che si arriva ad emettere una diagnosi certa ed a formulare una terapia idonea...stia tranquillo e sereno...è una sciocchezza di ordinaria "amministrazione"...quello che ha è un semplice normalissimo ascesso...per probabile necrosi pulpare...basta curarlo, drenarlo quando è maturo, curare la radice endodonticamente e ricostruire il dente...i microbi stanno e vivono nella radice in necrosi come in una "provetta" trovando un terreno ideale...sono microbi cattivi...anaerobi e gram negativi...le loro tossine escono fuori dal dente e causano una zona di osteolisi ( quella macchia nera che vede in radiografia, che mi auguro sia stata fatta e sotto forma di RX endorale) per stimolazione degli osteoclasti che distruggono l'osso (per intenderci gli osteoblasti sintetizzano e formano osso...gli osteoclasti lo distruggono)...una volta curata e sterilizzata e sigillata in modo perfetto la radice...queste tossine scompaiono dall'osso...perchè non ci sono più i microbi a sostenerle da dentro la radice...e il granuloma ( o la cisti) si riassorbe da solo...se non si riuscisse ad estrarre lo strumento e l'apice fosse non raggiunto e non chiuso ... si curano le radici per via retrograda ossia chirurgica...si scolpisce un lembo di accesso all'osso...si perfora...l'osso...a livello degli apici delle radici...e si curano le radici entrando in esse dall'apice...per via retrograda ...poi si sigilla l'apice agli apici con MTA o con Amalgama d'argento chirurgica priva di zinco...: quindi il dente, in linea di massima, perché non la vedo clinicamente ma il mio parlare è supportato dal fatto che il suo dentista avesse fatto la terapia e quindi ciò dimostrerebbe che il dente è stato giudicato salvabile ecco perché le ho fatto tutto questo discorso. Inoltre guarire un granuloma (che è molto probabile che lei abbia...o possiamo chiamarla più genericamente area di osteolisi periapicale, espressione dell'infezione) è importante per l’organismo intero perché mette a riparo dalle malattie focali a distanza di organi importanti che hanno il loro Fucus di partenza “in cavità dell’organismo comunicanti con l’esterno”, in questo caso la zona di osteolisi periapicale, granuloma o anche cisti che siano o parodontite acuta periapicale o tasche parodontali o altre infezioni presenti in bocca appunto in una cavità del corpo umano, comunicante con l’esterno...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia in Cagliari, Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Il freddo viene percepito solo dai denti vitali. Il trattamento canalare da lei effettuato, (pulpectomia) causa la completa rimozione dei nervi deputati alla ricezione degli stimoli termici (caldo o freddo che sia)..per cui cara signora, il dente dal quale parte il sintomo dolore come risposta allo stimolo termico, dev'essere per forza di cose un dente contiguo a quello trattato. Cordialmente, Gianluigi Renda

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Gli Ottimi Petti e Renda Le hanno già dato eccellenti spiegazioni che mi trovano concorde, sappia che è possibile affiancare, quando la posizione del pezzo fratturato è tale da non poter essere rimossa, con un cono di guttaperca il frammento di strumento rotto, tenendo presente che, l'obbiettivo è il perfetto sigillo del canale, anche la presenza di un frammento non costituisce alcun problema se detto sigillo è stato ottenuto. Cordialità Gustavo De Felice sapri sa.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

La sensibilità che avverte è da riferire ad un altro dente consigliata visita odontoiatrica con eventuale rx, per quanto riguarda il frammento fratturato nel canale, se comunque l'apice è sigillato, non ci saranno risentimenti apicali, anche qui utile un rx endorale per valutare l'oggettività di quanto detto.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Confermo quanto dicono i colleghi La sensibilità e la dolenzia al freddo partono da qualche altro dente.

Scritto da Dott. Paolo Gilardini
Ivrea (TO)

Sig.ra  Monica, con la saggia risposta del dott. De felice, l'importante è il sigillo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento